You are currently browsing the tag archive for the ‘Gillo Dorfles’ tag.

Bruno Munari

Bruno Munari

The City of Milan celebrates Bruno Munari, legendary persona, bringer of energy, creativity and culture, with “Munari Politecnico”, exhibition curated by Marco Sammicheli and Paolo Giacomazzi which will be held from 6th April to 7th September 2014 at the Museo del Novecento. The exhibition tells about the unforgettable designer, author (of essays and fairy tales as “Little White Riding Hood”, “Little Yellow Riding Hood”, “Little Green Riding Hood” and “Little Blue Riding Hood” for the children at every age) and eclectic intellectual, showcases the works by the artist coming from the Vodoz and Danese collections that are read again and dialogue with artists as Gillo Dorfles and Carlo Belloli. An exhibition path which focuses on the connection of Bruno Munari with Milan, the coffee bars, Brera, the ateliers and art galleries and is enriched by the photographs by Ada Ardessi and Atto who documented his work for over twenty years. I like reminding his thought about fantasy and creativity, two precious sources of human being: “fantasy is an ability of individual who is able to invent mental images that are different from reality, considered as a whole o caught in its details: images that can be also practically unfeasible. Instead creativity is a productive ability where fantasy and intellect are connected , thus the result arising from that is always practically feasible”. A not to be missed happening (which is part of a series of initiatives as the International Day of Studies on Bruno Munari which will be held on 3rd June 2014 at the Museo del Novecento, Sala Fontana) under the sign of art, design and its culture.

“BRUNO MUNARI POLITECNICO” AL MUSEO DEL NOVECENTO DI MILANO

IMG_1106

Milano celebra Bruno Munari, leggendario personaggio, portatore di energia, creatività e cultura con “Munari Politecnico”, mostra curata da Marco Sammicheli e Paolo Giacomazzi che si terrà dal 6 aprile al 7 settembre 2014 presso il Museo del Novecento. La mostra parla dell’ indimenticabile designer, scrittore (di saggi e fiabe quali “Cappuccetto bianco”, “Cappuccetto giallo”, “Cappuccetto verde” e “Cappuccetto blu” per bambini di tutte le età) ed eclettico intellettuale, espone le opere dell’ artista provenienti dalle collezioni Vodoz e Danese che sono rilette e dialogano con artisti quali Gillo Dorfles e Carlo Belloli. Un percorso espositivo che si sofferma sul legame di Bruno Munari con Milano, i caffè, Brera, gli atelier e le gallerie d’ arte ed è arricchito dalle fotografie di Ada Ardessi e Atto che hanno documentato la sua opera per più di venti anni. Mi piace ricordare il suo pensiero su fantasia e creatività, due preziose risorse dell’ essere umano: “la fantasia è una capacità dello spirito capace di inventare immagini mentali diverse dalla realtà dei particolari o dell’insieme: immagini che possono anche essere irrealizzabili praticamente. La creatività invece è una capacità produttiva dove fantasia e ragione sono collegate, per cui il risultato che si ottiene è sempre realizzabile praticamente”. Un evento imperdibile (il quale fa parte di una serie di iniziative quali la Giornata Internazionale di Studi su Bruno Munari che si terrà il 3 giugno 2014 presso il Museo del Novecento, Sala Fontana) all’ insegna di arte, design e della sua cultura.

Little White Riding Hood, by Bruno Munari...

Little White Riding Hood, by Bruno Munari…

 

...minimal fair-tale dedicated to Philip Glass

…minimalist fairy-tale dedicated to Philip Glass

 

IMG_1108

 

IMG_1099

 

IMG_1110

 

IMG_1102

 

IMG_1104

 

 

www.museodelnovecento.org

The new black, photo by Marco Bertolini

The new black, photo by Marco Bertolini

 

Nature, core of a sentimental education, the collective unconscious being in Alto Adige, native country – I love very much – of young and bright photographer Marco Bertolini – born in Bolzano, based in Milan and cosmopolitan as attitude – which evokes a beautiful fierceness, a feeling of belonging and connection with the land, the nature surrounds and hosts the individual under the sign of honor, respect and healthy interaction with it. A value which is deeply connected to the poetry of photographer, its search, the value – I care – of sustainability, as well as the idea of simplicity in its semiotic, symbolic and representative meaning. Simplicity as idea which subverts and renews the mundane standard of conventional beauty, featuring in contemporary times, mere forcing, fiction to appear instead of being, synthesis or rather, ability to visualize reality without useless frills, but also as means to valorize and get in touch with its own inner being and humanity, walking through the complex links where it becomes the individual. A simple conversation, embodied in the short interview which follows, successful chance of exchange, reflection and enrichment, focused on the understanding and exploring the poetry and art by photographer, the silent dynamism of objects, he depicted and emphasized by the brightness of darkness under the sign of a refined elegance and the suggestive and vibrant lyricism of his simplicity.

