You are currently browsing the category archive for the ‘music’ category.

Bowie-AFP-COVER-option-2-EDIT

It has recently released “Strung out in heaven: a Bowie string quartet tribute”(Essex Music International), the EP – wonderful project entirely financed through Patreon.com – by the brilliant Amanda Palmer & Jherek Bischoff which pays homage to the genius, unforgettable David Bowie who passed away about one month ago. This work which is under the sign of lyricism, delicacy and elegance of sound, also features other artists as John Cameron Mitchell, Neil Gainman and Anna Calvi who made along with Amanda Palmer an awesome cover of single track “Blackstar” which titles the last, magnificent album by Bowie, released some days ago before dying due to cancer. Remembering that, the artists will give part of the proceeds arising from the first month of sales of the EP( which is available in the Amanda Palmer’s website: http://amandapalmer.bandcamp.com/album/strung-out-in-heaven-a-bowie-string-quartet-tribute) to the cancer research wing of Tufts Medical Center, in memory of David Bowie.

“STRUNG OUT IN HEAVEN: A BOWIE STRING QUARTED TRIBUTE” DI AMANDA PALMER & JHEREK BISCHOFF

É stato recentemente pubblicato “Strung out in heaven: a Bowie string quartet tribute”(Essex Music International), l’ EP – meraviglioso progetto interamente finanziato attraverso Patreon.com – della brillante Amanda Palmer e Jherek Bischoff che rende omaggio al geniale, indimenticabile David Bowie che circa un mese fa è venuto a mancare. Quest’ opera che è all’ insegna di lirismo, delicatezza ed eleganza del suono, ha anche quali protagonisti altri artisti come John Cameron Mitchell, Neil Gainman e Anna Calvi che ha realizzato insieme ad Amanda Palmer una fantastica cover del singol “Blackstar”, il quale intitola l’ ultimo magnifico album di Bowie, pubblicato qualche giorno prima di morire a causa di cancro. Memori di ciò, gli artisti doneranno parte del ricavato derivante dal primo mese di vendite dell’ EP (che è disponibile sul sito di Amanda Palmer: http://amandapalmer.bandcamp.com/album/strung-out-in-heaven-a-bowie-string-quartet-tribute) all’ ala di ricerca sul cancro del Tufts Medical Center in memoria di David Bowie.

http://amandapalmer.net

Lady Gaga

Lady Gaga

Today I was on Facebook and I ran into a picture shared by a friend of mine coming from the Lady Gaga Facebook profile who was got ready to watch herself as the Countess. I saw her outfit and it reminded me the real Countess, my dear friend Alex Zapak, renowned, iconic persona from the NYC downtown art scene (who is the founder of art movement The Cunt Rock Revolution, band and artistic collective later turned into The Countess and Cun$t Rock Revolution and the Bank of Imaginations Theatre), that realm Lady Gaga quoted as reference which influenced her art and music. As it teaches the legendary fashion designer Karl Lagerfeld: to use or rather combine at least eight different references it does not stands as copying. What does it happen instead when do you copy the name, the look, some music and the image of another underground artist? It does not happen anything. Why? Because of the mass ignorance, emphasized, a weird paradox, by the web, the unstoppable flux of information which is not supported by any consciousness, autonomous thinking, gives rise to ignorance, word I focus by considering is Latin root or rather “i-gnosco” which means “not-knowing”. Then the result arising from all that is to not knowing. And it has to be known the facts especially during this times where it lacks any sedimentation of knowledge (being basically visual, lasting for the time the following image deletes the previous, it’s a perpetual motion creating emptiness) and people exchange for “new”, “innovative”, “visionary”, a bad reinterpretation or worst copy of past or present.

