You are currently browsing the tag archive for the ‘Kate Durbin’ tag.

Mandate of Heaven Spring Ten

From grunge to the melancholic works of Francis Scott Fitzgerald, Carissa Ackerman – designer of American brand Mandate of Heaven - can find a way of exploring the playful and joyous side of absolutely anything. Mandate of Heaven ‘s one-of-a-kind sensual clothes and signature rompers are constructed from the greatest fabrics this Brooklyn resident can find in flea markets, attics and on eBay. A vintage enthusiast, her focus is however on inventing pieces for the present, by adding her ideas, experience and creativity to the collective history of fashion. Daring and fun, her deliciously eccentric and glamorous designs are currently gaining cult status across the Atlantic.

 

FDG: The world of Mandate of Heaven seems poetic, sensual, fun, mysterious and surely cute but never in a submissive way, how did you achieve that ?

CA: “Thank you kindly for such lovely adjectives. Mandate of Heaven’s overall style is basically a semi-ordered conglomeration of the things I love the most, with sensuality certainly not least among them. However – like its cohorts beauty and mystery – I find sensuality most interesting when combined with something more substantial – and, if possible, somewhat unexpected – like a dash of humor, though, my own appreciation for sensual attraction is irrelevant. I make clothes for the human body and the innate sexuality of that body cannot be denied and, in my opinion, should not be ignored. In fact human bodies are awesome, we should play with them as much as possible. I think a lot of people are under the misconception that when women visually express their sensuality they are by default pandering to men, thus demonstrating submission. However the exact opposite can often be true as well (in fact, the assumption itself is fundamentally sexist !). It’s all about taking control of and pleasure in one’s own sexuality. I love dudes (ok, some dudes), and see no loss of power in turning them on. Anyway, I think one passes from a position of control to submission (clothing-wise) when one begins to dress specifically to turn on, impress or please other people, male or female, instead of oneself. The great thing is, to really be sexy, such submission is actually unnecessary. When a person feels sexy, others usually agree. Moreover, if someone isn’t turned on by what you feel sexy wearing, that’s probably a great sign that said person isn’t the right partner for you! Unfortunately, it’s often the rest of society – those that aren’t potential partners in the first place – that put pressure on others to alter or suppress their sexuality – i.e. submit. Despite being sexually attracted to men exclusively, I love to see a lovely lady walk by; sadly, I know many people don’t share my opinion. While I suspect such feelings of negativity often arise from personal issues such as insecurity, I also respect the fact that my sensual powers are not of value to everyone and thus cannot be my only social contribution. Likewise an awesome outfit cannot and should not ignore the sensuality of the human form, but it’s a whole lot cooler of an ensemble if it’s got other things going on as well”.

 

Mandate of Heaven Spring Ten collection

FDG: There is a bit of a vintage Hollywood feel and glamour – yet your outfits manage to not evoke at all sad souvenirs of the rise and fall of fragile starlets – your clothes seems rather empowering, especially those playsuits. Can you tell us about your signature rompers and the inspiration behind your upcoming collection ?

CA: “Vintage clothes from all eras are most definitely a huge influence on my work and the bias cut dresses and tap-shorts of the 1930s happen to be particular favorites. However, I’m not interested in parroting the past, my interest is taking this amazing wealth of discovery, invention and creativity that is our collective history and combining, reworking and adding to it to create the best art/clothing/lifestyles possible for our present and future. It’s funny that you mention the often melancholy situation of old school starlets, because they make a great case in point. While I have great respect and admiration for the ladies of our past, I always inwardly cringe a little when I hear people say they wish they’d been born in a different era. I love me some corsets and ball skirts, but I sure as hell wouldn’t love being socially forced to wear either every day. Likewise I do not imagine life was sweeter than it is today for women whose most promising means of overthrowing the intense social repression wielded by mainstream men was by entertaining them en mass on screen!