The new black, photo by Marco Bertolini

The new black, photo by Marco Bertolini

How did you start to be involved with photography?

“I started to be involved with photography since I was a young boy and my grandmother gave me as a gift a camera and I started printing on paper and developing photographs in the bathroom of my parents’ house. I closed the windows of bathroom, obscured by the towels and I turned the room into a darkroom, making direct prints of objects on photographic paper that always were objects, bottles, nails. Then my educational training has not oriented on themes concerning the pure creativity, I went to London at the Southbank University and I studied ho marketing ( editor’s note: even if I think marketing it’s pure creativity ). Later, once I completed my university training I came to Milan from Bolzano and I began working for many companies in the realm of furnishing and design, putting aside for many years the photography. After I started working for many magazines as Elle Decor, Grazia Casa and other ones as stylist and after I left everything, the furniture and design and I began focusing professionally on photography. It has been something that arose due to necessity. I had a great working and human relationship with Bruno Rainaldi, who passed two years ago and we have understood at a certain point I couldn’t continue to work with him, for him in the realm of design, but I had to follow what was my passion, my true interests. Thus I started shooting, I proposed myself to companies also for more commercial projects as the catalogues in the realm of interior architecture for customers as architects, the industry, successfully continuing to do what I do, shooting”.

The new black, photo by Marco Bertolini

The new black, photo by Marco Bertolini

How does it make concrete your stylistic search?

I am very much at ease working by myself and playing, experimenting with the light and objects. I think the most beautiful things arise from the simplicity and an exercise which pushes to the search of an absolute simplicity. It’s the simplicity what pays in my work, it doesn’t feature anything concerning class, value, it’s just the picture. My latest work, I consider it as example, “Silence” featuring a series still-lifes, shooting objects I collected on the road after the market of the area where I live. I brought a box once the market ended and as a tramp I collected the many objects I found, I collected an apple bruised on a side, my that is not visible on photograph, it seems like a perfect apple, though it was completely rotten in the other side, I collected a blasted fig leaf, a berry, a chestnutshell and I shot these objects in the dark, intensifying the dark more than the way I have made for the series “New black”.

The new black, photo by Marco Bertolini

The new black, photo by Marco Bertolini

What is your connection to nature and to which extent did it influence your vision, idea of beauty and your stylistic search?

“I don’t love all that is artificial, pretentious, deliberately decorative which has no flavor, a scent, a texture, has to be beautiful, but it has a beauty being an end to itself. I love mostly and I search for the beauty in the things that can pass unnoticed, it seems like a hokum what I am saying, but it is really what I think. It’s useless to go buying posies to shoot, look for butterflies, as the re production of beauty, as Gillo Dorfles teaches us, becomes kitsch, it’s neither beauty nor originality. I think in Italy there is a huge display, a disguising in order to appear beautiful under the sign of obsolete standards of beauty that don’t renovate, it doesn’t create anything being new, thus it needs returning to the simplicity. And nature in this sense can be a great source of inspiration, considered as geography – as the Alto-Adige, the region where I come from – as well as the rural world and its healthiness, a genuine simplicity which catches the life and vitality of subject, individual and the object, meant as subject’s patrimony of values, emphasizing an idea of genuine beauty. I touch mostly behind to a basket of nuts or apples, endorsed on a wood counter top in a farm placed in the high mountain, that don’t know they are beautiful, who put there doesn’t know he created something beautiful, which is up to us appreciate. Maybe it’s because someone has behind itself this scene since years, generations, thus it’s a kind of bringer of an aesthetics based on what it surrounds him/her. Probably he/she doesn’t create, but draws inspiration from the nature.

The minimalism is not beauty and it’s not simplicity, it’s a forcing. The spontaneity in the aesthetics and people is beauty, the fact of not knowing to be beautiful, not wanting to be beautiful, to create something beautiful which is an end to itself and it never will be beautiful as it want to be beautiful, but it don’t succeed being beautiful”.

