You are currently browsing the tag archive for the ‘Marko Matysik’ tag.

Marko Matisyk, photo by Philip Suddick

Marko Matisyk, photo by Philip Suddick

Emotions, a powerful creative energy, humility, genius, modesty and positivity, a generous and bright personality shines in Marko Matysik, special individual and smashing eclectic creative with whom I was pleased of talking about, amazed and happy of sharing ideas about fashion, creativity and contemporary times. To talk about Marko and introducing him and the works he make properly it’s not so easy, being Marko a volcano of creativity, arisen since his childhood – age when he passed the time making paper princesses as gift to his mother’s friends, spent travelling around the world with his Anglo-German hotelier parents and absorbing the minutiae of jet-set life. Later he graduated with honors at the London St. Martin’s school of Art and started dressing princesses, working at the Victor Edelstein atelier ( the preferred couturier of Diana, the Princess of Wales). Then he established his own label “Marko Matysik” in 1995, working in Paris and London in the realm which is his passion, the couture and continuing  working for many private haute couture clients internationally under this label – including the making wedding dress for Tamara Beckwith and an accessories collection presented every season in Paris at Colette, belts being something which goes beyond belts, about whose I recently talked, created by joining antique ribbons, fabrics and buckles from the 15th to 18th century, giving rise to luxury creations collected by personas as Madonna, Donatella Versace, Karl Lagerfeld and Daphne Guinness.

Marko Matysik and the reportage he made featuring in Vogue China October 2005 issue

Marko Matysik and the reportage he made featuring in Vogue China October 2005 issue

Luxury, a luxury idea which is quite far away from the idea of luxury embodied in most of luxury brands’ commercials and in their logos impressed on the items they made, it’s the genuine idea of luxury which is the one developed through his work, connected to the idea of uniqueness, timeless elegance and style, embodies a refined craftsmanship and precious materials and successfully makes concrete creativity under the sign of its free expression and experimentation. In fact art is the main feature of Marko’s creative process in the realm of fashion as well as in other realms connected to that he explores as fashion consulting (for companies as Belmacz, Boudicca, Krizia, and also as creative director for Marie-Helen de Taillac) styling, fashion illustration, and fashion journalism (as editor in chief for Big Show, contributing fashion editor for World of Interiors, Drama and Vogue worldwide magazine, including a monthly page in Vogue Japan and Vogue China) by using of an emotional approach and care for detail. That is the exploration of the same field, the haute couture and luxury by using another medium and holding the same artistic approach.

Marko Matysik and the illustrations he made featuring in Vogue China April 2006 issue

Marko Matysik and the illustrations he made featuring in Vogue China April 2006 issue

That is what shines in the series of painting he made, works commissioned by Vogue China, turned into illustrations featuring along with photographs and interviews he made in an editorial on couture fashion week, genuine artworks that were exhibited by the London Fashion Illustration Gallery,  an agency owned by William Lyng ( Marko’s agent) at the London Mayor Gallery (in 22A Cork Street). A smashing creative energy and the beauty of an precious individual who celebrates and successfully makes concrete fashion and elegance as an artwork it is what is embodied in the following interview, arisen from a marvelous conversation with Marko Matysik where he generously talked about himself, telling about the core of is work, its creative path and forthcoming projects.

Christian Lacroix seen by Marko Matysik

Marko Matysik

How did you start working in the realm of fashion?

“Since I was a child, at age of 4 I was obsessed with princesses since I was a child, at age of 4, I designed dresses having bows, I loved everything which shined. One day a friend of my mother who saw my sketches told me: “you will become and you will make my dresses”, but I still wasn’t conscious of that, of what I would wanted to do when I would has been older. I was fascinated by suggestions, colors when I go out, walking on the street, I looked at the shops windows and I set up a shop window for a boutique at the age of 11-12, a fantastic experience I continued doing for two years. Later, I showed at the age of 13 my sketch book to Manfred Schneider, a very famous couturier in Munich, I landed my first job as design assistant and I became a luxury addict. Then I studied at the London St. Martin’s School of Art and after I graduated I started working for Victor Edelstein and later I created my own brand.

Marko Matysik

Marko Matysik

Beyond that I started working in the realm of fashion journalism and illustration. That has happened for random. Since I ended the St. Martin’s, a friend of mine I saw during a party, a fashion journalist told me he had to cover fashion week, go to the fashion shows, make a reportage and he didn’t feel like doing that, therefore I told him: don’t worry, if you want I can do that. Thus all that started. Having already my clients I felt myself like outside reality, therefore that has been a successful chance for me to enter into the reality. Resulting also from that I made illustrations for Vogue”.

