You are currently browsing the tag archive for the ‘Treviso’ tag.

enricodarling

It will be held on 29th April 2014 in Treviso, in Via Achille Papa 1, at the Fashion Design Faculty of Iuav University of Venice, at 2:30 pm the talk “Il collezionista di abiti”, being part of series of conferences organized by Maria Luisa Frisa and Gabriele Monti “Mostrare la moda oggi: il gesto del curatore” (during the exhibition “Revisioni: Esercizi a partire da una study collection”, curated by Gabriele Monti which is held in Venice at the Spazio Punch), a talk featuring the clothing collector and dear friend Enrico Quinto. Enrico is the co-owner of collection Enrico Quinto- Paolo Tinarelli, including 130 clothes that star in an exhibition on the Italian Glamour, recently opened in Rio De Janeiro, I tell you about during the forthcoming days (ten items being part of collection are also showcased in “The Glamour of Italian Fashion”, exhibition which is held in London at the Victoria & Albert Museum and runs through 27th July). I like reminding a nice circumstance I shared with him, talking about possession and fashion culture and involving a Bagonghi bag, my favorite bag by Roberta di Camerino, we found during a pleasant Summer afternoon in Rome. Walking on the street, in the area of Piazza Navona, in Via del Governo Vecchio we found the Bagonghi bag, which was close to the rubbish container. It was and is my favorite bag, I was happy to find it with my friend, put on the ground as garbage. Not being part of me – spiritually and materially – the possession, believing in random synchronicity – as nothing happens for random -, I immediately gave it to my friend. Knowing it was my favorite bag he wanted I held it. Instead of me who I am just someone who liked this bag, I considered Enrico as a kind of fashion culture’s guardian and therefore he had to have it. Thus it has been. Fashion culture is such an essential value, a value arising from the creativity connected to the matter, an object, a garment and goes beyond the ethic of possession (after all I always have chosen between to have or to be of being). And concerning that or rather fashion culture, I am sure the words by Enrico (bright individual successfully joining intelligence and irony), his tales will be really precious to think about the work of a collector. A not to be missed happening which is just an announced success, as it often happens at the Iuav University.

“IL COLLEZIONISTA DI ABITI”, A TALK FEATURING ENRICO QUINTO AT THE IUAV UNIVERSITY

Enrico Quinto and the Bagonghi bag by Roberta di Camerino, photo by N

Enrico Quinto and the Bagonghi bag by Roberta di Camerino, photo by N

Si terrà il 29 aprile 2014 a Treviso, in Via Achille Papa 1, presso la Facoltà di Design della Moda dell’ Università Iuav di Venezia, alle ore 14:30 il talk “Il collezionista di abiti” che è parte della serie di conferenze organizzate da Maria Luisa Frisa e Gabriele MontiMostrare la moda oggi: il gesto del curatore” (in occasione della mostra “Revisioni: Esercizi a partire da una study collection”, curata da Gabriele Monti che si tiene a Venezia presso lo Spazio Punch), un talk di cui è protagonista il collezionista di abiti e caro amico Enrico Quinto. Enrico è comproprietario della collezione Enrico Quinto-Paolo Tinarelli, la quale include 130 abiti che sono protagonisti di una mostra, recentemente inaugurata a Rio De Janeiro sull’ Italian Glamour, in merito alla quale parlerò nei prossimi giorni (dieci pezzi che sono parte della collezione sono anche esposti in “The Glamour of Italian Fashion”, mostra che si tiene a Londra presso il Victoria & Albert Museum e prosegue fino al 27 luglio). Mi piace ricordare una simpatica circostanza condivisa con lui che parla di possesso, cultura della moda e coinvolge una Bagonghi, la mia borsa preferita di Roberta di Camerino, da noi trovata durante un piacevole pomeriggio estivo a Roma. Passeggiando per strada, nei dintorni di Piazza Navona, a Via del Governo Vecchio, abbiamo trovato una Bagonghi che stava a terra vicino al contenitore dell’ immondizia. Non facendo – spiritualmente e materialmente – parte di me il possesso, credendo nel sincronismo del caso – poiché niente accade casualmente -, l’ ho immediatamente donata al mio amico. Sapendo che era la mia borsa preferita voleva che la tenessi. Diversamente da me che sono soltanto qualcuno a cui piaceva questa borsa, considero Enrico una sorta di guardiano della cultura della moda e pertanto la doveva avere. Così è stato. La cultura della moda è un valore imprescindibile, valore che nasce dalla creatività legata alla materia, a un oggetto, un indumento e va al di là dell’ etica del possesso (dopotutto tra avere ed essere ho sempre scelto di essere). E in merito a ciò ovvero alla cultura della moda, son certa che le parole di Enrico(brillante individualità che unisce felicemente intelligenza e ironia), i suoi racconti saranno oltremodo preziosi per riflettere sull’ opera di un collezionista. Un evento imperdibile che è già un successo annunciato, come sovente accade alla Iuav.

Enrico Quinto and me at  the Rome Caffè Novecento

Enrico Quinto and me at the Rome Caffè Novecento

 

 

www.iuav.it

alcantara

Playful inter-action” is an interactive exhibition, ideated by Alcantara and MAXXI in collaboration with Fabrica ( Centre of communication research, placed in Treviso which is part of Benetton Group) to explore the sensorial experience of material which will be held in Rome at MAXXI from 12th November 2013 to 5th January 2014. The exhibition, curated by Giulio Cappellini (Alcantara art-director) and Domitilla Nardi (Design curator of MAXXI Architecture), focused on the idea of interaction, gives rise to a multi-sensorial experience: touch, sight, olfaction, hearing are the senses involved, featuring a catchy a series of associations that invite the viewer to caress the cloth Alcantara, to look at that as well as hear and smell it. A not to be missed happening to enjoy design, fashion and art.

“PLAYFUL INTER-ACTION”, UN PROGETTO DI ALCANTARA & MAXXI AL MAXXI DI ROMA 

Alcantara

Alcantara

Playful inter-action” è una mostra interattiva, ideata da Alcantara e MAXXI in collaborazione con Fabrica (Centro di ricerca di comunicazione, situato a Treviso che è parte del Gruppo Benetton) per esplorare la sensorialità del materiale, che si terrà a Roma presso il MAXXI dal 12novembre 2013 al 5 gennaio 2014. La mostra, curata da Giulio Cappellini (art-director di Alcantara) e Domitilla Nardi (Design curator di MAXXI Architettura), incentrata sull’ idea di interazione, dà vita a un’ esperienza multi-sensoriale: tatto, vista, olfatto e vista sono i sensi coinvolti, protagonisti di un’ accattivante serie di associazioni che invitano il visitatore ad accarezzare il tessuto Alcantara, guardarlo come anche udirlo e sentirlo. Un evento imperdibile per apprezzare design, moda e arte.

www.alcantara.com

www.fondazionemaxxi.it

Stefan Pollak, Anja Aronowsky-Cronenberg, Alessio Ascari and Maria Luisa Frisa

Stefan Pollak, Anja Aronowsky-Cronenberg, Alessio Ascari and Maria Luisa Frisa

Modesign/Fashion at Iuav 2013 ended with a series of smashing initiatives under the sign of fashion and its culture. The last day started with “Per una fotografia italiana di moda”, talk which was held at the Treviso TRA (Treviso, Ricerca, Arte) cultural association moderated by Saul Marcadent with a panel of experts which included Maria Luisa Frisa, Alan Chies, Andrea Batilla, Stefan Pollak, Anja Aronoowsky-Cronenberg, Alessio Ascari and Sabrina Ciofi who talked about media, magazines and independence. The focus of the talk was independence and the freedom of experimentation and involving emerging creatives.