UNA STORIA SEMPLICE: L’ ESTETICA DELLA SEMPLICITÀ VISTA DA MARCO BERTOLINI

Silence, photo by Marco Bertolini

Silence, photo by Marco Bertolini

La natura, nucleo fondamentale di una educazione sentimentale, dell’ inconscio collettivo che si trova nell’ Alto Adige, terra – che amo molto – natia del giovane e brillante fotografo Marco Bertolini – bolzanino di nascita, milanese di adozione e cosmopolita per vocazione – che evoca una bella fierezza, un senso di appartenenza e legame con la terra, la natura che circonda e ospita l’ individuo all’ insegna di onore, rispetto e salubre interazione con essa. Un valore che è intimamente connesso alla poetica del fotografo, alla sua ricerca, al valore a me caro della sostenibilità come anche al concetto di semplicità nella sua accezione semiotica, simbolica e rappresentativa. Semplicità quale idea che sovverte e rinnova il noioso standard di bellezza convenzionale protagonista della contemporaneità, mera forzatura, finzione per apparire invece di essere, sintesi ovvero capacità di visualizzare la realtà senza inutili fronzoli, ma anche quale strumento per valorizzare e entrare in contatto con la propria interiorità e umanità, percorrendo le complesse maglie in cui si volge l’ individualità. Una conversazione semplice, racchiusa nella breve intervista che segue, felice occasione di scambio, riflessione e arricchimento, volta a comprendere ed esplorare la poetica e l’ arte del fotografo, il silenzioso dinamismo degli oggetti, da lui magistralmente ritratto ed enfatizzato dalla luminosità dell’ oscurità all’ insegna di una raffinata eleganza e il suggestivo e vibrante lirismo della sua semplicità.

Come hai iniziato a occuparti di fotografia?

“Ho iniziato a occuparmi di fotografia da ragazzino quando mia nonna mi ha regalato una macchina fotografica e ho iniziato a stampare su carta e sviluppare le fotografie nel bagno di casa dei miei genitori. Chiudevo le finestre del bagno, oscurate dagli asciugamani e trasformavo la stanza in una camera oscura, facendo stampe dirette di oggetti su carta fotografica che erano sempre degli oggetti, bottiglie chiodi. Poi il mio percorso formativo si è orientato non verso argomenti inerenti alla creatività pura, sono andata a Londra alla Southbank University e ho studiato marketing ( nda: anche se ritengo che il marketing sia pura creatività). Poi non appena finito il mio corso di studi sono approdato a Milano da Bolzano e ho iniziato a lavorare per varie aziende nel settore dell’ arredamento e del design, accantonando per parecchi anni la fotografia. Successivamente ho iniziato a lavorare per varie riviste quali Elle Decor, Grazia Casa e altre nelle vesti di stylist e poi ho mollato tutto, l’ arredamento e il design ed ho iniziato a dedicarmi professionalmente alla fotografia. È stata una cosa che è nata per necessità. Avevo un ottimo rapporto con Bruno Rainaldi, venuto a mancare due anni fa e a un certo punto entrambi abbiamo capito che non potevo continuare a lavorare con lui, per lui nel campo del design, ma dovevo perseguire quelle che erano le mie passioni, i miei veri interessi. Così ho cominciato a fotografare, mi sono proposto ad aziende anche per progetti più commerciali come i cataloghi nell’ ambito di architettura di interni, per committenti quali architetti, per l’ industria, continuando felicemente a fare ciò che faccio, fotografare”.

Silence, photo by Marco Bertolini

Silence, photo by Marco Bertolini

In che modo si concretizza la tua ricerca stilistica?

“Mi trovo molto a mio agio a lavorare da solo e giocare, sperimentare con la luce e gli oggetti. Penso che le cose più belle nascano dalla semplicità e da un esercizio che porta alla ricerca di una semplicità assoluta. È la semplicità che paga nel mio lavoro, non ci sono connotati di classe, valore che non siano l’ immagine stessa. Il mio ultimo lavoro, per farti un esempio, “Silence” di cui è protagonista una seria di still-life, fatti a oggetti raccolti per strada dopo il mercato di quartiere. Alla fine del mercato, ho preso una cassetta e come un barbone ho raccolto vari oggetti che trovavo, ho raccolto una mela ammaccata su un lato, ma in foto non si vede che la mela è ammaccata, sembra una mela perfetta anche se da un lato era completamente marcia, ho raccolto una foglia di fico appassita, una bacca, un riccio di castagna e ho fotografato questi oggetti al buio, esasperando il buio rispetto alla serie “New black” ”.