Marko Matysik on Vogue China

Marko Matysik on Vogue China

What is the leitmotiv – if there is a leitmotiv or rather an element – joining your different creative expression you make concrete as illustrator, fashion writer and fashion designer?

“It’s the creativity, the freedom of experiment creativity without limits. That is one of the reasons for which I love the realm of haute couture. Here I am not responsible for a huge office, a huge staff, I don’t deal with a big pr office, I have less limits in terms of creativity and designing. Nevertheless I never desired getting a huge studio, I prefer being selfish in this sense and standing alone, the collaboration is important, but I prefer – it’s a privilege – working by myself, as I don’t want being responsible to manage a big team. Thus it has also happened with the work which has commissioned to me by Vogue China concerning the haute couture fashion week. It has been a privilege for me after the hectic rhythm of haute couture fashion week and its magic working for a month on the paintings and spending my time at the Nicholas Bernstein’s studio – placed in the area of Hammersmith – with whom I collaborated where he would painted then I would painted on top or viceversa. He – who hasn’t a classical background –  inspired very much my work which has been something spiritual, to paint has been a kind of escapism, having spent one month alone painting, a medium which is more different than drawing. To use oil on canvas, instead of drawing, also reaches the spread of color in the studio where you work, as the Nicholas’ studio which is full of color spread in the room. Anyway to paint has emphasized the magic atmosphere of haute couture fashion show I had the privilege of seeing. An escapism which make you feel safe. There is a big magic and creativity in the dream-provoking couture and also in its backstage. In fact the backstage is what I cover in my reportages, as I like to look at a garment, touch it, feel how it’s a dress, the movement it makes and it is a magic and the sound a fabric makes as the paper taffeta is an emotion. I consider myself as a privileged one, having the chance of seeing periodically my little fashion family and being able of enjoying all that.

Marko Matysik

Marko Matysik

Coming back to the theme of fashion, I am focused on the field of couture and luxury, as this realm has many potentialities in the free creative expression and experimentation, instead the ready-to-wear reaches more compromises in order to create something which pleases to more people. And it’s a big pressure for me having more people to satisfy, I have my commissions that make all that more spontaneous, fun and free, having just only two or three women on mind, one client to satisfy who is happy for what I make and makes me happy for what I make.

Marko Matysik

Marko Matysik

Concerning my collection of belts – as the silver chatelaine, which is available at giftlab.com -, it has arisen spontaneously, it is also connected to something emotional, though is the result of a detailed search for textiles, materials and ancient and contemporary decorating elements in the realm of belts. It’s an emotional experiences as it arises from going out and visiting Carol Graves Johnson, specialized in belts and owner of company Cingular, going to her house which is on the other bank of Thames. That is connected to something emotional, the joy which arises from seeing Carol and working together on the belts.

Marko Matysik

Marko Matysik

Considering the leitmotiv of my work and its designing process, the main purpose is to give a deep, meaningful dimension, something having a soul, it’s not only about to give something which is new, it’ s all about that, it’s about many global influences and it’s about it’s all about being part of this mélange of periods of times and of details. I am incredibly curious, I research on the background of my project to get the happier result. I am more connected to the art environment and I think the most enjoyable thing is to inspire others. Instead thinking about what I create the leitmotiv is being feel appeal considered I tend to specialize in items for people that already have everything”.

Marko Matysik

Marko Matysik

What are the forthcoming projects you are working on?

“I am art directing a video, styling two shoots, making an Haute Couture soft trouser suit with coat and blouse and starting up super chic accessories collection (gloves, hats and other items) created by upcycling and I am making the monthly diary page for Vogue Japan”.