Alessio Ascari, Maria Luisa Frisa, Sabrina Ciofi, Andrea Batilla and Alan Chies

Alessio Ascari, Maria Luisa Frisa, Sabrina Ciofi, Andrea Batilla and Alan Chies

Saul Marcadent, the moderator of talk and curator of exhibition

Saul Marcadent, the moderator of talk and curator of exhibition

Christopher Arden-Houser at the talk

Christopher Arden-Houser at the talk

That is a true and reasonable issue, though the independence as value in action should concern the whole circuit which gives rise to a magazine, even if it’s hard to commercialize an independent magazine without using the mainstream circuit of distribution. It’s hard, but it’s not impossible (otherwise the independence and values such as integrity and vision are just a charming artifice, hiding a dynamic of the mainstream press which, considering its role and position, frequently inserted in big group of media companies, should act differently, in the name of big numbers. Independence would be the only means for justifying the existence of a different product, resulting from its contents and it would be a too weak basis).

The exhibition  "Six photographers for six fashion magazines"at Treviso Tra

The exhibition “Six photographers for six fashion magazines”at Treviso Tra

Anja Aronowsky-Cronenberg, the editor-in-chief of magazine Vestoj, talked about her work experience, focusing on the Vestoj’s Manifesto which forbids any advertising (the most sensitive topic which is the condition of health and long life of a magazine) and represents the compromise which a magazine has to do, balancing and addressing the information given to the needs coming from the brands that paid for it), something I appreciated very much. (After all the times are ready to give rise to a new marketing strategy which is ethical inside out the realm of media). The talk ended with the visit at the exhibition “Flou, six photographers for six independent magazines”, curated by Saul Marcadent which included a beautiful portrait pic of Suzy Menkes.

6

7

8

A series of pictures including the portrait photo of Suzy Menkes

A series of pictures including the portrait photo of Suzy Menkes

The author and professor Alessandra Vaccari I saw at the end of talk

The author and professor Alessandra Vaccari I saw at the end of talk

Later in the early afternoon I visited another exhibition, “Linen Yarn. Il lino nel lavoro degli studenti di due scuole di moda: Central Saint Martin’s di Londra e Università Iuav di Venezia”, curated by Cristiano Seganfreddo. The event has shared with another event, the launch of the fashion tradeshow event Origin, Passion and Beliefs, created by Fiera di Vicenza and Not Just a Label and has been a successful chance to appreciate the laudable work made by Iuav students as Sophia Crema and Alma Ricci as well as to see Stefan Siegel of NJAL.

11

12

13

Linen Yarn

Linen Yarn

Sophia Crema and Alma Ricci from Iuav University

Sophia Crema and Alma Ricci from Iuav University

Hannah Donkin from London Central Saint Martin's

Hannah Donkin from London Central Saint Martin’s

17

Gianmarco Barnes

Gianmarco Barnes

Sophia Crema and Alma Ricci from the Iuav University

Sophia Crema and Alma Ricci from the Iuav University

Benedict Andallo from the London Central Saint Martin's

Benedict Andallo from the London Central Saint Martin’s

Sophia Crema and Alma Ricci

Sophia Crema and Alma Ricci

Cristiano Seganfreddo

Cristiano Seganfreddo

Silvano Arnoldo and me

Silvano Arnoldo and me

The Mr. Ripleyesque Stefan Siegel

The Mr. Ripleyesque Stefan Siegel

The day ended with two fashion shows, the Iuav Graduation show, curated by Kinkaleri which took place at the Treviso Edmondo De Amicis elementary school and the MA Graduation show, a fashion performance curated by Kinkaleri which was held at the Treviso Chamber of Commerce. The fashion shows displayed  the excellence of the emerging creativity from Iuav in the realm of menswear, presenting outfits that were ready to be commercialized and have nothing less than the products by emerging brands I saw recently during the latest fashion tradeshow events. That is a relevant result got by a public institution which trains young creatives and I celebrate as to study for becoming a fashion designer is a chance everyone should have beyond its own balance restrictions.

 

MODESIGN/FASHION AT IUAV 2013(3)

The Iuav graduation show

The Iuav graduation show

Modesign/Fashion at Iuav 2013 si è concluso con una serie di formidabili iniziative all’ insegna della moda e della sua cultura. L’ ultimo giorno è cominciato con “Per una fotografia italiana di moda”, talk che si è tenuto presso l’ associazione culturale TRA (Treviso, Ricerca, Arte) di Treviso moderato da Saul Marcadent con un gruppo di esperti che ha incluso Maria Luisa Frisa, Alan Chies, Andrea Batilla, Stefan Pollak, Anja Aronoowsky-Cronenberg, Alessio Ascari e Sabrina Ciofi che hanno parlato dei mass-media, magazines e independenza. Il fulcro del talk era l’ indipendenza e la libertà di sperimentazione e coinvolgimento di creativi emergenti.

25

26

28

Ciò è vero e ragionevole, benché l’ indipendenza quale valore in azione dovrebbe riguardare l’ intero circuito che dà vita a un magazine, pur essendo difficile commercializzare un magazine indipendente senza avvalersi del circuito di distribuzione di mainstream. É difficile, ma non è impossibile (altrimenti l’ indipendenza e valori quali integrità e visione sono soltanto un affascinante artificio che nasconde una dinamica della editoria di mainstream che, considerando il suo ruolo e la sua posizione, frequentemente inserita in grandi gruppi di società, dovrebbe agire diversamente, nel nome di grandi numeri. L’ indipendenza sarebbe l’ unico mezzo per giustificare l’ esistenza di un prodotto differente che deriva  la sua indipendenza unicamente dai suoi contenuti e ciò sarebbe un fondamento troppo debole).

The Iuav Fashion show at the Treviso elementary school Edmondo de Amicis

The Iuav Fashion show at the Treviso elementary school Edmondo de Amicis

30

31

Anja Aronowsky-Cronenberg, il direttore editoriale del magazine Vestoj, ha parlato della sua esperienza lavorativa, soffermandosi sul Manifesto di Vestoj che vieta ogni pubblicità (l’ argomento più sensibile che è la condizione di salute e lunga vita di un magazine) e rappresenta il compromesso che un magazine deve fare, bilanciando e indirizzando l’ informazione fornita alle esigenze derivanti dai brand che hanno pagato la pubblicità), qualcosa che ho apprezzato molto. ( Dopo tutto i tempi sono maturi per dar vita a una nuova strategia di marketing che sia etica dentro e fuori dall’ ambito dei mass media). Il talk si è concluso con la visita alla mostra “Flou, sei fotografi per sei magazines indipendenti”, curata da Saul Marcadent che includeva un bel ritratto di Suzy Menkes.

32

33

34

35

36

37

38

39

Successivamente, nel primo pomeriggio ho visitato un’ altra mostra, “Linen Yarn. Il lino nel lavoro degli studenti di due scuole di moda: Central Saint Martin’s di Londra e Università Iuav di Venezia”,curata da Cristiano Seganfreddo. L’ evento è stato condiviso da un altro evento, il lancio dell’ evento fieristico di moda Origin, Passion and Beliefs, creato da Fiera di Vicenza e Not Just a Label ed è stato una felice occasione per apprezzare il lodevole lavoro realizzato dagli studenti della Iuav quali Sophia Crema ed Alma Ricci come anche per incontrare Stefan Siegel di NJAL.

40

41

42

43

44

45

46

 Simone Sbarbati aka Frizzifrizzi I saw at the Iuav Graduation Fashion show


Simone Sbarbati aka Frizzifrizzi I saw at the Iuav Graduation Fashion show

La giornata si è conclusa con due sfilate, la Iuav Graduation show, curata da Kinkaleri che ha avuto luogo presso la Scuola Elementare di Treviso Edmondo De Amicis e il MA Graduation show, una fashion performance curata da Kinkaleri che si è tenuta presso la Camera di Commercio di Treviso. Le sfilare hanno esposto l’ eccellenza della creatività emergente della Iuav nell’ ambito dell’ abbigliamento uomo, presentando outfits che erano pronti per essere commercializzati e non hanno nulla in meno dei prodotti di brand emergenti che ho recentemente visto in occasione degli ultimi eventi fieristici di moda. Ciò è un risultato significativo ottenuto da una istituzione pubblica che forma giovani creativi e celebro poiché studiare per diventare un fashion designer è una possibilità che tutti dovrebbero avere a prescindere dal proprio vincolo di bilancio.