The Cunt Rock Revolution

The Cunt Rock Revolution

Alex Zapak aka The Countess

Alex Zapak aka The Countess

These thoughts arise from a picture, but I am sure I am not the only who sees and knows it. Considering the Lady Gaga issue, her “references” to underground culture is very known. She “quoted” through her work many artists as Orlan (who unsuccessfully started a legal action against her), Colette(famous New York artist who made a public appearance behind the shop-windows of Barney’s over one year ago that hosted an installation ideated by Lady Gaga), Anne Pigalle and many others. Underground artists, though they are brilliant naturally fail behind a corporate marketing company which is Lady Gaga. They are the weakest because as “Nostalgia”, the song by Readers wives, tells about, “there is no money in the underground”. That is in the status quo of contemporary times. Knowledge is not marketing is of and for all the ones, thus it’s important to tell that and it’s relevant on a cultural profile to know and recognize all that. Mainstream culture will be always the mainstream culture, focused on increasing the mass homologation, corresponding to ideas, actions, habits and last but not least consumes – strictly connected to consumerism culture -, drawing often inspiration from the underground culture which will be always out of this circuit, the mass culture. Nevertheless, the minds of people, their eyes travel, therefore it must be given them the chance to develop an autonomous, free thinking.

CULTURA UNDERGROUND E CONSUMISMO, THE COUNTESS & L’ IGNORANZA DI MASSA

Alex Zapak aka The Countess & Lady Gaga

Alex Zapak aka The Countess & Lady Gaga

Oggi stavo su Facebook  e mi sono imbattuta in una foto, condivisa da un’ amico, proveniente dal profilo di Facebook di Lady Gaga che era pronta per guardarsi nelle vesti di The Countess. Ho visto il suo outfit e mi ha ricordato The Countess, quella vera, la mia cara amica Alex Zapak, rinomato, iconico personaggio della scena artistica della downtown newyorkese che è fondatrice del movimento artistico The Countess & Cunt Rock Revolution, band e collettivo artistico successivamente trasformato in The Countess and Cun$t Rock Revolution e Bank of Imaginations Theatre), quell’ ambito che Lady Gaga ha citato quale riferimento che ha influenzato la sua arte e musica. Come insegna il leggendario fashion designer Karl Lagerfeld: usare o meglio combinare tra loro fino ad otto riferimenti diversi non equivale a copiare. Che succede invece quando si copia il nome, il look, qualche musica e l’ immaginario di un’ altro artista underground? Nulla accade. Perché? A causa dell’ ignoranza di massa, enfatizzata, un bizzarro paradosso, dal web, l’ irrefrenabile flusso di informazione che non è sostenuto da alcuna consapevolezza, da un pensiero autonomo, dà vita all’ ignoranza, lemma su cui mi soffermo considerando la sua radice latina ovvero “i-gnosco” che equivale “a non conoscere”. Quindi il risultato di tutto ciò è non sapere. E i fatti si devono sapere, specialmente durante questi tempi in cui deficie ogni sedimentazione della conoscenza ( che è essenzialmente visiva, dura il tempo che l’ immagine successiva cancelli la precedente, un moto perpetuo che genera vuoto) e la gente scambia per “nuovo”, “innovativo”, “visionario”, una brutta interpretazione o peggio copia del passato e del presente.

Alex Zapak aka The Countess

Alex Zapak aka The Countess

Queste riflessioni derivano da un’ immagine, ma son certa di non essere l’ unica che vede e sa ciò. Prendendo in considerazione la questione Lady Gaga, i suoi “riferimenti” sono alla cultura underground sono molto noti. Costei ha “citato” attraverso la sua opera svariati artisti come Orlan (che ha avviato senza successo un’ azione legale contro di lei), Colette (famosa artista di New York che è apparsa pubblicamente davanti alle vetrine di  Barney’s, le quali ospitavano un’ installazione ideata da Lady Gaga), Anne Pigalle e molti altri. Gli artisti underground, benché siano brillanti naturalmente si fermano dinanzi a un’ azienda corporativa di marketing come Lady Gaga. Sono i più deboli perche come dice “Nostalgia”, la canzone dei Readers wives, “non c’è denaro nell’ underground”. Questo è lo stato di cose della contemporaneità. La conoscenza non è marketing è di e per tutti, pertanto è importante dire ciò ed è fondamentale da un punto di vista culturale sapere e riconoscere ciò. La cultura di mainstream sarà sempre cultura di mainstream, incentrata nell’ accrescimento dell’ omologazione di massa, che corrisponde a idee, azioni, abitudini e ultimo, ma non meno importante, consumi – strettamente legata alla cultura del consumismo -, la quale sovente trae ispirazione dalla cultura underground che resterà sempre fuori da questo circuito, dalla cultura di massa. Cionondimeno, le menti delle persone, i loro occhi, viaggiano, pertanto deve esser loro offerta la possibilità di consolidare un pensiero autonomo, libero.