Silence, photo by Marco Bertolini

Silence, photo by Marco Bertolini

Qual’ è il tuo legame con la natura e in che misura ha influito sulla tua visione, l’ idea di bellezza e la tua ricerca artistica?

“Non amo tutto ciò che è artificiale, pretenzioso, volutamente decorativo che non ha un sapore, un odore, una texture che deve essere bello, ma ha una bellezza fine a sé stessa. Amo di più e ricerco la bellezza nelle cose che possono passare inosservate, sembra una banalità ciò che sto dicendo, ma è davvero ciò che penso. È inutile andare a comprare mazzi di fiori da fotografare, cercare farfalle, poiché la riproduzione del bello, come Gillo Dorfles ci insegna,  diventa il kitsch, non è più bellezza né originalità. Penso che in Italia ci sia una grande ostentazione, un mascherarsi, mettersi in mostra per apparire belli all’ insegna di canoni di bellezza obsoleti, che non si rinnovano, non si crea niente di nuovo per cui c’è bisogno di tornare alla semplicità. E in  questo senso la natura più essere una feconda fonte di ispirazione, intesa sia quale geografia – come l’ Alto-Adige, la regione da cui provengo – come anche quale mondo rurale e la sua salubrità, una genuina semplicità che coglie la vita e la vitalità del soggetto, dell’ individuo e dell’ oggetto, inteso quale patrimonio valoriale del soggetto, valorizzando una idea di bellezza autentica. Mi emoziono di più dinanzi a una cesta di noci o delle mele in un maso in alta montagna appoggiate su un piano di legno che non sanno di essere belle, chi le ha messe là non sa di aver creato qualcosa di bello, spetta a noi apprezzarlo. Forse è perché ha davanti questo scenario da anni, da generazione per cui porta avanti un’ estetica che si basa su ciò che lo circonda. Probabilmente costui non crea, ma attinge dalla natura. Il minimalismo non è bellezza e non è semplicità, è una forzatura. La spontaneità nell’ estetica e nelle persone è bellezza, il non sapere di esser belli, il non voler esser belli, non voler creare qualcosa di bello che sia fine a sé stesso e ciò bello non lo sarà mai, poiché vuole esser bello, ma non riesce a esser bello”.

Silence,, photo by Marco Bertolini

Silence, photo by Marco Bertolini

www.marcobertolini.com

Sofia Gnoli, The mother of Viola Galassi, Giorgio Napolitano and Viola Galassi

I’m very glad to celebrate the Leonardo award, given by the Italy President of Republic Giorgio Napolitano – during a ceremony which was recently held in Rome at the Quirinale – to the young Viola Galassi (graduated in Literature, Philosophy and Economics at the University of the Studies “La Sapienza” of Rome) for her graduation thesis on Costume and Fashion Sciences “The  fashion of blogs” – of whose supervisor is the Professor, fashion historian, fashion curator and journalist Sofia Gnoli -, a work exploring the world of fashion blogs and featuring also me, my blog FBF, Fashion Beyond Fashion, included in an interview I gave months ago, where I talked about me, the blog, information fashion, I’m pleased to share with you, dear FBFers. A successful chance to wish a bright, young individual of following her way towards a lucky path.

NUNZIA GAROFFOLO, THE FASHION ANARCHIST

Nunzia Garoffolo

Nunzia Garoffolo is a blogger being part of blogs’ elite, focused on the promotion of fashion as art and makes that through information and due researches. It doesn’t appear much concerning her path in the presentation she makes about herself, included in the blog she made, FBF, Fashion Beyond Fashion, as her purpose is not to be known as individual, but enhance the creativity in its more unusual, innovative and catchy forms. I met Nunzia Garoffolo – who is Professor at the Rome Costume & Fashion Academy – to make me tell more, regarding who is her and what she thinks about the phenomenon of fashion blogger.

Who is Nunzia Garoffolo, what has been your path and why did you create a blog?