The Iuav MA fashion show, a fashion performance curated by Kinkaleri

The Iuav MA fashion show, a fashion performance curated by Kinkaleri

49

50

51

52

53

www.iuav.it

www.ashadedviewonfashion.com

 Maria Luisa Frisa holding a decoration (written: how can I help you?) part of the dress-code of a student who welcomed the audience at Iuav University


Maria Luisa Frisa holding a decoration (written: how can I help you?) part of the dress-code of a student who welcomed the audience at Iuav University

Modesign/Fashion’s event at Iuav 2013, happened recently and it consisted of exhibitions at Iuav University such as “Close-up. Sguardi sull’ attività del Corso di Laurea di Design della moda”, curated by Maria Bonifacic, “Fashion ephemera by Antonio Marras” curated by Mario Lupano (with whom I shared a Summer Epicurean interlude in a smashing place, the Giardino Bistrot, along with the blogger Nally Bellati, we had a delicious and fresh chicken salad and drank fresh mint tea) and the display of Bag factor 2013, which presented the results of a bag design workshop in collaboration with Bottega Veneta  and curated by Elda Danese.

2

3

The magazines on display

The magazines on display

5

The book written by the Iuav's professors as Maria Luisa Frisa

The book written by the Iuav’s professors as Maria Luisa Frisa

The final dissertation of a Iuav graduated student

The final dissertation of a Iuav graduated student

A fragment of students' life at Iuav

A fragment of students’ life at Iuav

A film documenting the work made by students at Iuav

A film documenting the work made by students at Iuav

Another smashing exhibition about the textiles has been “Refuso tessile. Archivio, riciclo e procedure progettuali”, curated by Maria Cristina Cerulli and Martina Bernardi which was held at the Treviso Archivio di Stato and showcased the work by Paoletti woolen mill.

The works by Iuav students

The works by Iuav students

11

12

13

14

15

16

The shooting area at Iuav

The shooting area at Iuav

Bag factor 2013

Bag factor 2013

19

20

The day continued with talks moderated by Giusi Ferrè where I met Brunello Cucinelli, appreciating his simplicity, dressed up with catholic-communist suggestions and many quotations, self-service of pre-packed thoughts (coming from Immanuel Kant, Vittorio Alfieri and another one which is commonly used in the fashion scene beyond the reading of “The idiot” by Fiòdor Dostoiewski: “beauty will save the world”, though he has been very elusive about the concept of his brand) and the words of Stefano Beraldo, CEO of Coin Group who told about the projects made in the realm of luxury as the opening of the Milan concept-store Excelsior as well in the fast-fashion realm started by Oviesse, the fast-fashion chain of group, involving fashion schools, graduated students and fashion designers in collaboration with Central Saint Martin’s and Matthew Williamson who announced the last step of project: a collaboration on the same project with the Milan fashion school Istituto Marangoni and the brand Aspesi.

MODESIGN/FASHION AT IUAV 2013(2)

The coffee shop-restaurant Giardino Bistrot

The coffee shop-restaurant Giardino Bistrot

Modesign l’ evento Moda alla Iuav del 2013, ha recentemente avuto luogo ed ha compreso mostre presso l’ Università Iuav quali “Close-up. Sguardi sull’ attività del Corso di Laurea di Design della moda”, curata da Maria Bonifacic, “Fashion ephemera di Antonio Marras” curate da Mario Lupano (con il quale ho condiviso un intermezzo estivo epicureo in un formidabile luogo, il Giardino Bistrot unitamente alla blogger Nally Bellati, abbiamo gustato una deliziosa e fresca insalata di pollo e bevuto tè verde alla menta) e l’ esposizione di Bag factor 2013 che presentava i risultato di un workshop di design della borsa in collaborazione con Bottega Veneta e curato da Elda Danese.

 The work by one of New Comers 2013, Martina Mazzon at Giardino Bistrot


The work by one of New Comers 2013, Martina Mazzon at Giardino Bistrot

Martina Mazzon at the Giardino Bistrot

Martina Mazzon at the Giardino Bistrot

Mario Lupano

Mario Lupano

Nally Bellati taking a picture of the Giardino Bistrot's owners

Nally Bellati taking a picture of the Giardino Bistrot’s owners

Un’ altra formidabile mostra sui tessuti è stata “Refuso tessile. Archivio, riciclo e procedure progettuali”, curata da Maria Cristina Cerulli e Martina Bernardi che si è tenuta presso l’ Archivio di Stato di Treviso ed ha esposto l’ opera del lanificio Paoletti.

26

The exhibition Refuso Tessile at the Treviso Archivio di Stato

The exhibition Refuso Tessile at the Treviso Archivio di Stato

28

29

30

31

33

34

35

36

37

The Treviso Archivio di Stato

The Treviso Archivio di Stato

La giornata è continuata con i talks moderati da Giusi Ferrè presso i quali ho incontrato Brunello Cucinelli, apprezzando la sua semplicità, condita da suggestioni catto-comuniste e plurime citazioni, self-service di pensieri preconfezionati (provenienti da Immanuel Kant, Vittorio Alfieri e un’ altra che è comunemente usata negli ambienti della moda al di là della lettura de “L’ idiota” di Fiòdor Dostoiewski: “la bellezza salverà il mondo”, benché sia stato molto elusivo riguardo al concept del suo brand) e le parole di Stefano Beraldo, CEO del Gruppo Coin che ha parlato dei progetti realizzati nell’ ambito del lusso quali l’ apertura del concept-store di Milano Excelsior come anche nellì ambito della fast-fashion intrapresi da Oviesse, la catena di fast-fashion del gruppo che coinvolgono scuole di moda, studenti neo-diplomati e fashion designers in collaborazione con la Central Saint Martin’s e Matthew Williamson, costui ha annunciato l’ ultimo passo del progetto: una collaborazione con la scuola di moda milanese Istituto Marangoni e il brand Aspesi.

A view on Treviso, a beautiful city

A view on Treviso, a beautiful city

 

A  drama oriented street in Treviso I like: via dei Filodrammatici

A drama oriented street in Treviso I like: via dei Filodrammatici

Maria Luisa Frisa, Giusi Ferrè and Brunello Cucinelli

Maria Luisa Frisa, Giusi Ferrè and Brunello Cucinelli

 Sofia, a young promising student at Iuav and genuine individual who gave me as a gift a smashing afternoon interlude


Sofia, a young promising student at Iuav and genuine individual who gave me as a gift a smashing afternoon interlude

Andrea Tomat and Maria Luisa Frisa

Andrea Tomat and Maria Luisa Frisa

A sunset interlude at Iuav featuring Valeria Regazzoni and me

A sunset interlude at Iuav featuring Valeria Regazzoni and me

 Maria Luisa Frisa introducing the second talk moderated by Giusi Ferrè featuring Stefano Beraldo


Maria Luisa Frisa introducing the second talk moderated by Giusi Ferrè featuring Stefano Beraldo

www.iuav.it

www.ashadedviewonfashion.com

Hotel Continental

Hotel Continental

The Newcomers 2013 is a laudable initiative at Modesign/Fashion at Iuav 2013 showcasing the works of the students of Iuav University Faculty of Fashion Design in many Treviso boutiques as well as in the Continental Hotel ( the set of movie “The consequences of love” by Paolo Sorrentino featuring Tony Servillo), place displaying the work by Gianluca Ferracin, inspired by the Asburgic era.

Hotel Continental

Hotel Continental

Gianluca Ferracin at the Continental Hotel

Gianluca Ferracin at the Continental Hotel

The emerging creativity and fashion culture, a value and a continuous dialogue, was the theme of two talks moderated by Cristiano Seganfreddo and Giusi Ferrè that took place at the Treviso Loggia dei Cavalieri and considered the purpose of a fashion school, the Treviso Faculty of Fashion Design (created in 2005 by Maria Luisa Frisa), for working on the Italian fashion identity in a region, the Veneto, hosting 9600 fashion companies and in a city, Treviso, including over 2000 fashion companies.