I’m definitely crazy about beauty and glamour. However I’m equally thankful for the freedom to view these attributes as things that enhance my experience as a woman rather than define it. Moreover, while I think there’s real merit in womaning up and dealing with a little discomfort in the name of visual splendor every once in a while, I see no beauty in a society that forces women to sacrifice mobility and function to the visual pleasure and social comfort of others as a matter of routine. In this vein, playsuits are totally empowering, because they provide freedom of movement.  In fact, that’s one of the things I love about them the most. Moreover playsuits provide this freedom without eschewing the streamlined simplicity of a one piece garment. For this reason I find them the most practical style of ensemble to wear while working, running errands, any time I need to move around comfortably and worry free but don’t want to be in straight up exercise clothes. I must admit, though, that I was originally attraction to them, when I first began collecting the vintage variety with my mom as a little girl, because they’re so damn cute. In fact, when cut correctly, they beautifully flatter a surprising array of female figures, making them a very practical mainstay for a designer’s collection. Evidently, form following function can indeed yield sublime results.

Mandate of Heaven Spring Eleven collection

Concerning my upcoming collection Spring Eleven presented by four videos – “Greetings from the Gulf Coast” , “Greetings from Margaritaville”, “Greetings from Dixieland e Greetings from Pensacola” – I was originally inspired by my hometown, its history and heritage and its experience in the recent Gulf Coast Oil Spill (hence the shiny black wave motif). Pensacola has these amazing sugar white beaches, which disappear into beautiful turquoise water. For most of us that grow up there, the beach is a major part of life and a big point of pride (not to mention a key source of income for many). Naturally, the spill was a very scary problem. While I initially couldn’t do much to help from here in New York, I wanted to at least address and bring a little extra attention to the issue. Thus in my new collection I tried to pay homage to the beautiful Gulf Coast region and the colorful community that calls it home.I have an amazing book by Pensacola local Deborah Dunlap full of historic pictures of our beaches and the people that have enjoyed them. I started the collection by pouring over this book and subsequently designing several pieces based on beachwear from different eras. As I worked in our Bushwick studio, I concentrated on how silhouettes originally designed for the beach could with just a little reworking be surprisingly perfect for warm days wandering the streets, rooftops and local establishments here in Brooklyn (a concept that anyone already familiar with Mandate of Heaven might notice I’ve been playing with for a while!). From there I remembered that, interestingly, our current community of Bushwick/Williamsburg was once a waterfront resort town as well, which got me thinking about how communities all over the world are so unique and different, yet ultimately have so much in common. This reminded me of the importance of appreciating and taking pride in one’s local surroundings in general, whatever they are, the art of community building and how beauty can be found everywhere, from the black and copper mess of a devastating oil spill to the gleaming asphalt jungle of a city baking in the sun. All of these concepts became part of the collection. Stylewise, think preppy, hippie, pinup, parrothead beach bum, pioneer trustifarian, Southern belle from the Teens, Twenties, Thirties, Fourties, Fifties, Sixties, Seventies, Eighties Nineties and today, covered with oil. Meanwhile, in Pensacola Beach, our own local community really rallied; by the time we got down there to shoot, everything was mostly cleaned up. The oil spill is definitely still an issue, and will continue to have repercussions; however, thanks in part to their own hard work, the worst is over and the locals can soldier on.  I think their dedication to the place they live is awesome.  Times are a little harder for everyone as of late, but we can all help a little by playing active roles in building, maintaining and ameliorating the communities to which we are a part- and these are, in my opinion, the perfect clothes to wear while doing so”.

 Can you tell us about your collaboration with writer and performance artist Kate Durbin and about the spectacular “Crystal Allen” ensemble you designed for her ?

 
 
 
 

Kate Durbin in Crystal Allen by Mandate of Heaven

 

 

I’m so glad you like the Crystal Allen; he’s a particular favorite of mine. Like most of the pieces she’s chosen, Kate saw that guy in a fashion show (our Fall 2009 Recession/Depression collection), and sent us an email to inquire about its availability. I was actually planning to keep the original in my own stash, but I knew the ensemble would be perfect on her, so I took her order as an opportunity to create a new, more perfected version in exactly her size. I grew up watching 1930s movies with my mom, and “The Women” – movie by George Cukor – was always one of our very favorites. While I have trouble with parts of the film’s larger message – as far as feminism is concerned, its a helluva can of worms -, I remain enamoured with almost everything else about it, especially the amazing clothes, created by the brilliant designer Adrian. The fashion show in the film  is still the most fantastic I’ve ever viewed . The Crystal Allen Ensemble is a direct homage to an outfit its namesake wears while delivering, in my opinion, her best line in the film, and one which in many ways encapsulates the feminist/antifeminist tensions of the story.