Alex Zapak aka The Countess

Alex Zapak aka The Countess

http://bankofimaginationstheatre.com 

Bao Bao

Bao Bao

The universe of Bao Bao, brand of accessories created by the legendary Issey Miyake explores the music realm by using technology and giving rise to “Bao Bao music”, a music interface, recently launched,  which gives the chance to see and create music. When the play indicator moves from the left to right on a piece it is possible making one’s own music by combining many music bases. Triangular modules are lined on the screen and sound is embodied in every triangle. It can activate and deactivate the sound of every module by clicking on a single element and combining it with many (or rather three) music bases. This application is available in the Bao Bao’s website as well as in the Apple store and is not supported by Google Play. A smashing initiative joining fashion, music and technology.

MODA, MUSICA & TECNOLOGIA: L’ APPLICAZIONE BAO BAO MUSIC

Bao Bao

Bao Bao

L’ universo di Bao Bao, brand di accessori creato dal leggendario Issey Miyake esplora l’ ambito della musica, avvalendosi della tecnologia e dando vita a “Bao Bao music”, un’ interfaccia musicale, lanciata recentemente, che offre la possibilità di visualizzare and creare musica combinando diverse basi sonore. Moduli triangolari sono allineati sullo schermo e il suono è racchiuso in ogni triangolo. Quando l’ indicatore di riproduzione si sposta da sinistra a destra si può creare la propria musica, cliccando su ciascun elemento e abbinandolo alle svariate (ovvero tre) basi musicali. Questa applicazione è acquistabile sul sito di Bao Bao, come anche nell’ Apple store e non è supportato da Google Play. Una felice iniziativa che unisce moda, musica e tecnologia.

Bao Bao

Bao Bao

 

Bao Bao

Bao Bao

 

www.baobaoisseymiyake.com

 

AaRON

AaRON

It will be released on 18th September 2015We cut the night” (Cinq 7), the second album of AaRON(Artificial Animals Riding on Neverland), French duo formed by Olivier Coursier and Simon Buret. Melancholy joins to electro-pop suggestions, depicting Lynchean landscapes. Lyricism, sadness becoming lighter and mistery is the refined alchemy, embodied in this album which has introduced on video by the iconic John Malkovich.

IL LIRISMO, LA MALINCONIA E LE SUGGESTIONI ELETTRO-POP DI AARON

Sarà pubblicato il 18 settembre 2015 We cut the night” (Cinq 7), il secondo album di AaRON(Artificial Animals Riding on Neverland), duo francese formato da Olivier Coursier e Simon Buret. La malinconia si unisce a suggestioni elettro-pop, dipingendo scenari lynchiani. Lirismo, tristezza che diventa più leggera e mistero è la raffinata alchimia racchiusa in questo album che è stato presentato su video dall’ iconico John Malkovich.

www.aaronwebsite.com

Genesis P-Orridge

Genesis P-Orridge

Weeks ago I talked about the dignification of trans people into the mainstream culture, considering also Caitlyn Jenner’ s featuring in the cover of Vanity Fair, circumstance I welcomed. I also talked about it with one of the most emblematic artists and intellectuals from the queercore movement, the filmmaker, photographer and author Bruce LaBruce who, instead – though he appreciated my hopeful point of view under the sign of freedom and dignity for all, something going beyond gender, mere cliché on which the conventional thinking and dialectics was built -, was very skeptical, as all happened relying to mainstream’s standards, that set of values or rather non-values that are the core of its culture. Days ago it appeared on Dazed Digital a piece where an iconic and visionary artist, the pandrogynous Genesis P-Orridge – front-man of Throbbing Gristle and Psychic TV, being part of the aristocracy of underground and he is one of the father of industrial music -, explained why Caitlyn Jenner cannot be a spokerperson. This article I am pleased to share embodies some relevant issues concerning the gender identity as well as a consciousness, arising from the vibrant Genesis’ thought: “binary systems are the critical problem, the either/or, the black/white, gay/straight, Christian/Muslim, you name it. Maybe the problem is that we haven’t evolved into a unified being; not male or female but both. The human body is not the person. Identity is the way the brain operates; it’s memories, it’s sensory input and output. The mind is the person”.