Gianluca Ferracin at the Continental Hotel

Gianluca Ferracin at the Continental Hotel

Gianluca Ferracin at the Continental Hotel

Gianluca Ferracin at the Continental Hotel

Gianluca Ferracin at the Comtinental Hotel

Gianluca Ferracin at the Comtinental Hotel

Gianluca Ferracin at the Continental Hotel

Gianluca Ferracin at the Continental Hotel

Prosit: Gianluca Ferracin at the Continental Hotel

Prosit: Gianluca Ferracin at the Continental Hotel

A main focus at the Iuav University is to join the training and working with promotion and the active process of observing the fashion project while questioning contemporary lifestyle. An important step in the further development of this laudable work has been the words by the new Treviso major, Giovanni Manildo, who has been one of the experts included in the second talk and considered the chance of bringing again the Biennale of Applied Arts in Treviso. Maybe as Giusi Ferrè asserted during the end of the second talk, that could be the starting point of something which could be (hopefully) developed in the forthcoming times: words to think about and do more and better.

MODESIGN/FASHION AT IUAV 2013 (1)

9

I Newcomers 2013 è una lodevole iniziativa alla Modesign/Fashion at Iuav 2013 che espone i lavori degli studenti della Facoltà di Fashion Design dell’ Università Iuav in molte boutiques di Treviso come anche nell’ Hotel Continental ( il set del film “Le consequenze dell’ amore” di Paolo Sorrentino con Tony Servillo), luogo che espone il lavoro di Gianluca Ferracin che si ispira all’ era asburgica.

Linda Zampieri at the Friscodisco music store

Linda Zampieri at the Friscodisco music store

The smashing music available at the Friscodisco music store

The smashing music available at the Friscodisco music store

La creatività emergente e la cultura della moda, un valore e un continuo dialogo, è stato il tema di due talks moderati da Cristiano Seganfreddo e Giusi Ferrè che ha avuto luogo alla Loggia dei Cavalieri di Treviso ed ha considerato la finalità di una scuola di moda, la Facoltà di Fashion Design di Treviso (creata nel 2005 da Maria Luisa Frisa), per lavorare sull’ identità della moda italiana in una regione, il Veneto che ospita 9600 aziende di moda e in una città, Treviso che include più di 2000 aziende di moda.

Agnese Pottino

Agnese Pottino

13

Venice artisanal cufflinks

Venice artisanal cufflinks

Una rilevante obiettivo dell’ Università Iuav è unire la formazione e il lavoro e operare nella promozione e il procedimento attivo nell’ osservare il progetto moda mentre si discute del lifestyle contemporaneo. Un importante passo nell’ ulteriore consolidamento di questa lodevole opera sono state le parole del nuovo sindaco di Treviso, Giovanni Manildo, che è stato uno degli esperti inclusi nel secondo talk ed ha preso in considerazione la possibilità di riportare la Biennale delle Arti Applicate a Treviso. Forse come ha affermato Giusi Ferrè alla fine del secondo, ciò potrebbe essere l’ inizio di qualcosa che (sperabilmente) potrebbe essere sviluppato in futuro: parole per pensare e fare di più e meglio.

Giusi Ferrè

Giusi Ferrè

Lapo Cianchi, Giusi Ferrè, Cristiano Seganfreddo, Federico Sarica

Lapo Cianchi, Giusi Ferrè, Cristiano Seganfreddo, Federico Sarica

Giusi Ferrè, Cristiano Seganfreddo, Federico Sarica, Maria Luisa Frisa

Giusi Ferrè, Cristiano Seganfreddo, Federico Sarica, Maria Luisa Frisa

Maria Luisa Frisa and Cristiano Seganfreddo

Maria Luisa Frisa and Cristiano Seganfreddo

The artist Antonio Riello

The artist Antonio Riello

www.iuav.it

www.ashadedviewonfashion.com

mlf iuav

There is an event July 3rd in Treviso that had been organized by Iuav University of Venice featuring the fashion culture and emerging creatives, the Newcomers 2013, their work will be displayed in the shop windows of many Treviso boutiques. Book launches, exhibitions and talks will also feature in the event as well as the book launch of “11 idee per l’ Italia”, translation ”11 ideas for Italy” (Marsilio editions) that will take place on 3rd July, at 7:00 pm, in the Treviso Loggia dei Cavalieri. Cristiano Seganfreddo will moderate a panel of experts such as Maria Luisa Frisa, Giusi Ferrè, Lapo Cianchi and Federico Sarica. Following the panel discussion there will be another talk about the official launch of Modesign/Fashion at Iuav, taking place at 9 pm and moderated by Giusi Ferrè.

11

Thursday 4th July at the Treviso Iuav University the exhibition “Close-up, sguardi sull’ attività del Corso in Design della Moda”, curated by Maria Bonifacic displaying the students work, “Fashion ephemera by Antonio Marras documenti per gli studi di moda”, display by Mario Lupano showcasing fashion documents, “Strike a pose”, a shooting event. It will follow “Refuso tessile. Archivio, riciclo e procedure progettuali” an exhibition, curated by Maria Cristina Cerulli and Martina Bernardi which will be opened at the Treviso Archivio di Stato at 5:00 pm and will run through 12th July. Later Giusi Ferrè will moderate the first talk “La felicità del made in Italy, conversazioni sulla moda, l’ industria e il territorio”, featuring Brunello Cucinelli which will be held at the Treviso Loggia dei Cavalieri at 6:00 pm and the event will follow with “Ritorno al futuro e second skin”, exhibition of the works by Iuav students that have financed by brands Lotto and Stonefly. The day will be ended by the second talk at 9:00 pm, featuring the Coin Group CEO Stefano Beraldo.

Giusi Ferrè

Giusi Ferrè

The smashing event will close on 5th July with a talk, “Per una fotografia italiana di moda” which will be held at Treviso TRA cultural association, the opening of exhibition “Linen yearn: il lino nel lavoro di due scuole di moda: London Central Saint Martins and Iuav University of Veniceat the Treviso Musei Civici which will runs through 13th July, the graduation show and a smashing after party. A not to be missed happening evidencing a laudable work by a public institution, focused in creating solid results to increase, support and share the fashion culture and emerging creativity.

MODESIGN/FASHION AT IUAV 2013, TRE GIORNI ALL’ INSEGNA DELLA CULTURA DELLA MODA E DELLA CREATIVITÀ EMERGENTE

Maria Luisa  Frisa

Maria Luisa Frisa

Il 3 luglio c’è un evento a Treviso che è stato organizzato dall’ Università di Venezia Iuav di cui sono protagonisti la cultura della moda e la creatività emergente, i the Newcomers 2013, il loro lavoro sarà esposto nelle vetrine di molte boutiques di Treviso. Presentazioni di libri, mostre e talks saranno anche protagonisti dell’ evento come anche la presentazione del libro “11 idee per l’ Italia”(Marsilio editore) che avrà luogo il 3 luglio, alle ore 19:00 pm, presso la Loggia dei Cavalieri di Treviso. Cristiano Seganfreddo modererà un gruppo di esperti tra cui Maria Luisa Frisa, Giusi Ferrè, Lapo Cianchi e Federico Sarica. A seguire della discussione del gruppo ci sarà un’ altro talk sul lancio ufficiale di Modesign/Fashion at Iuav 2013 che avrà luogo alle ore 21:00 e sarà moderato da Giusi Ferrè.