“I started as self-taught, fashion was a passion I had since childhood, I loved fashion and fortunately I had parents who always let all of my creative expression free. I’ve chosen an humanistic educational training, though I loved this field, before the Gymnasium and later the university training, getting the University degree in Law at the University of Studies “La Sapienza” of Rome. I always has been interested in the international field, for knowing new realms and consider them as a purpose of enrichment, not to separate but to get closer. There already was this kind of open-minded attitude in me, in fact I graduated in Private Comparative Law – path I later left as it dejected the emotional part I put aside, promising me I would used that when I would has been older. And as I frequently tell to my students and friends, there is Gillo Dorfles (celebrated author and expert of aesthetics),  who got a medicine degree and later became Professor of aesthetics, a famous self-taught and I consider myself as the female and much more modest version of Gillo Dorfles. A question, often asked me, is how did I approach to do that? I didn’t approach myself,  I always say to the scholars of my course “to do or not to do” and I did – it’s an attitude being also in the blog. Law as fashion, literature and every other channel of communication represents the spirit of a group of people, history, traditions, tension of people in a certain place and in a specific lapse of time and there is a dialogue, an intersection between many channels of communication as fashion as well as art, literature, film, music in my blog”.

The name of your blog is Fashion Beyond Fashion resulting from that?

“Yes, it is, my blog is Beyond as “beyond” fashion, presenting the more creative, free, libertarian, cultural side – which often, but fortunately not always features as consumerism, being fashion almost always overlapped to the product, considered as commodities of consumerism and rarely considered as source of culture – of which today it is know just a few, instead of the time when I was a child and I bought Vogue, Amica or other fashion magazines and an enthusiast, a neophyte, a lover of fashion had the chance to discover the creativity of a couturier reading those magazines. That is a side I like to show on my blog, loving to feature the talent of many young creatives there are all over the world, though they often don’t get the recognition they deserve as well as to consider how it moves the creativity in Italy and in other foreign countries. The blogger started to be the only ones who featured fully the young talents. The information runs quickly on the web, it’s frequently independent thus it’s not subordinate to some rules, existing in the realm of information’s setting, the choice of what has to be shown, then in its display: it’s freedom amd I care to say I consider the blog as a means to inform of whose main feature is velocity. In fact today news feature before in the web and after in other formats as news on paper or in TV. That made me start to go towards this path as I am born as columnist on paper who collaborated for many fashion, culture and art magazines”.

Thus did the opening of your blog follow your work as columnist?

“Yes, it followed my work as columnist, as I felt the need of doing that. It has been a path , a choice, arisen from to the desire of investing on myself, giving my own modest contribute as I think life is sharing. My main purpose is not to appear on photographs, wearing the designer bag or other items, but making a virtual information which is balanced where the visual element is equal to written element”.

Do you think it will be a kind of natural selection in the realm of fashion bloggers?

“The value results from the facts. A product is ephemeral – maybe resulting from a media exposure which is often misleading as leitmotiv of contemporary times -, you are fashionable for one, two, three, four years at maximum then you vanish. I always preferred in my life considering the long term, the results arising from that, got by commitment and effort. I feature in the circle of people who wants durable results and is not inspired by the desire of getting fame, celebrity and visibility at all costs”.

What about the teenager who follow fashion bloggers, often lacking a cultural references?

“I will seem like a pessimist, but I will be optimist in another sense. Teenagers will stay like they are now during the age of postmodernism we are living, but they will be seduced by another ethic – already existing, though it’s not fully developed -, the sustainability. We are in an era of transition, time of global decadence we are trying to cross. Therefore it needs make fashion regain the content of – controversial or marvelous – message which had yesterday Vivienne Westwood in the Seventies, Moschino in the Eighties, creative who irreverently made fun of Italian politics. These two cases represent fashion having a genuine content which is the one I celebrate, going beyond time, marking an era, it’s like an artwork: it makes you think about”.

Are you a fashion anarchist and have you a determination – you define in your blog – like a samurai?

“I’ m determined like a samurai, but I also am spontaneuos like a child. Children are spontaneous, curious, enthusiast and brave. The choices I’ve done can be controversial, but that is my romanticism, not being focused on giving as a gift roses to the one you love, but defending freedom as the higher value than any other thing and the ideas, though they are hard to uphold and that is not resulting from the idea or will to be against, but it just because they are your own ideas. I wish everyone succeeds drawing its own path. The free will exists, maybe it’s a little bit of the very huge cake that is life, but it exists and everyone carves out its own existence in the way more proper inside that little bit, as you always, every day, choose ”.