“When Caitlyn Jenner had the most glamorous coming-out moment of all time via the cover ofVanity Fair, it marked a historical moment for many reasons. Not only did it catapult trans awareness to the mainstream, but it also displayed a huge amount of courage, and set an example of inclusivity in a world still blighted by transphobia.

However, as many rightly pointed out, Caitlyn’s experience as a rich, white American trans person is radically different to the experience of trans people without her celebrity status and situation, particularly trans people of colour from low-income backgrounds, who are much more likely to experience violence and hate crimes based on their identity.

In an hour-long podcast discussion with Against Me!’s Laura Jane Grace, pandrodgynous musician, avant-garde artist and Throbbing Gristle icon Genesis Breyer P-Orridge echoed the idea that Caitlyn Jenner should be careful about referring to herself as a spokesperson for the wider trans community.

“Apparently Caitlyn is already saying things like, ‘It’s so difficult being a woman and having to decide which designer gown to wear when you go out at night’… That’s not being a woman, that’s being a glamorous Hollywood figure and that’s not how it is for most people. There are lots of teenage kids on the streets of New York who are hustling and risking Aids because they need to get money to transition, and they’re prepared to risk their lives because it’s such a deep need, and they don’t have that back-up system.”

“We’re not saying Caitlyn isn’t courageous in terms of the personal experience, but the way it’s being presented by the media could end up being really, really damaging. We actually saw one thing on the news and Caitlyn’s going, ‘I feel like I can be a spokesperson for the transgendered community.’ And later on she says, ‘I actually don’t know any transsexuals.’ What the fuck, she’s going to be spokesperson? She hasn’t got a clue! She’s been living in her own bubble with her own issues, dealing with them, but she doesn’t understand what it’s like for the ladyboys in Bangkok, or the transsexuals in Japan or people in Russia. She doesn’t know! Stop being a spokesperson.”

Genesis, who transitioned in 1993 to become pandrogynous, or non-gender specific, then shared their own perspective on gender identity. “Binary systems are the critical problem, the either/or, the black/white, gay/straight, Christian/Muslim, you name it. Maybe the problem is that we haven’t evolved into a unified being; not male or female but both. The human body is not the person. Identity is the way the brain operates; it’s memories, it’s sensory input and output. The mind is the person.

GENESIS P-ORRIDGE: “CAITLYN JENNER NON É UNA PORTAVOCE”

Caitlin Jenner, photo by Annie Leibovitz

Caitlyn Jenner, photo by Annie Leibovitz

Tempo fa ho parlato della dignificazione dei trans all’ interno della cultura di mainstream, prendendo in considerazione anche l’ apparizione di Caitlyn Jenner sulle copertine di Vanity Fair, circostanza da me accolta con plauso. Ne ho pure parlato con uno degli artisti e intellettuali più emblematici del movimento queercore, il regista, fotografo e scrittore Bruce LaBruce che invece – pur apprezzando il mio punto di vista, pieno di speranza e all’ insegna della libertà e dignità di tutti, qualcosa che va ben oltre il gender, mero cliché su cui si è strutturato il pensiero e la dialettica convenzionale – era molto scettico, poiché tutto accadeva in base ai crismi del mainstream quella serie di valori o meglio disvalori su cui si basa la sua cultura. Giorni fa è apparso su Dazed Digital uno scritto in cui un iconico e visionario artista, il pandrogino Genesis P-Orridge – leader dei Throbbing Gristle e degli Psychic TV, che fa parte dell’ aristocrazia dell’ underground ed è uno dei padri della musica industrial -, ha spiegato le ragioni per cui Caitlyn Jenner non possa essere una portavoce. Questo articolo, che sono lieta di condividere, racchiude alcune rilevanti questioni inerenti l’ identità di genere e anche una consapevolezza che nasce dal vibrante pensiero di Genesis: “i sistemi binari sono il problema critico, l’ uno/l’ altro, il nero/ bianco, il gay/eterosessuale, il cristiano/musulmano come si vogliano chiamare. Forse la questione è che non ci siamo evoluti in un essere unito, che non è né maschile, né femminile, ma è ambedue. Il corpo umano non è la persona. L’ identità è il modo in cui il cervello opera, è fatta di ricordi, è input ed output sensoriale. La mente è la persona”.