LINENyarn

Giovedì 4 luglio presso la sede di Treviso dell’ Università Iuav ci sarà la mostra “Close-up, sguardi sull’ attività del Corso in Design della Moda”, curata da Maria Bonifacic che esporra il lavoro degli studenti, “Fashion ephemera by Antonio Marras documenti per gli studi di moda”, display by Mario Lupano che espone documenti di moda, “Strike a pose”, un evento di shooting. Seguirà “Refuso tessile. Archivio, riciclo e procedure progettuali” una mostra, curata da Maria Cristina Cerulli e Martina Bernardi che sarà inaugurata presso l’ Archivio di Stato di Treviso alle ore 17:00 e proseguirà fino al 12luglio. Dopo Giusi Ferrè modererà il primo talk “La felicità del made in Italy, conversazioni sulla moda, l’ industria e il territorio” con Brunello Cucinelli che si terrà alla Loggia dei Cavalieri di Treviso alle ore 18:00 e l’ evento proseguirà con “Ritorno al futuro e second skin”, mostra delle orpere degli studenti della Iuav che sono stati finanziati da brands quali Lotto e Stonefly. La giornata sarà conclusa dal secondo talk alle ore 21:00 , con il CEO del Gruppo Coin Stefano Beraldo.

Il formidabile evento si chiuder il 5 luglio con un talk, “Per una fotografia italiana di moda” che si terrà presso l’ associazione culturale TRA di Treviso, l’inaugurazione della mostra “Linen yearn: il lino nel lavoro di due scuole di moda: London Central Saint Martins e della Università Iuav di Venezia presso i Musei Civici di Venezia che proseguirà fino al 13 luglio, il graduation show e un formidabile after party. Un evento imperdibile che dimostra un lodevole lavoro di una istituzione pubblica, dedita a creare solidi risultati per accrescere, sostenere e condividere la cultura della moda e la creatività emergente.

www.iuav.it

www.ashadeviewonfashion.com

origin 1

 

Fiera di Vicenza and NJAL, the virtual platform exploring and showcasing the emerging creativity created by Stefan Siegel with the endorsement of Iuav University of Venice and Venice Arts Biennale launches Origin, Passion and Beliefs, a fashion tradeshow event focused on accessories and jewelry which will be held in 2014. The launch event will be held from 4th to 7th July 2013 in Treviso at H-Farm – coinciding with Modesign/Fashion at Iuav 2013 -, but it will also move to Venice, will feature ideas, visions and will talk about the concrete difficulties that emerging fashion designers have in getting a successful role inside the market. A laudable event which gives rise to a new concept of fair, supported by an ethical vision which celebrated the Made in Italy, made in a place, a region, the Veneto, in the Brenta area which is a renowned manufacturing area.

UN NUOVO CONCEPT DI FIERA: ORIGIN PASSION AND BELIEFS DELLA FIERA DI VICENZA & NJAL

H Factory

H Farm

Fiera di Vicenza e NJAL, la piattaforma virtuale che esplora ed espone la creatività emergente creata da Stefan Siegel con il sostegno della Università Iuav di Venice e la Biennale delle Arti di Venezia lancia Origin, Passion and Beliefs, un evento fieristico di moda dedicato agli accessori e ai gioielli che si terrà nel 2014. L’ evento di lancio si terrà dal 4 al 7 luglio 2013 a Treviso presso la H-Farm – coinciderà con Modesign/Fashion at Iuav 2013 -, ma si sposterà anche a Venezia, avrà quali protagonisti idee, visioni e discuterà delle difficoltà concrete che hanno i fashion designers emergenti nell’ avere un felice ruolo all’ interno del mercato. Un lodevole evento che dà vita a un nuovo concept di fiera, sostenuto da una visione etica che celebra il Made  Italy, realizzato in una regione, il Veneto, nell’ area del Brenta che è un rinomato distretto manifatturiero.

www.notjustalabel.com

flou

 

 

June 28th 2013Flou, six photographers for six independent magazines”, exhibition curated by Saul Marcadent running through 13th July 2013, which will show the works by Nicol Vizioli from Drome, Giorgio Cacace from Hunter, Bea De Giacomo from Kaleidoscope, Julia Frommel from Nero, Alan Chies from Pizza and Marco Pietracupa from Studio, in Treviso at the cultural association TRA (Treviso Ricerca Arte).

Nicol Vizioli

Nicol Vizioli

The exhibition is organized by the Fashion Design and Multimedia Arts Faculty of IUAV University of Venice for Modesign/Fashion at Iuav 2013 and includes the launch of a publication, limited edition of 500 copies, in tabloid format and a talk which will be held on 5th July 2013 at TRA (during the closing day of Modesign/Fashion at Iuav 2013) and will feature Maria Luisa Frisa, Gabriele Monti, Anja Aronowsky Cronberg and Saul Marcadent. A not to be missed happening to enjoy bright creatives and the laudable work of a public institution to develop, spread and share the fashion culture.

MODA & FOTOGRAFIA:” FLOU, SEI FOTOGRAFI PER SEI MAGAZINES INDEPENDENTI” ALLA TRA DI TREVISO

Nicol Vizioli

Nicol Vizioli

Il 28 giugno 2013 si terràFlou, sei fotografi per sei magazines indipendenti”, mostra curata da Saul Marcadent che proseguirà fino al 13 luglio 2013, esporrà le opere di Nicol Vizioli di Drome, Giorgio Cacace di Hunter, Bea De Giacomo di Kaleidoscope, Julia Frommel di Nero, Alan Chies di Pizza e Marco Pietracupa di Studio, a Treviso presso l’ associazione culturale TRA(Treviso Ricerca Arte).

Alan Chies

Alan Chies

La mostra è organizzata dalla Facoltà di Fashion Design e Arti Multimediali della Università IUAV di Venezia per Modesign/Fashion at Iuav 2013 e include la presentazione di una pubblicazione, edizione limitata di 500 copie, in formato tabloid e un talk che si terrà il 5 luglio 2013 presso la TRA (in occasione della giornata di chiusura di Modesign/Fashion at Iuav 2013) e avrà quali protagonisti Maria Luisa Frisa, Gabriele Monti, Anja Aronowsky Cronberg e Saul Marcadent. Un evento imperdibile per apprezzare brillanti creative e il lodevole lavoro di una pubblica istituzione per consolidare, spargere e condividere la cultura della moda.

Alan Chies

Alan Chies

 

Bea De Giacomo

Bea De Giacomo

 

 

Bea De Giacomo

Bea De Giacomo

 

Giorgio Calace

Giorgio Calace

 

Giorgio Calace

Giorgio Calace

 

 

Julia Frommel

Julia Frommel

 

 

Julia Frommel

Julia Frommel

 

 

Marco Pietracupa

Marco Pietracupa

 

Marco Pietracupa

Marco Pietracupa

 

 

www.iuav.it

www.ashadedviewonfashion.com

My successful stay in Georgia for attending at Be Next, event created by Sofia Tchkonia which was held in Kobuleti at the Georgia Palace Hotel and ended with a hilarious day which started with a sightseeing in Batumi, city where the modern and different architectures of buildings and many hotels combine to the enchanting Georgian buildings. An evidence of new architectures are the two towers that here are, the Alphabetical Tower and another one which successfully evokes the Gotham city tower (but unfortunately without featuring any Batman). Later I went along with other people – Elisa Nalin, Andrea Provvidenza and Caterina Di Bert to Piazza, a square named “Piazza” – word which in Italian language stands as “Square” – and once I came there, I heard the sounds of a track by Adriano Celentano, I immediately laugh and talked to my companions about the existence of a county in Italy, close to Treviso named “Paese”, standing as “County”. Later I visited the concept store Made in Georgia which opened in the same day I visited it which hosted the collections made by Georgian fashion designers as Aka Nanitashivili and many others. The afternoon ended under the sign of Epicureanism with David Koma who invited me to join with him and go to Marcel – thinking wrongly he was a friend of David based in Batumi, instead it was a restaurant – place where I enjoyed delicious dishes that were typically Georgian.

Later I had a bucolic interlude visiting the Batumi Botanical Garden where it was held the fashion show by Avtandil, featuring a post-atomic, dream-like and zombiesque atmosphere, long dresses, catchy constructions, madras patterns. and successful overlaps of textiles under the sign of a languid and dramatic femininity. After the fashion show the zombiesque atmospheres has been the inspiration of some pictures I took of Andrea Provvidenza, Jacopo Manga, Elisa Nalin and Giovanni Ottonello.

