You are currently browsing the tag archive for the ‘3 question to…’ tag.

fabio 1

South is nothing”, the first feature film by the brilliant Reggio Calabria filmmaker Fabio Mollo, comes in Rome, after the success got at the Toronto Film Festival and runs in the Rome Film Festival. The movie, a drama which is full of feelings and hopes, set in Reggio Calabria, produced by B24 film in collaboration with RAI Cinema and interpreted by Vinicio Marchioni, Miriam Karlkvist and Valentina Lodovini, will be screened on 13th November - at 11:30 am, a screening for schools featuring the movie in the section “Alice nella città” - at 4:30 pm at the Auditorium, Sala Santa Cecilia and will be in the cinemas since 28 November. The film – which is the development of short film “Giganti” -, talks about the big pain and confusion of a family, a sister, Grazia, a teenager who lost her brother. A personal suffering overlapping with an atavic suffering, the degrading emptiness of a community being  hard put where “South is nothing” – as the granny of Pietro asserts – “and nothing happens”. A provocative assertion being the title of movie about which  movie’s title Fabio Mollo talked in the following interview.

How does it arises “The South is nothing”, a drama talking about a sad status quo as well as love and hope?

“The inspiration of movie is its own title “The South is nothing”. It’s a provocation to that mentality under the sign of code of silence and resignation with which many generations have educated. It’s a story of young anger and breach of that mentality. It’s a dramatic movie having strong elements of magic realism”.

The film is set in Reggio Calabria, city where – like me – you are born , what are the past and present memories, emotions connected to it?

“I think and hope the movie doesn’t talk just only about Reggio Calabria, but it tells about the story of a generation as a whole. Reggio it’s a starting point, where the Straight of Messina, with its strips of land being extremely close, but separated forever, becomes metaphor of movie’s characters.”

What are the ideas you are working on?

“To make always projects that are ambitious and necessary”.

 

“IL SUD É NIENTE” DI FABIO MOLLO AL FESTIVAL DEL CINEMA DI ROMA

fabio 2

Il Sud è niente”, il primo lungometraggio del brillante regista reggino Fabio Mollo, dopo la felice accoglienza al Toronto Film Festival, giunge a Roma  e partecipa al Festival del Cinema di Roma. Il film, una dramma pieno di sentimenti e speranze, ambientato a Reggio Calabria, prodotto da B24 film in collaborazione con RAI Cinema e interpretato da Vinicio Marchioni, Miriam Karlkvist e Valentina Lodovini, sarà proiettato martedì 13 novembre alle ore 11:30, una proiezione per le scuole essendo il film incluso nella sezione “Alice nella città” - alle ore 16:30 presso l’ Auditorium, Sala Santa Cecilia e sarà nei cinema a partire dal 28 novembre. La pellicola – che è il consolidamento del cortometraggio “Giganti” -, parla del grande dolore e confusione di una famiglia, di una sorella, Grazia, una teenager che ha perso il proprio fratello. Una sofferenza personale che si sovrappone a un male atavico, il degradante vuoto di una comunità che è economicamente in difficoltà in cui “il sud è niente” – come afferma la nonna di Pietro – “e niente succede”. Una provocatoria affermazione che è il titolo del film di cui Fabio Mollo ha parlato, nell’ intervista che segue.

Fabio Mollo

Fabio Mollo

Come nasce il Sud e’ niente, un dramma che parla di un triste status quo, ma anche di amore e speranza?

“L’ispirazione del film è il titolo stesso “Il sud è niente”. È una provocazione a quella mentalità di omertà e rassegnazione alla quale sono state educate intere generazioni. È una storia di rabbia giovane e di rottura nei confronti di quella mentalità. E’ un film drammatico, ma con forti elementi di realismo magico”.

La pellicola e’ girata a Reggio Calabria, città in cui – come me – sei nato, quali sono i ricordi le emozioni, presenti e passate che sono legati a essa?

“Credo e spero che il film non parli solo di Reggio Calabria, ma racconti la storia di una intera generazione. Reggio è un punto di partenza, dove lo stretto di Messina, con i suoi lembi di terra che sono estremamente vicini, ma per sempre separati, diventa metafora dei personaggi del film.”

Quali sono le idee a cui stai lavorando?

“Fare sempre progetti che siano ambiziosi e necessari”.