LA MODA DEI BLOG, UNA GIOVANE MENTE & UNA CELEBRAZIONE: VIOLA GALASSI VINCE IL PREMIO LEONARDO

Viola Galassi during the ceremony awarding her along with the President of Republic Giorgio Napolitano

Sono felice di celebrare il premio Leonardo, dato dal Presidente della Republica d’ Italia Giorgio Napolitano – in occasione di una cerimonia che si è recentemente tenuta a Roma presso il Quirinale – a Viola Galassi (laureatasi in Lettere, Filosofia ed Economia all’ Università degli Studi “La Sapienza” di Roma) per la sua tesi di laurea “La moda dei blog” – la cui relatrice è la docente, storica della moda, fashion curator e giornalista Sofia Gnoli -, un lavoro che esplora il mondo dei fashion blog e che ha quale protagonista anche me, il blog FBF, Fashion Beyond Fashion, incluso in un’ intervista che ho rilasciato mesi fa in cui ho parlato di me, del blog, di informazione e moda e sono lieta di condividere con voi, cari FBFers. Una felice occasione per augurare a una brillante, giovane individualità di proseguire la sua strada verso un percorso fortunato.

NUNZIA GAROFFOLO, L’ ANARCHICA DELLA MODA

Nunzia Garoffolo

Nunzia Garoffolo è una blogger che fa parte di una elite di blog, intenta a promuovere la moda come arte e lo fa attraverso l’informazione e le dovute ricerche. Non appare molto del suo percorso nella presentazione che fa di sé stessa, inclusa nel blog FBF, Fashion Beyond Fashion da lei realizzato proprio perché la sua intenzione non è quella di farsi conoscere come individuo, ma valorizzare la creatività nelle sue forme più inusuali, innovative e accattivanti. Abbiamo incontrato Nunzia Garoffolo – che è docente all’ Accademia di Costume e Moda a Roma – per farci raccontare meglio da lei chi è e cosa pensa del fenomeno fashion blogger.

Chi è Nunzia Garoffolo, qual è stato il tuo percorso e perché hai aperto un blog?

“Ho iniziato da autodidatta, la moda era una passione che avevo dalla infanzia, amavo la moda e fortunatamente ho  avuto genitori che hanno sempre lasciato libera ogni mia espressione creativa. Pur amando questo settore, ho però scelto un’educazione di tipo umanistico, classico, prima liceale e poi universitario e mi sono laureata in giurisprudenza all’ Università degli Studi “La Sapienza” di Roma. Sono sempre stata attratta dalla materia internazionalistica, dal conoscere nuovi settori e valutarli con una finalità di arricchimento, non per separare, ma avvicinare. Avevo già questa apertura, tant’è che mi sono laureata e specializzata in Diritto Privato Comparato – percorso in seguito abbandonato perché il diritto deprimeva la parte emozionale che avevo accantonato, ma avevo promesso a me stessa di utilizzare quando sarei stata più grande. E come sovente dico alle mie allieve e ai miei amici, esiste Gillo Dorfles (celebre scrittore ed esperto di estetica), laureatosi in medicina e in seguito divenuto docente di estetica, un famoso autodidatta ed io sono la versione femminile e molto più modesta di Gillo Dorfles. Una domanda che mi fanno spesso è come mi sono “approcciata” a fare questo? Non mi sono “approcciata”. Dico sempre alle ragazze del mio Corso “fare o non fare” ed io ho fatto – ed è un atteggiamento che si ritrova anche nel blog. Il diritto come la moda, la letteratura e ogni altro canale di comunicazione rappresentano lo spirito di un popolo, la storia, le tradizioni, le tensioni di un popolo in un determinato luogo e in un determinato lasso di tempo e nel mio blog c’è un dialogo, un’intersezione tra vari canali di comunicazione quali la moda, ma anche letteratura, il cinema, la musica.

È per questo motivo che il tuo blog si chiama Fashion Beyond Fashion?