I came back to the Kobuleti Georgia Palace Hotel where it was held the Be Next closing party, White party – which requested a white dress code, but naturally due to by nocturnal and sepulchral habit, black was the new white – where the Russian journalist Natasha Turovnikova turned into a smashing DJ, maker of a evening soundtrack which included celebrated tracks from Seventies, that extremely emphasized the fun of hosts.

LE CRONACHE GEORGIANE (6): UN POMERIGGIO A BATUMI, MODA & DIVERTIMENTO

La mia felice permanenza in Georgia per partecipare a Be Next, evento creato da Sofia Tchkonia che si è tenuto a Kobuleti presso il Georgia Palace Hotel e si è concluso con una ilare giornata che è iniziata con una gita a Batumi, città in le moderne e svariate architetture degli edifici e i plurimi hotels si combinano agli incantevoli edifici georgiani. Una dimostrazione delle nuove architetture sono le due torri che ivi si trovano, la Torre dell’ alfabeto e un’ altra che evoca felicemente la torre di Gotham (ma sfortunatamente senza la presenza di alcun Batman). Successivamente mi sono recata unitamente ad altri – Elisa Nalin, Andrea Provvidenza e Caterina Di Bert – presso Piazza, una piazza chiamata “Piazza” – parola che in italiano equivale a “piazza” – e una volta giunta ivi, ho sentito le sonorità di un brano di Adriano Celentano, sono scoppiata immediatamente a ridere e ho parlato ai miei compagni dell’ esistenza di un paese in Italia, vicino a Treviso, chiamato “Paese”, parola che sta a significare “Paese”, un nome molto chiaro. Dopodiché ho visitato il concept store Made in Georgia che aveva inaugurato lo stesso giorno in cui l’ ho visitato che ospitava le collezioni realizzate da fashion designers georgiani quali Aka Nanitashivili e molti altri. Il pomeriggio si è concluso all’ insegna dell’ epicureismo con David Koma che mi ha invitato a unirmi a lui e andare da Marcel – pensando erroneamente che fosse un amico di David residente a Batumi, mentre invece era un ristorante – luogo in cui ho apprezzato deliziose pietanze tipicamente georgiane.

Dopo ho avuto un intermezzo bucolico visitando l’ Orto Botanico di Batumi in cui si è tenuta la sfilata di Avtandil, di cui è sono stati protagonisti un’ atmosfera post-atomica, onirica e zombiesca, abiti lunghi, accattivanti costruzioni, stampe madras e sovrapposizioni di tessuti all’ insegna di una languida e drammatica femminilità. Dopo la sfilata le atmosfere zombiesche sono state l’ ispirazione di alcune fotografie da me scattate ad Andrea Provvidenza, Jacopo Manga, Elisa Nalin e Giovanni Ottonello.

Son tornata al Georgia Palace Hotel di Kobuleti in cui si è tenuto il party di chiusura di Be Next, il White party – che richiedeva un dress code di colore bianco, ma naturalmente in ragione della mia consuetudine notturna e sepolcrale, il nero era il nuovo bianco – in cui la giornalista russa Natasha Turovnikova si è trasformata in una formidabile DJ, artefice di una colonna sonora della serata che includeva celebri brani degli anni Settanta che hanno enfatizzato oltremodo il divertimento degli ospiti.

Anna Wintour, photo by Hermina Bruno

Walking on the web during the latest days, I ran up into a controversial satirical illustration that made fun to Anna Wintour, depicted with a hammer who hit the Milan Duomo, as well as the interesting reflection (http://burl.co/1929A39) that featured in Not Just a Label (NJAL), virtual platform that promotes and showcases the emerging creativity ideated by Stefan Siegel. It’s easy criticizing, creating enemies, masters and victims, Anna Wintour against the Milan Fashion Week, representing wrongly, approximately the reality, without focusing on the core of issues that are just more than a mundane soap-opera. The issues are semantic, semiotic, socio-economic, and concern marketing. The contemporary times are the extension of post-modernism, being the leitmotiv of latest years, a creeping post-modernism which unfortunately often isn’t either recognized for what is, due to the many semiotic gaps and cultural decadence of contemporary society. All that involves different consequences. One of these ones is the semiotic gaps being widespread would make hard today the rise and recognition of legendary personas like Alexander McQueen and Gianni Versace who are beyond the ethic of product which greatly – but fortunately not totally – features in the Milanese show-rooms, as well as the choices of production and distribution companies in the realm of fashion, sectors that affect and turn the creativity of fashion designer depending on the product request. It has often demonized the market, considered as enemy of creativity by tout-court critics that destroy without giving solutions, assertive thoughts to change a status quo being under the sign of lowest common denominator and incompleteness. I always asserted it can be done more without being heroes. What? It’s a question regarding the fashion houses, companies of production and distribution, fashion designers and/or creative directors of a brand, concerning many fields: the mainstream media and not only – as the fashion blogs that often succeed to discover before the world of glossy magazine on paper trends and emerging fashion designers -, buyers who are responsible for affecting the choices of mainstream consumerism by the selections they make, the institutions as the Italian National Chamber of Fashion, trade show events as the Milan White and Florence Pitti that give rise to promotional exhibition events, point of convergence between communication, sale, market and its operators, as well as the education which is involved in the training of fashion designers, featuring in the today and tomorrow made in Italy. Every realm I told about should develop an ethic under the sign of an effective and efficient semiotic decoding of contemporary fashion and incisively acting to support the new, communicating in a new way, presenting, showcasing and selling fashion in a new way, considering markets as conversations. The importance of brand stories, concept which is embodied in many books on marketing, fashion semiotic and fashion history, observing what features today in the concrete reality, there are many dyscracies, except the most celebrated Italian luxury brands (where the coherence with their stories is the necessary condition for their existence, concerns the signs featuring in their collections as well as, their promotion, communication and consequently encourages, promotes the consumer/customer loyalty who is pleased of belonging to the universe made concrete by the brand). This element often doesn’t get to the observers of fashion world, journalists and fashion bloggers, who are mostly focused on the choices of product, red carpets, its leading characters and what they wear under the sign of a fashion vision coinciding with the most extreme and empty fashionism, mere consumerism without any visual perception, that perception which made famous Diana Vreeland, first brilliant promoter of consumerism and its iconic value and later Anna Piaggi and her cult of vintage in an age where this habit wasn’t common. Being understood the consumerism is not an enemy, it requires the joint to a higher and more genuine semiotic vision and also new values that cannot be moved in background, either developed in a junk way: the sustainability, respect for environment, emancipation from poverty through work. Who writes is not nostalgic of past, but – from the bottom of her Pasolinian marginalism that arises from being far away from the mainstream and acting independently, promoting a positive and assertive thought, hopefully that is developed strongly in the near future also by the mainstream – an individual who always considered past as a trait d’ union with the present, syncretism, the dialogue between many channels of communications as an intellective and intellectual process of personal enrichment and means to decode the moment, contemporary times in fashion as well as in other realms. Instead all that doesn’t exist today, it’s nullified day after day and if it exists it hardly struggles or worst it is considered as an elite bulwark, an elegant drop of that culture which doesn’t feature in the mainstream at all and it is dusted off in case of need as charming exception proving the rule of nothingness which puts forward. I continue questioning with myself: why does it happen all that?