The Dukes, photo by Natydred

 

Paris was covered in snow when The Dukes delivered a dazzling performance at Le Nouveau Casino this month, and – lucky me – I was there. The band was created less than a year ago and it has not taken these guys long to become a much anticipated attraction. This exciting indie-rock act may be new, but its founding members Shanka (vocals/guitar) and Greg Jacks (Drums) are nonetheless already well aquainted with rock’n’roll as they have previously played more than 150 gigs together in French band No One Is Innocent. Joined by Gaspard Murphy (vocals/guitar) and Stephen Galtera, The Dukes are currently on tour in Europe.

I asked Shanka to tell us about the band’s music, influences – as 90’s hardcore and indie bands, classic rock’n roll, pop, punk and poets such as William Blake and Patti Smith - and live experiences. “

FDG: You describe your music as “sweet songs with unsweet sounds”, Can you elaborate on that and on how you came up with that distinctive sound ?

S: “I always listened to many different styles of music to feed my inspiration. I belong to the “X generation”: I grew up with all those new melodic-noisy-hardcore bands (what people usually call grunge) and ever since I’ve been in love with that kinda noisy/instinctive approach to music. And also the punk ideas that come with it, like DIY and the urge to be free and anti-conformist! My pop influences are important to me because I’m not the kind of guy who composes for a very special type of people : I want my girlfriend to be able to enjoy my music as much as anybody who’s not especially into rock music. I’m into folk, classic rock and poetry because I think lyrics are crucial. My own personal holy grail is to be able to be a good story teller. I need to deeply believe in what I’m singing! That’s why Elliott Murphy (Gaspard’s father) has been a very important character in my personal story, I learned a lot with him in terms of writing & telling. The power of lyrics is often underestimated by musicians, I don’t want to be one of those who only write clichés like “baby baby come on let’s rock yeah yeah yeah”, but I don’t want to write artificially complex or pretentious lyrics either. To me it’s just a question of balance between simplicity, efficiency and honesty! 

FDG: Considering that your songs include some elements of noise and hardcore but yet they’re catchy, melodic and very accessible, what have you to say about fun and rock’n roll?

S: “I generally like it sweet and sour! Pure violence is cool, pure fun too, but I’d rather mix the two… It’s all chemistry. It’s pretty much the same as food: eating the same dish everyday would drive me crazy! I’m trying to offer the audience a variety of songs that might make them laugh, cry, howl, or dance. As I said earlier, my goal is to become a good story teller… But it has to remain fun. Music is NOT of serious matter, it’s just entertainment or a complex language at the most. So I keep on playing music with a very simple intention: pleasing myself as well as others! There are many paths to rock ‘n roll, I choose the fun one!”

FDG: I was very impressed by your live performance, each band member was captivating to watch, not only because you are all talented and generous musicians, but also because we could feel how passionate you are about what you do. How would you describe your experience when you are onstage ?

S: “Playing on stage is like a trance. You can say whatever you want, take as many poses as you want or buy nice outfits or fancy gear, it’s always the same problem : trying to release your inner shaman ! When the adrenaline starts to flow in your veins, which implies a lot of different (and sometimes complex) parameters, you have to let the trance come to you, and at the same time try to control it (so you won’t do really stupid things on stage and risk your life!). You used the word “generous” and I’m pretty much convinced that generosity is the key. How can you expect to get positive feedback after a gig if you don’t give anything to the audience? You just have to let go, meaning being able to play your songs without thinking too much while surrendering yourself to the music and the physicality of it. To use a sexual metaphor, you can’t come if you’re too uptight!”

DURE, VIOLENTE E DOLCI CANZONI ROCK’N ROLL: L’ INCONTRO CON I DUKES DI FRANCE DE GRIESSEN

 
 

The Dukes, photo by Natydred

 

Parigi era coperta di neve quando i Dukes hanno tenuto in questo mese una splendida esibizione presso Le Nouveau Casino – fortunatamente – c’ero anche io. La è stata creata meno di un anno fa e non c’è voluto molto tempo a questi questi ragazzi di diventare un’attrazione molto attesa. Questo entusiasmante numero indie-rock può essere nuovo, ma i suoi fondatori, Shanka (voce/chitarra) e Greg Jacks (percussioni), tuttavia hanno già una grande familiarità con il rock’n’roll, avendo precedentemente suonato insieme prima in più di 150 concerti nella band francese “No One Is Innocent”. Insieme a Gaspard Murphy (voce/chitarra) e Stephen Galtera, i Dukes sono attualmente in tournée in Europa.