Truthfully, the main reason I referenced this ensemble is that it’s just so damn gorgeous; and its elements, which I divided into 5 mix and matchable separate pieces, have so many interesting possibilities. However, its significance in the story was certainly of interest to me as well, and definitely not lost on Ms. Durbin, who brings to the table a valuable feminist perspective of her own.  Moreover, its full-on late 30s glamour is a perfect example of Depression Era sartorial escapism in film, which was a big theme in our collection that season. I was trying to cheer people up after our own recent financial issues!Kate’s awesome, and wears our stuff just beautifully, she totally gets it. She’s got great taste and really understands clothes. Additionally, she’s super intelligent and creative, so she appreciates the pieces on multiple levels. Thus, collaboration with her is always a real pleasure. She began ordering pieces from Mandate via the internet, and as we corresponded about the details of her new outfits, we became friends as well as mutual admirers. Also among Kate’s Mandate collection are the Red Bishop, Rocking Horse Fly and Unicorn ensembles from our Spring 09 homage to Lewis Caroll’s  “Through the Looking Glass”, and a Cinderella Ball Ensemble from our Fall Ten Brother’s Grimm Collection”. 

 

SENSUALITÁ, POTERE E ALLEGRIA: UN’INTERVISTA CON LA DESIGNER DI MANDATE OF HEAVEN CARISSA ACKERMAN A CURA DI FRANCE DE GRIESSEN

 
 
 

 
 

 

Mandate of Heaven Spring Ten

Dal grunge alle malinconiche opere di Francis Scott Fitzgerald, Carissa Ackerman – designer del brand americano Mandate of Heaven - trova il modo di esplorare la parte giocosa e gioiosa del nulla assoluto. Gli strani sensuali abiti ed i pagliaccetti dal tocco personale di Mandate of Heaven sono costruiti con i migliori tessuti che questa residente di Brooklyn può trovare nei mercatini delle pulci, nei soffitti eBay. Pur essendo un’ entusiasta del vintage, rivolge la sua attenzione sulla creazione di abiti per il presente, aggiungendo le sue idea, esperienza e creatività alla storia collettiva della moda. Audaci e divertenti, le sue creazioni deliziosamente eccentriche e glamour stanno attualmente ottenendo lo status di oggetto di culto in tutto l’Atlantico.

FDG: Il mondo di Mandate of Heaven sembra poetico, sensuale, divertente, misterioso e estremamente bello, ma non in modo remissivo, come sei riuscita a ottenere ciò? 