“Quando Caitlyn Jenner ha avuto il momento di coming-out più glamour di tutti i tempi per effetto della copertina su Vanity Fair, ciò ha rappresentato un momento storico per molteplici ragioni. Non ha soltanto catapultato la coscienza trans nel mainstream, ma ha anche mostrato una enorme dose di coraggio, e stabilito un’ esempio di inclusività in un mondo che è ancora segnato dalla transfobia.

In ogni caso, come molti hanno giustamente osservato, l’ esperienza di Caitlyn da trans americana, ricca, bianca è del tutto diversa dall’ esperienza dei trans che sono privi del suo stato di celebrità e della sua occupazione, in particolare i trans di colore provenienti da contesti a basso reddito, che presumibilmente sperimentano molto di più la violenza e i reati di odio che si basano sulla loro identità.

Nel podcast di una conversazione di un’ ora con Laura Jane Grace di Against Me! , il musicista pandrogino, artista d’ avanguardia ed icona dei Throbbing Gristle Genesis Breyer P-Orridge ha ribadito che Caitlyn Jenner dovrebbe fare attenzione a descriversi come una portavoce per la più grande comunità trans.

“Apparentemente Caitlyn sta già dicendo cose come, ‘è così difficile essere una donna e dovere decider quale abito da sera di quale designer indossare per uscire la sera’… Questo non è essere una donna, è essere un personaggio hollywoodiano glamour e ciò non è così per molte persone. Ci sono un sacco di teenager sulle strade di New York che si prostituiscono e rischiano l’ Aids perché hanno bisogno di avere soldi per il processo di transizione, e sono pronti a rischiare le loro vite perché il loro è un bisogno talmente profondo, e sono privi di quel sistema di back-up.”

“Non stiamo affermando che Caitlyn non sia coraggiosa in termini di esperienza personale, ma il modo in cui ciò è presentato dai mass-media potrebbe essere davvero, notevolmente dannoso. Attualmente abbiamo visto una cosa nelle cronaca e  l’ uscita di Caitlyn, ‘sento di poter essere un portavoce per la comunità transgender.’ E dopo afferma, ‘in verità non conosco alcun transessuale.’ E che cazzo, sta per diventare un portavoce?  Ne ha la benché minima idea! Sta vivendo nella sua bolla con le sue problematiche, che affronta, ma non comprende quello che passano i ladyboys a Bangkok, o i transessuali in Giappone oppure la gente in Russia. Non lo sa! Smettila di essere un portavoce.

Genesis, che nel 1993 ha effettuato il processo di transizione per diventare pandrogino o non-gender specific, ha poi condiviso il suo punto di vista sull’ identità di gender. “ I sistemi binari sono il problema critico, l’ uno/l’ altro, il nero/ bianco, il gay/eterosessuale, il cristiano/musulmano come si vogliano chiamare. Forse la questione è che non ci siamo evoluti in un essere unito, che non è né maschile, né femminile, ma è ambedue. Il corpo umano non è la persona. L’ identità è il modo in cui il cervello opera, è fatta di ricordi, è input ed output sensoriale. La mente è la persona.

www.dazeddigital.com

John Malkovich

John Malkovich

A successful collaboration continues, the one between John Malkovich and Michael Sturminger – who directed the operaThe Giacomo Variations”,  and the movieCasanova Variations” starring the iconic actor as the greatest seductor of all times, Giacomo Casanova – and enriches by the teaming with Martin Haselböck and gives rise to “The infernal comedy. Confessions of a serial killer”, a play which will feature in the 2015 edition of Bucharest International George Enescu Festival and will be staged on 9th September 2015 at the Sala Palatului. An unusual work like everyone imagines when it’s involved John Malkovich ( who also recently features in a smashing video of French band AaRON to launch “We cut the night”, the new album it made which will be released on September about which I tell you much more during the forthcoming days), who tells about Jack Unterweger, a dead serial killer who returns on the stage to present his autobiography during a public reading. To expect the unexpected is the categorical imperative connected to this play where the being John Malkovich blends with music by Beethoven, Haydn, Weber and Mozart and successfully makes concrete the presence of moment, paradigm which is the cornerstone of dramatic arts.