ARTE, MODA, CREATIVITÀ & SARTORIALITÀ: IL RACCONTO EMOZIONALE DI MARKO MATYSIK

Marko Matysik, photo by Philip Suddick

Marko Matysik, photo by Philip Suddick

Emozioni, passione, una ponderosa energia creativa, umiltà, genialità, modestia e positività, una generosa e brillante personalità splende in Marko Matysik, speciale individualità e formidabile, eclettico creativo con cui sono stata lieta di parlare, piacevolmente sorpresa e felice di condividere idee in tema di moda, creatività e contemporaneità. Parlare di Marko e presentare lui ed il suoi lavori in modo appropriato non è facile, essendo Marko un vulcano di creatività, nata sin dall’ infanzia, epoca in cui passava il tempo a fare principesse di carta da regalare alle amiche della madre, trascorsa viaggiando per il mondo con i suoi genitori, albergatori anglo-americani e assorbendo le minuzie della vita del jet-set. Successivamente si è diplomato con lode presso la St. Martin’s school of Art di Londra ed ha cominciato a vestire le principesse, lavorando all’ atelier Victor Edelstein (il couturier preferito di Diana, la Princesss del Galles). Ha poi creato il proprio marchio “Marko Matysik” nel 1995, lavorando a Parigi e Londra nell’ ambito che è la sua passione, l’ alta moda e continuando a lavorare internazionalmente con la sua etichetta per plurimi clienti privati di altamoda – che include la realizzazione dell’ abito da sposa per Tamara Beckwith and una collezione di accessori presentata ogni stagione a Parigi da Colette, cinture che sono qualcosa che va oltre le cinture, di cui ho recentemente parlato, create unendo nastri antichi, tessuti e fibbie dal 15° al 18° secolo, dando vita a creazioni di lusso, collezionate da personaggi quali Madonna, Donatella Versace, Karl Lagerfeld e Daphne Guinness.

Marko Matysik

Marko Matysik

Il lusso, un idea di lusso che è ben lungi dall’ idea di lusso racchiusa nelle pubblicità dei brand di lusso e nei loro loghi impressi nei capi da loro realizzati, è l’ autentica idea del lusso che è quella consolidata attraverso la sua opera, connessa all’ idea di unicità, eleganza e stile senza tempo, racchiude in sé una raffinata artigianalità e preziosi materiali e concretizza felicemente la creatività all’ insegna di una libera espressione e sperimentazione. Infatti l’ arte è il tratto principale dell’ processo creativo di Marko nell’ ambito della moda come anche in altri ambiti ad essa connessi che esplora nelle vesti di consulente di moda (per aziende quali Belmacz, Boudicca, Krizia ed anche nelle vesti di direttore creativo per Marie-Helen de Taillac) styling, illustrazione e giornalismo di moda (quale direttore editoriale di Big Show, contributing fashion editor per World of Interiors, Drama ed i Vogue magazines di tutto il mondo, che comprende una pagina mensile su Vogue Japan e Vogue China) avvalendosi di un approccio emozionale e della cura per il dettaglio. È l’ esplorazione del medesimo ambito, l’ alta moda e il lusso mediante l’ uso di un altro mezzo di comunicazione e conservando il medesimo approccio artistico.

Marko Matysik on Vogue China

Marko Matysik on Vogue China

Ciò è quel che splende bella serie di dipinti da lui realizzati, lavori commissionati da Vogue China, trasformati in illustrazioni che sono protagoniste unitamente a fotografie ed interviste da lui realizzate di un editoriale sulla settimana dell’ alta moda, autentiche opere d’ arte che sono state esposte dalla Fashion Illustration Gallery di Londra , agenzia di proprietà di William Lyng ( l’ agente di Marko) resso la Mayor Gallery (in 22A Cork Street) di Londra. Una formidabile energia creativa e la bellezza di una preziosa individualità che celebra e concretizza felicemente la moda ed eleganza quale opera d’ arte è quel che è racchiuso nella intervista che segue, nata da una meravigliosa conversazione con Marko Matysik in cui si è generosamente raccontato, parlando del nucleo centrale della sua opera, del suo iter creativo e dei progetti futuri.

Marko Matysik

Marko Matysik

Come hai iniziato a lavorare nell’ ambito della moda?

“Da bambino, all’ età di quattro anni ero ossessionato dalle principesse, disegnavo vestiti con i fiocchi, amavo tutto ciò che brillava. Un giorno un’ amica di mia madre che ha visto i miei disegni mi ha detto: “diventerai couturier e mi farai i vestiti”, ancora però non ero consapevole di ciò che avrei voluto fare da grande. Ero affascinato dalle suggestioni, dai colori, quando uscivo per strada osservavo le vetrine dei negozi e all’ età di undici-dodici anni ho allestito una vetrina per una boutique, una esperienza fantastica che ho fatto per circa due anni. In seguito all’ età di tredici anni ho mostrato il mio libro di schizzi a Manfred Schneider, un couturier molto famoso a Monaco, ho avuto il mio primo lavoro avuto il mio primo lavoro nelle vesti di design assistant e sono divenuto un patito del lusso. Ho poi studiato alla St. Martin’s School of Art di Londra e non appena mi sono diplomato ho iniziato a lavorare per Victor Edelstein e ho creato il mio brand.