CA: “Ti ringrazio per gli splendidi aggettivi usati per descrivere il mio brand. Lo stile complessivo di Mandate of Heaven è essenzialmente un complesso semi-ordinato delle cose che amo di più unitamente alla sensualità che non è da meno. Tuttavia – come i suoi compagni bellezza e mistero – ritengo che la sensualità sia molto più interessante quando sia connessa a qualcosa più rilevante – e possibilmente alquanto inaspettata – come un tocco di umorismo-. E ciò a prescindere dal personale apprezzamento per l’attrazione sessuale. che è peraltro irrilevante. Faccio vestiti per il corpo umano e l’innata sessualità di quel corpo non può essere negata e – a mio parere – non dovrebbe essere ignorata. Infatti i corpi umani sono splendidi, dovremmo giocare con loro il più possibile. Ritengo che un sacco di gente abbia il pregiudizio secondo cui ogni qual volta le donne esprimano la loro sensualità costoro stiano facendo ciò per compiacere gli uomini, dimostrando perciò sottomissione. In ogni caso l’esatto opposto può essere spesso altrettanto vero (infatti, l’assunto stesso é fondamentalmente sessista!). É tutta questione di prendere il controllo e provare piacere dalla sessualità di un individuo. Amo i ragazzi (ok, alcuni ragazzi), e non vedo alcuna perdita di potere nel suscitare il loro interesse. Tuttavia ritengo che si passi da una posizione di controllo alla sottomissione(riguardo all’ abbigliamento) quando un individuo comincia a vestirsi appositamente per destare interesse, impressionare o compiacere altra gente, uomini o donne, invece che sé stessi. La cosa rilevante allo stato attuale è la non necessità di tale sottomissione per essere veramente sexy. Quando una persona si sente sexy, altre solitamente concordano. Inoltre se qualcuno non è attratto da ciò che ritieni sexy da indossare, ciò é probabilmente un ottimo segnale per capire che costui non è il partner giusto! Sfortunatamente è spesso il resto della società – in primo luogo coloro che non sono partner potenziali che esercitano pressione sugli altri per alterare o reprimere la loro sessualità – l’esempio di sottomissione.  Pur essendo sessualmente attratta unicamente dagli uomini, mi piace vedere una bella donna che mi passa davanti, anche se sono – tristemente -, so però che molta gente non condivide la mia opinione. Nonostante supponga che tali sentimenti negativi spesso siano derivanti da questioni personali quali l’insicurezza, rispetto anche il fatto che i miei poteri sensuali non abbiano valore per tutti e perciò non possano essere il mio unico contributo sociale. Allo stesso modo penso che uno splendido outfit non possa e non dovrebbe, ignorare la sensualità della figura umana, pur essendo molto più cool di un completo, si dovrebbe avere addosso anche altre cose che sono ben fatte”.

 

Mandate of Heaven Fall Ten, Little Red Cap Collection

FDG: Trovo un certo pizzico di spirito vintage e glamour hollywodiano nei tuoi abiti – che non evocano tutti quei tristi souvenir della nascita e morte di fragili starlette, anzi sembrano emancipare la donna -, in particolare i play-suit -, ci puoi parlare dei pagliaccetti da te firmati e dell’ispirazione della tua prossima collezione?

CA: “Gli abiti vintage di tutte le epoche rivestono assolutamente una enorme influenza sul mio lavoro e si da il caso che gli abiti e shorts tagliati a sbieco degli anni ’30 siano i dettagli che preferisco. Tuttavia non sono interessata nel ripetere a pié pari il passato, il mio interesse sta nel prendere questa splendida ricchezza fatta di scoperta, invenzione e creatività che fa parte della nostra storia collettiva, unendo, rielaborando e aggiungendo ad essa dell’altro per creare le migliori cose possibili nell’arte/abbigliamento/stili di vita per il nostro presente e futuro.

Mandate of Heaven, Fall Ten, Little Red Cap Collection

É buffo che parli della sovente malinconica situazione delle starlette di vecchio stampo, perché sono un esempio molto significativo. Pur avendo grande rispetto e ammirazione per le signore del nostro passato, mi fa sempre rabbrividire sentire gente dire che avrebbe preferito essere nata in una epoca diversa. Mi piacciono addosso a me alcuni corsetti e gonne da ballo, ma sono assolutamente certa che non mi sarebbe piaciuto essere socialmente costretta a indossare entrambe le cose ogni giorno; così come non immagino che la vita fosse più dolce di quella di oggi per le donne il cui mezzo più promettente per sovvertire l’intensa repressione sociale esercitata  convenzionalmente dagli uomini era il loro intrattenimento in massa sullo schermo! Vado matta per bellezza ed eleganza, ma sono anche grata di avere la libertà di vedere questi attributi come cose che migliorano la mia esperienza di donna anziché definirla. Inoltre – pur pensando che esista un reale merito nel femminilizzare completamente, facendo i conti di tanto in tanto con un piccolo disagio in nome dello splendore visivo – non vedo alcuna bellezza in una società che costringe le donne a sacrificare mobilità e funzione per il piacere visivo e il benessere sociale altrui quale questione di routine. In questo senso i pagliaccetti sono del tutto emancipanti, perché offrono libertà di movimento. Infatti questa é una delle cose che amo di più in loro. Inoltre i pagliaccetti forniscono questa libertà senza sfuggire alla semplicità dalla linea moderna di un unico indumento. Per questa ragione trovo in loro lo stile più pratico di coordinato da indossare mentre si lavora, fanno le commissioni, ogni qual volta abbia bisogno di andare in giro comodamente senza alcuna preoccupazione, ma non voglia stare in stretto esercizio di vestiti. Devo ammettere che sin da bambina ero attratta da loro – quando ho cominciato a collezionare una varietà di vintage con mia madre – perché erano dannatamente belli. Infatti una volta cuciti in modo appropriato, donano magnificamente un sorprendente assortimento di figure femminili, rendendoli un perno molto pratico della collezione di un designer. Evidentemente la forma che segue la funzione può davvero produrre sublimi risultati.