Si, lo è, il mio blog è Beyond perché è “oltre” la moda, manifestando il suo lato più creativo, libero, libertario, culturale – che sovente, ma non sempre fortunatamente, esce fuori come consumo, essendo la moda quasi sempre sovrapposta al prodotto, intesa come bene di consumo e poche volte considerata fonte di cultura -, di cui oggi si sa poco, rispetto a quando ero bambina e compravo Vogue, Amica e altre riviste di moda, grazie alle quali anche un neofita, un entusiasta, un appassionato, aveva la possibilità di conoscere la creatività di un couturier. Questo è un aspetto che sul mio blog amo recuperare. Amo dare spazio al talento di tanti giovani creativi di tutto il mondo – che esistono -, ma sovente non hanno quel riconoscimento che loro spetta e anche per valutare come si muove la creatività in Italia e all’ estero. I blogger sono stati gli unici che hanno parlato dei giovani talenti. L’informazione via etere corre veloce, è indipendente quindi non soggiace a certe logiche esistenti nell’ ambito della costruzione dell’informazione, della scelta di cosa far vedere e nell’ esposizione della stessa: è libertà e in quanto tale ci tengo a ribadire che considero il blog uno strumento d’informazione il cui elemento più lodevole è la velocità dell’ informazione. Infatti oggi le informazioni passano prima sul web e poi su altri canali quali l’informazione cartacea o televisiva. È questa la motivazione che mi ha spinto a intraprendere tale percorso, nascendo come editorialista su carta che ha collaborato con varie testate di moda, ma anche di cultura e di arte”.

Quindi l’apertura del blog è stata consequenziale alla sua attività da giornalista?

“Si, è stata consequenziale al mio lavoro di editorialista, sentivo l’ esigenza di fare ciò. È stato un cammino, una mia scelta, derivante dal desiderio di investire in prima persona su me stessa, dando il mio modesto contributo, poiché la vita è condivisione. Il mio scopo non è essere fotografata, indossando la borsa firmata o un altro prodotto, ma recuperare un’informazione virtuale che sia armonica, bilanciata in cui l’elemento visivo sia paritario all’ elemento scritto”.

Pensi che ci sarà una sorta di selezione naturale nel tempo nell’ ambito dei fashion blog?

“Il valore viene dai fatti. Un prodotto è effimero – magari complice un’esposizione mediatica anche fuorviante che vige quale leitmotiv della contemporaneità -, sei in auge per uno, due, tre, quattro anni al massimo e poi scompari. Nella mia vita ho sempre preferito considerare il lungo periodo, i risultati da esso derivanti, ottenuti mediante impegno e fatica. Faccio parte di quel gruppo di persone che vuole un risultato solido e non è animato dal desiderio di avere fama, celebrità e visibilità a ogni costo”.

Cosa dire degli utenti, per lo più adolescenti che seguono i fashion blogger, sovente privi di riferimenti culturali?

“Sarò pessimista, ma ottimista in altro senso. I teenager resteranno tali nell’ era di postmodernismo che stiamo vivendo, ma saranno sedotti da un’altra etica – già in auge, ma che non si é pienamente consolidata -, la sostenibilità. Siamo in un’epoca di transizione, era di decadenza globale che stiamo cercando di attraversare. Pertanto è d’ uopo far riacquistare alla moda il contenuto di messaggio – criticabile o meraviglioso – che aveva Vivienne Westwood negli anni ‘70, Moschino negli anni ’80, creativo che si beffeggiava in modo irriverente della politica italiana. Questi due esempi rappresentano la moda con un contenuto autentico che è quella da me celebrata, va aldilà del tempo, segna un’epoca, è come un’opera d’arte: ti fa pensare”.

Sei un’anarchica della moda e hai una determinazione – che nel tuo blog definisci – da samurai?

“Sono determinata come un samurai, ma sono anche spontanea come un bambino. I bambini sono spontanei, entusiasti, curiosi e coraggiosi. Le scelte che ho fatto possono essere discutibili, ma questo è il mio romanticismo, non si tratta di regalare rose a chi si ama, ma difendere la libertà come valore più di alto di ogni altra cosa e le idee anche dure e difficili da sostenere e ciò non per il fatto di essere e voler essere contro, ma perché sono le proprie idee. Auguro a tutti di riuscire a tracciare da soli il proprio cammino. Il libero arbitrio esiste, magari è un piccolo pezzetto rispetto alla torta grandissima che è la vita, però esiste e in quel pezzettino ognuno si ritaglia la propria esistenza nel modo più consono, perché si sceglie sempre, ogni giorno”.

The ceremony at Quirinale where it has awarded Viola Galassi

Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 2,898 other followers