Carla Sozzani and me at 10 Corso Como, photo by N

The question arises from the bottom or better the first phase concerning fashion system, the educational training, as I asserted weeks ago to Carla Sozzani, being at 10 Corso Como, concept store she created, successful evidence of semiotic coherence, embodied in its setting, every suggestion – its website, virtual magazine and in her section “Sunday from my desk ”- being there. That is a brilliant evidence, as laudable exception to the rule of mainstream – mere result of fine mind and refined taste of the one who created all that – where the semiotic coherence is something being controversial. I emphasized – during this circumstance I like reminding – considering as need, categorical imperative of fashion educational field, the teaching for decoding reality (joint of mass and underground culture where the second one often affects the aesthetics of first one), giving to the young people – and I care for that as professor- a method for decoding reality, as well as considering the changes there have been in the realm of new media that have affected the way of assimilating datas and other by young people, circumstance for which a change and digitization of learning is needed. Beyond the importance – there is and it stays – of semiotic and historical-cultural analysis in fashion, the fashion schools that are mostly private even if it shines between them a public institution working under the sign of excellence (though the lack of funds given by Italy, due to the force majeure, result of the economic crisis which affected it), the Fashion Design Faculty of Iuav University of Venice, placed in Treviso and directed by Maria Luisa Frisa, there isn’t or better it is not incisively developed at yet a platform which trains the graduated students and support them, giving rise to a joint to the industry and market which goes beyond the step of training internships, being useful, but not decisive in this realm. That has a bright exception featuring in the Milanese fashion days, the Polimoda, renowned Florence – private – institution which launched since January 2012 the platform Polimoda Talents of whose result has been the Polimoda Fashion Week and other events that were held on June in Florence during the latest edition of Pitti, as well as the exhibition event in the Milan flagship store of Mauro Grifoni featuring during these days the graduated student Yojiro Kake and also during the forthcoming days an installation in Paris at Tranoi. That is what has made by a school within just only nine months, evidencing the ethic of “festina lente”, slowly hurrying up, works, but it’s better just to hurry up for getting more results, solid realities, spreading positive energy and giving rise to synapses under the sign of creativity and excellence. That has made by an Italian institution, directed by a bright individual who is not Italian, but Belgian, Linda Loppa. This is an emerging element to think about: the internazionalization of Italy in the fashion field – which is hard to grow up -, an approach which should be followed by other institutions, living in the age of globalization, where it would need resorting to the double track, glocal approach, global and local, creating the conditions for getting full and durable results. I was focused on the work by the schools, but the world of mainstream media as Vogue Italia launched laudable initiatives to support the emerging creativity, before collaborating with Altaroma – institution it doesn’t talk enough about, concerning its work promoting young creatives which ideated the talent-scouting award Who Is On Next - and later, more recently the Red Passion Talent Scouting Prize, event ideated in collaboration with Campari, featuring in the latest Milan edition of Vogue Fashion’s Night Out. This is the way to renew the Italy fashion system, make the new emerging, new that is not post-modern, mere re-edition or slavish reinterpretation of a far or near past -, thus it needs resorting to a careful semiotic analysis in order to distinguish and recognized that -, but it needs other for doing that. What does it need? To create the conditions for showcasing and stimulating as it does the Milanese trade show event White  – created by Massimiliano Bizzi – with its “Six talents for White” and the space “Inside White”, as well as Rosy Biffi, owner of Milanese boutique Biffi which hosts and sells the creations by finalists of Who Is On Next latest edition. Last but not the least, it’s still missing one of most relevant actors, the Italian National Chamber of Fashion. This institution has to deal with the Milan decadence which became the eightieth fashion capital in the world, as it says NJAL. Concerning that a remedy to consider is the reduction of costs for the fashion shows by renowned brands and emerging talents to make Milan a more desirable square for all the ones who would show in Italy, as well as to set up events that sinergically join to the work made by all the ones I already talked about. It’s a categorical imperative for Milan as fashion capital which shined and time after time has worn away. The ones who consider New York, its fashion week as the enemy and responsible of  Milan fashion week and the other fashion weeks troubles make a mistake, as that is an evidence of creating the – socio-economic – conditions to make this platform desirable and considered as a good investment. The Italian National Chamber of Fashion should work in this realm, dialoguing with the fashion houses, media, schools, buyers, for making that jump ahead which should do for honoring a past and tradition which cannot ignore, avoiding to turn this celebrated square into a product factory, just believing instead in the power of change and value of innovation and creativity.

LA SETTIMANA DELLA MODA MILANESE E L’ ETICA DEL FARE DI PIÙ SENZA ESSERE EROI

Maria Luisa Frisa, photo by Silvano Arnoldo

Nei giorni scorsi mi sono imbattuta, passeggiando nel web, in controverse illustrazioni satiriche che beffeggiavano Anna Wintour, ritratta con un martello che colpiva il Duomo di Milano, nonché nell’ interessante riflessione(http://burl.co/1929A39), apparsa su Not Just a Label (NJAL), piattaforma virtuale che sostiene ed espone la creatività emergente, ideata da Stefan Siegel. È facile criticare, creare nemici, dominatori e vittime, Anna Wintour contro la fashion week milanese, rappresentando la realtà in modo erroneo, approssimativo, senza affrontare il nucleo dei problemi che sono molto di più di una banale soap-opera. I problemi sono semantici, semiotici, socio-economici e di marketing. La contemporaneità é il prolungamento del post-modernismo, il leitmotiv degli ultimi anni, uno strisciante post-modernismo che spesso purtroppo non viene neppure riconosciuto per ciò che è a causa delle plurime lacune semiotiche e della decadenza culturale della società contemporanea. Ciò comporta svariate conseguenze. Una di questa è che le lacune semiotiche invalse renderebbero difficile l’ emersione ed il riconoscimento oggi di personaggi leggendari quali Alexander McQueen e Gianni Versace che esulano dall’ etica di prodotto che domina massimamente – ma fortunatamente non totalmente – gli show-room milanesi, nonché le scelte di aziende di produzione e distribuzione del settore della moda( attori che influenzano e correggono la creatività del fashion designer in base alla domanda di prodotto). Molto spesso il mercato è stato demonizzato quale nemico della creatività, mediante critiche tout court che demoliscono, ma non apportano soluzioni, pensieri assertivi per cambiare uno status quo che é all’ insegna del minimo comune denominatore e della lacunosità. Come ho sempre sostenuto si può fare di più senza essere eroi. Che cosa? E’ un interrogativo che oltre a inerire le case di moda, le aziende di produzione e distribuzione, i fashion designers e/o direttori creativi di un brand riguarda svariati settori: la comunicazione di mainstream e non soltanto – quali i fashion blog che sovente giungono prima del mondo della carta patinata a scoprire trend e fashion designers -, i buyer responsabili di influenzare mediante le loro selezioni le scelte di consumo, le istituzioni di settore quale la Camera Nazionale della Moda Italiana, le fiere quali White di Milano e Pitti di Firenze che danno vita ad eventi promozionali, espositivi, punto di unione tra comunicazione, vendita e mercato e l’ istruzione che sovraintende alla formazione di nuovi fashion designer, i protagonisti del made in Italy di oggi e domani. Ognuno di questi ambiti e dei suoi plurimi attori dovrebbe porre in essere un’ etica all’ insegna di una efficace ed efficiente decodificazione semiotica della moda contemporanea come anche agire in modo più incisivo per sostenere il nuovo, comunicare in modo nuovo, presentare, esporre e vendere la moda in modo nuovo, considerando i mercati conversazioni. L’ importanza delle storie di marca, del concept che sta alla base di un brand è un concetto che riempie plurima letteratura in materia di marketing, semiotica della moda e storia della moda, ma guardando oggi, nella realtà concreta esistono plurime discrasie, fatta eccezione per i brand italiani più celebri del mondo del lusso (in cui la coerenza con le loro storie è condizione necessaria della loro esistenza, informa i segni che sono protagonisti della loro collezione come anche la loro promozione e comunicazione e conseguentemente anima, promuove la fidelizzazione del consumatore/cliente, lieto di appartenere al mondo raccontato e concretizzato dal brand). Codesto elemento sovente sfugge agli osservatori del mondo della moda, i giornalisti e i fashion bloggers, più orientati sulle scelte del prodotto, sui red carpet, i loro protagonisti e cosa indossano, all’ insegna di una visione della moda che coincide con il più estremo e vuoto fashionismo, mero consumo senza alcuna percezione visiva, quella percezione che ha reso celebre Diana Vreeland prima promotrice del consumo e del suo valore iconico e successivamente Anna Piaggi ed il suo culto per il vintage in un’ epoca in cui codesta prassi non era ancora invalsa. Fermo restando che il consumo non è un nemico, ma esige il raccordo con una visione semiotica più elevata e autentica ed anche con nuovi valori che non possono essere più messi in secondo piano, né consolidati in modo junk: la sostenibilità, il rispetto per l’ ambiente, l’emancipazione dalla povertà attraverso il lavoro. Chi scrive non è una nostalgica del passato, ma – dal basso del suo marginalismo pasoliniano che emerge dall’ esser lontana dal mainstream e dall’ agire in modo indipendente, promuovendo un pensiero positivo e propositivo che sperabilmente sia fortemente consolidato in un vicino futuro anche dalla cultura di massa – una individualità che ha sempre considerato il passato un trait d’ union con il presente, il sincretismo, il dialogo tra più canali di comunicazione, un procedimento intellettivo ed intellettuale di arricchimento personale e strumento per decifrare il momento, la contemporaneità nella moda come anche in altri ambiti. Oggi tutto ciò non esiste, è vanificato giorno dopo giorno e se esiste arranca faticosamente o peggio è ritenuto un baluardo d’ elite, una elegante pillola di quella cultura che nel mainstream non esiste più e viene rispolverata al bisogno quale affascinante eccezione che conferma la regola del nulla che avanza. Continuo a interrogarmi, perché accade tutto ciò?