Riguardo alla mia ultima collezione Spring Eleven presentata in quattro video – “Greetings from the Gulf Coast” , “Greetings from Margaritaville”, “Greetings from Dixieland e Greetings from Pensacola” – a cui seguirà ultimo, il finale, il tema è ispirato alla mia città natia, la sua storia, eredità, e la sua esperienza nella recente fuoriuscita del petrolio nella costa del golfo ( da cui il motivo a onda in nero brillante). Pensacola ha queste splendide spiagge – Sugar White beaches – che scompaiono nella bella acqua turchese. Per molti di noi che ivi sono cresciuti, la spiaggia rappresenta la maggior parte della vita e un grande motivo di orgoglio (non dico ciò per menzionare una risorsa chiave di guadagno per molti). Naturalmente la fuoriuscita è stata davvero un grande problema. Pur non avendo potuto essere molto di aiuto da qui, a New York, ho voluto almeno indirizzare e portare una attenzione extra al problema. Perciò nella mia collezione ho cercato di rendere omaggio alla bella regione della Gulf Coast ed alla colorata comunità che la chiama casa.

http://vimeo.com/15263164

Ho uno straordinario libro di Deborah Dunlap, residente di Pensacola pieno di immagini storiche delle nostre spiagge e gente che le ha apprezzate. Ho iniziato la collezione trasfigurando questo libro e in seguito disegnando diversi pezzi che si basano sulla collezione di abbigliamento da spiaggia di varie epoche. Avendo lavorato nel nostro studio di Bushwick, mi sono concentrata sul modo in cui le silhouette originariamente disegnate per la spiaggia, potessero mediante una piccola rielaborazione essere sorprendentemente adatte per le giornate calde in cui si va in giro per le strade, i tetti e le imprese locali qui a Brooklyn (un’idea con cui ho giocato per un po’ che chiunque abbia già familiarità con Mandate of Heaven potrebbe notare!). In seguito ho ripensato che la nostra attuale comunità di Bushwick/Williamsburg era una volta anche il litorale di una città di spiaggia, ciò mi ha fatto pensare a quanto siano talmente uniche e diverse le comunità di tutto il mondo eppure abbiano così tanto in comune. Ciò mi ha fatto riflettere sull’ importanza di apprezzare ed essere orgogliosi del proprio ambiente locale, ovunque esso sia, l’arte di costruire della comunità e quanta bellezza può essere trovata in ogni luogo, dal caos nero e bronzo di una devastante fuoriuscita di petrolio alla giungla d’asfalto brillante di una città che si cuoce al sole. Tutte queste idee sono divenute parte della collezione. Riguardo allo stile, penso una preppy, hippie, pin-up, parrothead – stereotipo americano di chi indossa una camicia hawaiana, infradito e pantaloncini o gonne hawaiane e reggiseni in noce di cocco – , tipa da spiaggia, pionieristica trustafariana – individuo suggestionato da tendenze hippie o altre controculture – bellezza del sud America dei primi del novecento, degli anni Venti, Trenta, Quaranta, Cinquanta, Sessanta Settanta, Ottanta, Novanta e di oggi, ricoperta di petrolio.