Marko Matysik

Marko Matysik

Oltre a ciò ho iniziato a lavorare nell’ ambito del giornalismo di moda e nell’ illustrazione. Ciò è avvenuto casualmente. Una volta conclusa la St. Martin’s un mio amico incontrato in occasione di un party, un giornalista di moda, mi diceva che doveva effettuare un reportage della fashion week, andare alle sfilate, fare un reportage e non ne aveva per nulla voglia, sicché gli ho detto: non preoccuparti se vuoi potrei farlo io. Così è cominciato tutto ciò”. Avendo già i miei clienti mi sentivo avulso dalla realtà, pertanto questa per me è stata una felice occasione per entrare nella realtà. Anche in ragione di ciò ho realizzato le illustrazioni per Vogue”.

Marko Matysik

Marko Matysik

Qual è il leitmotiv – se esiste un leitmotiv o meglio un elemento – che accomuna la tua diversa espressione creativa che concretizzi nelle vesti di illustratore, giornalista di moda e fashion designer?

“E’ la creatività, la libertà di sperimentare la creatività senza limiti. Questa è una delle ragioni per cui amo l’ ambito dell’ alta moda. Ivi non sono responsabile di un grande ufficio, un grande staff, non ho a che fare con un grande ufficio di pubbliche relazioni, ho meno limitazioni in termini di creatività e progettazione. Peraltro non ho mai desiderato disporre di un ampio studio, preferisco essere egoista in questo senso e bastare a me stesso, la collaborazione è importante, ma preferisco – è un privilegio – operare da solo non volendo essere responsabile di gestire un grande team. Così è accaduto anche con il lavoro a me commissionato da Vogue China inerente la settimana dell’ alta moda. Dopo il ritmo frenetico della settimana dell’ alta moda e la sua magia è stato un privilegio per me, lavorare per un mese ai dipinti e passare il mio tempo presso lo studio – ubicato nei dintorni di Hammersmith – dell’ artista Nicholas Bernstein con cui ho collaborato precedentemente dipingendo prima l’ uno e poi l’ altro a vicenda. Costui – che non ha un background classico – ha ispirato molto il mio lavoro che è stato qualcosa di spirituale, dipinge è stato una sorta di escapismo, avendo passato un mese da solo a dipingere, una modalità ben diversa dal disegnare. Usare l’ olio su tela, diversamente dal disegno, implica la dispersione del colore anche nello studio in cui lavori, come lo studio di Nicholas, pieno di colore sparso per gli ambienti. Peraltro dipingere ha enfatizzato la magica atmosfera delle sfilate di alta moda che ho avuto il privilegio di vedere. Un escapismo che fa sentire al sicuro. C’è grande magia e creatività nella couture che provoca il sogno e anche nel suo backstage. Infatti il backstage è l’ ambito che documento nei miei reportage, poiché mi piace vedere un capo, toccarlo, sentire come è un abito, il movimento che esso fa ed è di per sé una magia ed il il suono che fa un tessuto quale il taffetà ad effetto carta è un emozione. Mi considero un privilegiato, avendo la possibilità di incontrare la mia piccola famiglia della moda periodicamente e potere apprezzare tutto ciò.

Marko Matysik

Marko Matysik

Tornando alla moda, sono concentrato sul settore della couture e del lusso, poiché questo ambito ha maggiori potenzialità di libera espressione creativa e sperimentazione, mentre con il pret â porter si devono fare maggiori compromessi al fine di creare qualcosa che piaccia a più persone. E per me è una grande pressione avere più persone da soddisfare, ho le mie commissioni che rendono tutto ciò più spontaneo divertente e libero, avendo soltanto due, tre donne in testa, una cliente da soddisfare che è felice di ciò che faccio e rende felice me per ciò che faccio.