Linda Loppa and me, during the launch of Polimoda Talents platform, photo by N

La domanda ha origine dal basso ovvero dalla prima fase che informa il sistema moda, l’ istruzione, come affermavo qualche settimana fa a Carla Sozzani quando mi trovavo presso 10 Corso Como, concept-store da lei creato, felice concretizzazione di coerenza semiotica che si rispecchia nel setting ed in ogni singola suggestione che ivi – nell’ apposito sito web, il magazine virtuale nonché nella sua rubrica “Sunday from my desk” – si trova. Codesto é un brillante esempio, una lodevole eccezione alla regola di mainstream – mero frutto del fine intelletto e raffinato gusto di colei che ha creato tutto ciò – in cui la coerenza semiotica è qualcosa di controverso. In questa circostanza – che mi piace ricordare – sottolineavo a costei l’ esigenza e l’ imperativo categorico del mondo della formazione di settore ovvero insegnare a decodificare la realtà (unione di cultura di massa ed underground in cui la seconda sovente influenza l’ estetica della prima), dare ai giovani – e ciò mi preme anche quale docente – un metodo per decifrare la realtà, nonché considerare i cambiamenti avvenuti nell’ ambito dei nuovi media che hanno influito sul modo di recepire informazioni e altro da parte dei giovani, circostanza che impone un mutamento e digitalizzazione nell’ apprendimento. Al di là dell’ importanza – che c’è e resta – dell’ analisi semiotica e storico-culturale della moda, le scuole di moda per lo più private anche se tra di loro rifulge una struttura pubblica che opera all’ insegna dell’ eccellenza (nonostante la scarsità di fondi devoluta dallo stato italiano, dovuta a forza maggiore ovvero alla crisi economica che si trova a fronteggiare) ovvero la facoltà di Fashion Design dall’ Università Iuav di Venezia, ubicata a Treviso e diretta da Maria Luisa Frisa, manca o meglio non è ancora incisivamente consolidata una piattaforma che traini gli studenti neo-diplomati e li sostenga, dando vita a un incontro con l’ industria ed il mercato che vada ben oltre la fase degli stage formativi, utili, ma non determinanti in questo senso. Ciò ha una brillante eccezione protagonista delle giornate della moda milanesi ovvero il Polimoda, rinomata istituzione – privata – di Firenze che da gennaio 2012 ha lanciato la piattaforma Polimoda Talents il cui risultato é stato la Polimoda Fashion Week ed altri eventi che si sono tenuti in giugno a Firenze in occasione dell’ ultima edizione di Pitti, come l’ evento espositivo nella boutique milanese di Mauro Grifoni di cui è protagonista in questi giorni il neo-diplomato Yojiro Kake e a breve anche una installazione a Parigi in occasione dell’ evento fieristico Tranoi. Questo è ciò che è stato fatto da una scuola in soli nove mesi, prova che l’ etica del “festina lente”, l’ affrettarsi lentamente funziona, ma è meglio affrettarsi per avere più risultati, solide realtà, diffondere energia positiva e dar vita a sinapsi all’ insegna di creatività ed eccellenza. Questo è stato fatto da una struttura italiana, diretta da una brillante individualità che italiana però non è, ma belga, Linda Loppa. Anche questo è un dato che emerge, su cui riflettere: la internazionalizzazione dell’ Italia nel mondo della moda – che stenta a crescere – un approccio che dovrebbe essere seguito da altre istituzioni, vivendo in tempi di globalizzazione, circostanza in cui sarebbe d’ uopo ricorrere al doppio binario ovvero l’ approccio glocal, globale e locale, creando le condizioni per riscuotere risultati pieni e duraturi. Mi sono concentrata sull’ opera di scuole, ma il mondo dell’ editoria di mainstream ovvero Vogue Italia ha lanciato lodevoli iniziative a sostegno della creatività emergente, prima collaborando con Altaroma – istituzione di cui non si parla abbastanza in merito alla sua opera di promozione di giovani creativi – che ha ideato il concorso di talent-scouting Who Is On Next - e poi, più recentemente il Red Passion Talent Scouting Prize, evento ideato in collaborazione con Campari, protagonista dell’ ultima edizione milanese della Vogue Fashion’s Night Out. Questa è la via per rinnovare il sistema moda Italia, fare emergere il nuovo, il nuovo che non sia però post-moderno, mera riedizione o reinterpretazione pedissequa di un lontano o vicino passato – e perciò è d’ uopo ricorrere a una attenta analisi semiotica, finalizzata a riconoscere e distinguere ciò – e per fare ciò serve anche altro. Cosa serve? Creare le condizioni per esporre, sollecitare la vendita e l’ accessibilità nel mercato dei prodotti di nuovi nomi del made in Italy come fanno fiere e buyer quali l’ evento fieristico milanese – creato da Massimiliano BizziWhite con i suoi “Six talents for White” e lo spazio “Inside White”, nonché Rosy Biffi, proprietaria della boutique milanese Biffi che vende le creazioni dei finalisti dell’ ultima edizione di Who Is On Next. Last but not the least manca all’ appello uno degli attori più determinanti, la Camera Nazionale della Moda Italiana. Codesta istituzione deve fare i conti con la decadenza di Milano che é divenuta l’ ottava capitale mondiale della moda . Riguardo a ciò, un rimedio da considerare é il ridimensionamento dei costi di produzione di sfilate di brand rinomati e talenti emergenti per rendere Milano una meta più appetibile a tutti coloro che vorrebbero sfilare  in Italia, nonché proporre eventi che sinergicamente si uniscano all’ opera compiuta dagli altri attori di cui ho finora parlato. Codesto è un imperativo categorico per Milano quale capitale della moda che ha brillato fino a una decina di anni fa e con il tempo si è erosa. Coloro che guardano a New York, alla sua fashion week come il nemico e responsabile dei mali della fashion week milanese e di altre fashion weeks sbagliano, poiché a New York sono state create le condizioni – socio-economiche – per rendere la fashion week ambita e considerata anche un buon investimento economico. É in questo ambito che la Camera Nazionale della Moda Italiana dovrebbe lavorare, dialogando con le case di moda, i media, le scuole ed i buyers per fare quel salto in avanti da compiere per onorare un passato e tradizione che non può disattendere, evitando di ridurre questa celebre piazza in un opificio prodottistico e credendo invece nel potere del cambiamento e nel valore di innovazione e creatività.

Franca Sozzani, photo by Luca Reali

Silvia Venturini Fendi – President of Altaroma – and me, photo by N

Rosy Biffi, photo by N

Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 2,847 other followers