http://vimeo.com/15373521

Inoltre a Pensacola Beach la nostra comunità locale si é davvero mobilitata, quando siamo scesi laggiù per effettuare le riprese, tutto era già stato quasi del tutto ripulito. La fuoriuscita di petrolio è tuttora un problema e in ogni caso continuerà ad avere ripercussioni. In ogni caso grazie in parte al loro duro lavoro il peggio è passato e la gente del luogo tiene duro. Mi sembra fantastica la loro dedizione al luogo in cui vivono. Recentemente i tempi sono un pò più duri per tutti, ma possiamo tutti essere un po’ d’aiuto rivestendo ruoli attivi nella ricostruzione, mantenimento e miglioramento delle comunità di cui facciamo parte e questi sono – secondo me – gli abiti perfetti da indossare per fare ciò”.

FDG: Ci puoi parlare della tua collaborazione con la scrittrice e performer Kate Durbin sullo spettacolare outfit “Crystal Allen” che hai disegnato per lei?

CA: “ Sono davvero felice che ti piaccia Crystal Allen, il mio outfit preferito. Mi piace la maggior parte dei pezzi che ha scelto Kate. Costei ha visto quel modello in una sfilata (la nostra collezione autunno 2009 Recessione/Depressione) e ha inviato un’email per chiederci della sua disponibilità. Stavo pensando di tenere l’originale per me, ma sapevo che l’abbigliamento sarebbe stato perfetto su di lei, sicché ho preso il suo ordine, avendo l’ opportunità di creare una nuova versione ulteriormente perfezionata nella sua taglia.

Kate Durbin in Crystal Allen by Mandate of Heaven

Sono cresciuta guardando con mia madre i film degli anni Trenta e “Donne” – di George Cukor – era da sempre uno di quelli che preferivamo. Pur avendo problemi con le parti più salienti della pellicola – in materia di femminismo il film è un bel casino di marciume -, sono ancora innamorata di tutto il resto, gli splendidi vestiti, creati dal brillante designer Adrian. La sfilata del film è ancora la più fantastica che abbia visto. L’abbigliamento Crystal Allen è un omaggio diretto a un outfit che la sua omonima indossa nel momento in cui dice la sua battuta migliore nel film che in vari modi incorpora le tensioni femministe/antifemministe della storia. In verità la principale ragione per cui ho fatto riferimento a questo abbigliamento è perchè è così maledettamente bello; i suoi elementi che ho diviso in 5 combinazioni e distinti pezzi abbinabili hanno plurime possibilità estremamente interessanti. Tuttavia mi interessava senza dubbio anche il suo significato nella storia e non mi é sfuggita per nulla Ms. Durbin che porta in tavola una valida visione femminista di sé stessa. Inoltre il suo completo glamour di fine anni Trenta é un esempio perfetto dell’ escapismo sartoriale dell’ Epoca della Depressione, un grande tema della nostra collezione in quella stagione. Stavo provando a tirare su la gente dopo le nostre recenti problematiche finanziarie!

Mandate of Heaven Holiday collection

Kate è straordinaria e indossa le nostre cose meravigliosamente, ne capisce tanto. Ha un grande gusto e se ne intende davvero di vestiti, inoltre è super intelligente e creativa, perciò apprezza le creazioni da diversi punti di vista. Pertanto è sempre un piacere collaborare con lei. Ha iniziato a ordinare i pezzi di Mandate via the internet e non appena ci siamo scritte sui dettagli dei nuovi outfits, siamo diventate amiche come anche reciproche ammiratrici. Fanno anche parte della collezione di Mandate di Kate i coordinati Red Bishop, Rocking Horse Fly e Unicorn della nostra collezione estiva del 2009, omaggio ad “Attraverso lo specchio” di Lewis Caroll e un coordinato Cinderella Ball della nostra collezione Ten Brother’s Grimm”. 

Mandate of Heaven holiday collection

Pj Linden in Mandate of Heaven at the Brooklyn art show Banzaii

www.mandateofheavenclothing.com 

www.francedegriessen.com

Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 2,898 other followers