Ho chiesto a Shanka di parlarci della musica della band, influenze – quali le band hard-core ed indie degli anni ’90, il rock’n roll classico, pop, punk and poeti come William Blake e Patti Smith – ed esperienze durante i live.

FDG: Descrivi la tua musica come dolci canzoni con sonorità prive di dolcezza”, puoi spiegarci ciò e il modo in cui è stata creata questa peculiare sonorità?

S: “Ho sempre ascoltato molteplici generi di musica diversi per nutrire la mia ispirazione. Appartengo alla “generazione X”: sono cresciuto con tutte quelle nuove band melodiche-rumorose di hardcore (ciò che la gente solitamente definisce grunge e da sempre ho amato quel tipo di approccio rumoroso/istintivo alla musica. E anche le idee punk che derivano da essa, come DIY e il desiderio di essere liberi e anticonformisti! Le mie influenze pop sono molto importanti perche non sono il tipico individuo che compone pezzi per un particolare tipo di gente: voglio che la mia ragazza possa apprezzare la mia musica nella stessa misura di chiunque altro che non è appassionato di musica rock. Sono appassionato di musica folk, rock classico e poesia perché ritengo che i testi siano fondamentali. Il mio sacro Graal personale è avere la capacità di essere un bravo cantastorie. Ho bisogno di credere profondamente in quello che sto cantando! Ciò è perché Elliott Murphy (il padre di Gaspard) è stato un personaggio molto importante nella mia storia personale, ho imparato tanto da lui in termine di scrittura e narrazione. Il potere dei testi è sovente sottovalutato dai musicisti, non voglio essere uno di quelli che scrive cliché come “baby baby come on let’s rock yeah yeah yeah”, ma non voglio neppure scrivere in modo artificiale testi complessi o pretenziosi. Ritengo che sia soltanto una questione di equilibrio tra semplicità, efficacia e onestà!” 

FDG: Considerando che le tue canzone includono alcuni tratti di rumore, pure essendo accattivanti, melodici e molto comprensibili, che ne pensi del divertimento e rock’roll ?

S: Solitamente mi piace l’agrodolce! La pura violenza è cool, il divertimento puro anche, ma piuttosto farei un mix di entrambe… È tutta una questione di chimica. È praticamente lo stesso cibo: mangiare lo stesso piatto ogni giorno mi farebbe impazzire! Cerco di offrire al pubblico una varietà di canzoni che potrebbero farli ridere, piangere, urlare o ballare. Come ho detto prima, il mio intento è diventare un bravo cantastorie, ma deve restare il divertimento. La musica NON è una questione seria, è soltanto intrattenimento o per lo più un linguaggio complesso. Perciò mi dedico a suonare musica con un intento molto semplice: far piacere a me stesso come anche agli altri! Esistono molte vie verso il rock ‘n roll, io scelgo quella divertente!

FDG: Mi ha impressionata la tua esibizione dal vivo, ogni componente della band era  affascinante da vedere, non soltanto perché siete tutti musicisti talentuosi e generosi, ma anche perché potevo sentire con quanta passione mettete in ciò che fate. Come descriveresti ciò l’esperienza derivante dall’essere sul palco?

S: Suonare su un palcoscenico è come essere in trance. Puoi dire ciò che vuoi,  assumere tutti gli atteggiamenti che vuoi o comprare bei vestiti o costose attrezzature, è sempre il medesimo problema: provare a liberare il tuo sciamano interiore ! Quando l’adrenalina inizia a scorrere nelle vene che implica una miriade (talvolta complessa) di standard diversi, devi lasciare che la trance giunga e al tempo stesso cercare di controllarla (al fine di non fare cose davvero stupide sul palco e non rischiare la vita!). Hai usato la parola “generosi” e sono abbastanza convinto che la generosità sia la chiave. Come puoi aspettarti di avere un feedback positivi dopo un concerto se non dai qualcosa al pubblico? Devi soltanto lasciarti andare, intendo l’ essere capace di suonare senza pensare troppo mentre ti abbandoni alla musica ed alla sua fisicità. Usando una metafora sessuale, non puoi venire se sei troppo teso!

Shanka, photo by Natydred

 www.thedukesmusic.com

www.francedegriessen.com

 

Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 2,844 other followers