“THE INFERNAL COMEDY. CONFESSIONS OF A SERIAL KILLER” UN PROGETTO DI JOHN MALKOVICH PROTAGONISTA DEL FESTIVAL INTERNAZIONALE GEORGE ENESCU DI BUCAREST

John Malkovich

John Malkovich

Una felice collaborazione continua, quella tra John Malkovich e Michael Sturminger – che ha diretto l’ opera “The Giacomo Variations” ed il filmThe Casanova variations” di cui è protagonista l’ iconico attore nelle vesti del più grande seduttore di tutti i tempi, Giacomo Casanova – e si arricchisce della collaborazione con Martin Haselböck e dà vita a “The infernal comedy. Confessions of a serial killer”(“La commedia infernale. Confessioni di un serial killer”), una  pièce che sarà protagonista dell’ edizione 2015 del Festival Internazionale George Enescu di Bucarest e andrà in scena il 9 settembre 2015 presso la Sala Palatului. Un insolito lavoro, come si può ben immaginare quando è coinvolto John Malkovich ( che recentemente appare anche in un simpatico video della band francese AaRON che promuove l’ uscita di “We cut the night”, il loro nuovo album che sarà pubblicato in settembre sul quale parlerò più ampiamente nei prossimi giorni), che è incentrato su Jack Lo Squartatore, un serial killer morto che torna sul palco per presentare la sua autobiografia in occasione di un reading. Aspettarsi l’ inaspettato è l’ imperativo categorico connesso a quest’ opera in cui l’ essere John Malkovich si fonde con le musiche di Beethoven, Haydn, Weber and Mozart e concretizza la presenza del momento, paradigma che è il fondamento delle arti drammatiche.

John Malkovich

John Malkovich

www.festivalenescu.ro

NO

It will be released on 25th September 2015, “Music complete”(Mute), the new album of celebrated post-punk band New Order, arisen from the ashes of the legendary Joy Division (an unforgettable music experience which sadly ended with the suicide of its front-man, Ian Curtis) and headed by Bernard Sumner. The album includes 11 music tracks – one of them, “Restless” was released some days ago – and is produced by New Order except the track “Singularity” and “Unlearn this hatred”, both produced by Tom Rowlands (Chemical Brothers) as well as “Superheated”, produced by Stuart Price. This work also features many celebrated guests, invited at the recording studio as Brandon Flowers (the front-man of The Killers for the track “Superheated”), Iggy Pop (for “Stray dog”) and Elly Jackson, known as La Roux (for “Tutti frutti”, “People on the high line” and “Plastic”). A not to be missed album for all the ones who love the new-wave and synth pop music.

“MUSIC COMPLETE”, IL NUOVO ALBUM DEI NEW ORDER

Sarà pubblicato il 25 settembre 2015, “Music complete”(Mute), il nuovo album della celebre band post-punk New Order, nata dalle ceneri dei Joy Division (indimenticabile esperienza musicale che si è tristemente conclusa con il suicidio del suo leader, Ian Curtis) ed è guidata da Bernard Sumner. L’ album include 11 brani – uno di essi, “Restless”, è stato pubblicato qualche giorno fa – ed è prodotto dai New Order, ad eccezione della traccia “Singularity” ed “Unlearn this hatred”, entrambi prodotti da Tom Rowlands (Chemical Brothers) come anche “Superheated”, produced by Stuart Price. Questo lavoro ha quali protagonisti celebri ospiti, che sono stati invitati in sala di ripresa, quali Brandon Flowers ( il leader di The Killers per il brano “Superheated”), Iggy Pop (per “Stray dog”) ed Elly Jackson, conosciuta come La Roux (per “Tutti frutti”, “People on the high line” e “Plastic”). Un album imperdibile per tutti coloro che amano la musica new-wave e synth-pop.

www.neworder.com

David Byrne

David Byrne

Music, film, literature, theatre and performance will feature in the twenty-second edition of Southbank Centre Meltdown Festival which will be held in London from 17th to 30th August 2015 and will be curated by David Byrne. The genius and eclectic artist – who also created for the Festival in collaboration with the Saison Poetry Library, the “David Byrne’s library”, his reading lounge, a collection of over 250 of his personal books to read and borrow for free for getting an insight into the literary works that have shaped his thoughts and approach to music – will also feature in “We’re gonna die”, the performance of playwright Young Jean Lee who will be on stage – from 17th to 30th August 2015 at the Queen Elisabeth Hall – along with her band, the Future Wife. Another not to be missed happening is the musical-performance project by Bianca Casady (Cocorosie) who will perform on 17th and 18 August 2015 at the Queen Elisabeth Hall along with the band C.I.A and the dancer Biño Sauitzvy, with whom she has collaborated on several theatre pieces and many exhibitions. A smashing series of shows that include the live concert of the brilliant Anna Calvi(22nd August 2015) and many other artists, as Carmen Consoli( 21st August 2015) who is the only Italian artist featuring in the event.