Marko Matysik

Marko Matysik

Riguardo alla mia collezione di cinture  – quali la silver chatelaine che è disponibile su giftlab.com – è nata spontaneamente, anche essa è legata a qualcosa di emozionale, pur essendo frutto di una ricerca dettagliata di tessuti, materiali ed elementi di decoro antichi e recenti in materia di cinture. È un esperienza emozionale, poiché nasce dall’ uscire e far visita a Carol Graves Johnson, specialista di cinture e proprietaria dell’ azienda Cingular, andando a casa sua che si trova dall’ altra parte della riva del Tamigi. Ciò è connesso a qualcosa di emozionale, alla gioia di vedere Carol e insieme lavorare alle cinture.

Marko Matysik

Marko Matysik

Considerando il leitmotiv del mio lavoro e la sua progettazione, la principale finalità è offrire una dimensione profonda, densa di significato, qualcosa che abbia un anima, non è soltanto offrire qualcosa che sia nuovo, è ciò su cui esso verte, è una questione di molteplici influenze globali e dell’ essere parte di questo mélange di epoche e di dettagli. Sono incredibilmente curioso, faccio ricerche considerando il background del mio progetto al fine di ottenere il risultato più felice. Sono più connesso all’ ambiente dell’ arte e ritengo che la cosa più gradevole sia ispirare gli altri. Pensando invece ciò che creo il leitmotiv sono l’ essere sostenibile, la sensazione di appeal, considerando che tendo a specializzarmi in oggetti per gente che ha già tutto”.

Marko Matysik

Marko Matysik

Quali sono i progetti futuri a cui stai lavorando?

“Sto curando la direzione artistica di un video, lo styling per due servizi fotografici, realizzando un completo di alta moda composto di morbidi pantaloni, cappotto e camicia e avviando una collezione super chic di accessori creati mediante surciclo (guanti, cappelli e altro) e lavorando alla mie cronache sulla pagina mensile di Vogue Japan“.

Marko Matysik

Marko Matysik

Marko Matysik

Marko Matysik

Marko Matysik

Marko Matysik

Marko Matysik

Marko Matysik

Marko Matysik

Marko Matysik

Marko Matysik on Drama, photo by Ram Shergill

Marko Matysik on Drama, photo by Ram Shergill

Marko Matysik on Drama, photo by Ram Shergill

Marko Matysik on Drama, photo by Ram Shergill

Marko Matysik

the silver chatelaine by Marko Matysik, available at Giftlab.com

 

Marko by Marko Matysik

Marko by Marko Matysik

Artworks, accessories turning into a jewels feature in the collection of belts of Marko by Marko Matysik, brilliant and eclectic creative – fashion designer, stylist, contributing editor for Vogue International and World of Interiors and bright illustrator about whom I will talk widely during the forthcoming days – who made concrete an enchanting craftsmanship, joining leather to silver, gems, as amethyst, marcasite as well as textiles and giving rise to genuine masterpieces, being available in the most exclusive boutiques as Colette in Paris and Barney’s in New York, Drawer – the United Arrows’ group of boutiques placed in Japan – and in the virtual boutique Couturelab.

OLTRE LE CINTURE: I CAPOLAVORI DI MARKO BY MARKO MATYSIK

Marko by Marko Matysik

Marko by Marko Matysik

Opere d’ arte, accessori che si trasformano in gioielli sono i protagonisti della collezione di accessori di Marko by Marko Matysik, brillante ed eclettico creativo – fashion designer, stylist, contributing editor per Vogue International e World of Interiors e brillante illustratore di cui parlerò ampiamente nei prossimi giorni – che ha felicemente concretizzato una incantevole artigianalità, unendo la pelle ad argento, pietre preziose quali ametista, marcassite come anche tessuti e dando vita ad autentici capolavori che sono disponibili nelle boutiques più esclusive quali Colette a Parigi e Barney’s a New York, Drawer – il gruppo di boutique di United Arrows ubicate in Giappone – e nella boutique virtuale Couturelab.

Marko by Marko Matysik

Marko by Marko Matysik

Marko by Marko Matysik

Marko by Marko Matysik

Marko by Marko Matysik

Marko by Marko Matysik

Marko by Marko Matysik

Marko by Marko Matysik

Marko by Marko Matysik

Marko by Marko Matysik

Marko by Marko Matysik

Marko by Marko Matysik

Marko by Marko Matysik

Marko by Marko Matysik

Marko by Marko Matysik

Marko by Marko Matysik

Marko by Marko Matysik

Marko by Marko Matysik

Marko by Marko Matysik

Marko by Marko Matysik

Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 2,885 other followers