DAVID BYRNE NELLE VESTI DI CURATORE DEL MELTDOWN FESTIVAL DEL SOUTHBANK CENTRE

Bianca Casady

Bianca Casady

Musica, cinema, letteratura, teatro e performance saranno i protagonisti della ventiduesima edizione del Meltdown Festival del Southbank Centre che si terrà a Londra dal 17 al 30 agosto 2015 e sarà curato da David Byrne. Il geniale ed eclettico artista – che ha anche creato per il Festival in collaborazione con la Saison Poetry Library, la “David Byrne’s library”, la sua sala di lettura, una collezione di più di 250 dei suoi libri da leggere e avere in prestito gratuitamente per conoscere le opere letterarie che hanno dato forma alle sue idee ed al suo approccio alla musica – sarà protagonista di “We’re gonna die”, la performance della commediografa Young Jean Lee che si esibirà – dal 17 al 30 agosto 2015 presso la Queen Elisabeth Hall – insieme alla sua band, i Future Wife. Un altro evento imperdibile sarà il progetto di musical-performance di Bianca Casady (Cocorosie) che si esibirà il 17 e 18 agosto 2015 alla Queen Elisabeth Hall assieme alla band C.I.A ed al ballerino Biño Sauitzvy, con cui ha già collaborato per diverse pièces e varie mostre. Una formidabile serie di spettacoli che include il concerto della brillante Anna Calvi(22 agosto 2015) e molti altri artisti, tra cui Carmen Consoli( 21 agosto 2015), l’ unica artista italiana protagonista dell’ evento.

Anna Calvi

Anna Calvi

Carmen Consoli

Carmen Consoli

  www.southbankcentre.co.uk

Teho Teardo, photo by Gianluca Gandini, courtesy of Teho Teardo

Teho Teardo, photo by Gianluca Gandini, courtesy of Teho Teardo

The genius composer, overwhelming and vibrant artist Teho Teardo will feature in the Galway International Arts Festivalwhich will be held in Galway from 16th to 26th July 2015 – where it will be presented two different projects involving him, a movie which will be premiered during this event, “The Match Box” by Frank McGuinness, directed by Joan Sheehy, for which he made the soundtrack and another wondrous work, “Le Retour à la raison”(Specula Records), an album – an emotional encounter giving rise to a magic syncretism between art and music – which will be premiered during the Festival and will be released on 19th September 2015. This moving work embodies the music he composed for three films by Man Ray or La retour à la raison (1923), L’etoile de mer (1928) and Emak Bakia (1926), that will be screened during the concert, an announced success, featuring forty guitarists as Joe Lally – the celebrated front-man of band Fugazi -, the filmmaker Andrea Molaioli, film critic Mario Sesti, the violinists Elena de Stabile and Stefano Azzolina who will perform along with Teho on 23rd July 2015 in Galway, at the St. Nicholas Church at 9 pm. A not to be missed happening for all the ones who love the arts, successful chance to discover, know more and enjoy the work by an unique artist in the realm of experimental contemporary music.

TEHO TEARDO PROTAGONISTA DEL GALWAY INTERNATIONAL ARTS FESTIVAL

 

 

Il geniale compositore, irrefrenabile e vibrante artista Teho Teardo sarà protagonista del Galway International Arts Festivalche si terrà a Galway dal 16 al 26 luglio 2015 – in cui saranno presentati due diversi progetti che lo coinvolgono, un film che sarà presentato in anteprima durante questo evento “The Match Box” di Frank McGuinness, diretto da Joan Sheehy, per cui ha realizzato la colonna sonora e un altro splendido lavoro, “Le Retour à la raison”(Specula Records), un album che sarà presentato in anteprima durante il Festival e sarà pubblicato il 19 settembre 2015. Questa struggente opera – un appuntamento emotivo che dà vita a un magico sincretismo tra arte e musica -, racchiude le musiche da lui composte per tre pellicole di Man Ray ovvero La retour à la raison (1923), L’etoile de mer (1928) e Emak Bakia (1926), le quali saranno proiettate durante il concerto, un successo annunciato, di cui saranno protagonisti quaranta chitarristi tra i quali Joe Lally – il celebre leader della band Fugazi -, il regista Andrea Molaioli, il critico cinematografico Mario Sesti, i violinisti Elena de Stabile e Stefano Azzolina che si esibiranno insieme a Teho il 23 luglio 2015 a Galway, presso la St. Nicholas Church alle ore 21:00. Un evento imperdibile per tutti coloro che amano le arti, felice occasione per scoprire, conoscere meglio e apprezzare l’ opera di un artista unico nell’ ambito della musica sperimentale contemporanea.

www.giaf.ie

http://tehoteardo.com

Teho Teardo & Elio Germano

Teho Teardo & Elio Germano

Literature, theatre and music, magic synaesthesia which embodies many syncretismes and opens the way to new experimentation under the sign of viscerality, lyricism and contemporary times. This is “Journey to the end of night”, performance featuring music by the genius composer Teho Teardo and voice by the famous actor Elio Germano, who, accompanied by the cellist Martina Bertoni and a string quintet will stage on 17th July 2015 in Roma at Villa Ada and on 18th July 2015 in Fossombrone during the Fossombrone Theatre Festival the bright version they made of the masterpiece – the first novel – by Louis-Fernand Céline, enriched by new, intense suggestions. An yesterday tale which is a never-ending story having as features the war and its horrors, poverty, basically considered as moral misery. The desperation of a nihilistic and grotesque vision, the one of the celebrated novelist, which is embodied by the main character of the book he made, Ferdinand Bardanu and dyed with a strong pessimism on human nature, institutions and life, meets the sounds of guitar, strings and electro music, that emphasize its reinterpretation, giving rise to a coral experience. A not to be missed event for all the ones who are devoted to music, art and celebrate the syncretic way of thinking.

“VIAGGIO AL TERMINE DELLA NOTTE”: I SINCRETISMI E LA MAGICA SINESTESIA DI TEHO TEARDO & ELIO GERMANO

Elio Germano, Martina Bertoni and Teho Teardo, photo by Tiziana Cera Rosco

Elio Germano, Martina Bertoni and Teho Teardo, photo by Tiziana Cera Rosco

Letteratura, teatro e musica, magica sinestesia che racchiude in sé molteplici sincretismi e apre la via a insolite sperimentazioni all’ insegna di visceralità, lirismo e contemporaneità. Questo è “Viaggio al termine della notte”, spettacolo di cui è protagonista la musica del geniale compositore Teho Teardo e la voce del famoso attore Elio Germano, i quali, accompagnati dalla violoncellista Martina Bertoni e da un quintetto d’ archi, porteranno in scena il 17 luglio 2015 a Roma a Villa Ada e il 18 luglio 2015 a Fossombrone in occasione del Fossombrone Teatro Festival la loro brillante versione del capolavoro – opera prima – di Louis-Fernand Céline, arricchito da nuove, intense suggestioni. Un racconto di ieri, una storia di sempre che ha quali comprimari la guerra e i suoi orrori, la povertà, intesa essenzialmente quale miseria morale. La disperazione di una visione nichilista e grottesca, quella del celebre autore, che è incarnata dal protagonista del suo racconto, Ferdinand Bardanu e colorata da un forte pessimismo sulla natura umana, sulle istituzioni e sulla vita, incontra le sonorità di chitarra, archi e musica elettronica, che ne enfatizzano la rilettura, dando vita a un’ esperienza corale. Un evento imperdibile per tutti coloro che sono devoti alla musica, all’ arte e celebrano il pensiero sincretico.

Elio Germano, Martina Bertoni and Teho Teardo, photo by Tiziana Cera Rosco

Elio Germano, Martina Bertoni and Teho Teardo, photo by Tiziana Cera Rosco

http://tehoteardo.com

www.villaada.org  

www.opera-coop.it

Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 3,425 other followers