You are currently browsing the tag archive for the ‘books’ tag.

Rosy Biffi

Rosy Biffi, photo by N

Rosy Biffi goes ahead, the pioneer renowned buyer and owner of Milan Biffi boutiques, making a further step in supporting emerging creatives and promoting an healthy ethic as well as a healthy marketing idea, featuring the “givers” – the ones who are generous, focused on giving without thinking about an expectation or an immediate benefit arising from that and have the courage and the open-minded attitude to believe and concretely invest on an idea considering the development of a long-term business plan, as it is evidenced by the management professor and author Adam Grant in the book he wrote “Give and take” Sperling & Kupfer, 18,00 Euros – brings out of the catwalk and hosts on 17th September 2013 at the Biffi boutique in Corso Genova 6during the Milan edition of fashion event Vogue Fashion Night’s Out  a panel of creatives, Stella Jean, Portenier Roth, Kiki Clothing and Christie Brown, who featured in An Ethical Initiative, event created by Altaroma and UN agency ITC , included in the Altaroma latest edition. Another laudable initiative under the sign of ethical fashion – considered in its wide meaning, including manufacture as well as a vibrant concept – which has a bright purpose: to give the chances to bright creatives of being discovered and appreciated by the audience, by the ones who could buy the creations they made. I really wish this idea promoted by Rosy Biffi, who had and has the smartness and generosity to support emerging talents, spreads and is used in the other realms of fashion system. That would be an added value for the made in Italy as well as for the fashion system considered as a whole. A not to be missed happening to enjoy fashion and its suggestions, the individual value and values.

VFNO: LA ETHICAL FASHION INITIATIVE DI ITC & ALTAROMA PROTAGONISTA DELLA BOUTIQUE BIFFI DI MILANO

Stella Jean during An Ethical Initiative at Altaroma

Stella Jean during An Ethical Initiative at Altaroma, photo by Giorgio Miserendino

Rosy Biffi va avanti, la pionieristica, rinomata buyer e proprietaria delle boutiques di Milano Biffi, compiendo un ulteriore passo nel sostegno di creativi emergenti e promozione di una salubre etica e idea di marketing di cui sono protagonisti i “givers” come lei – coloro che sono generosi, dediti a dare senza pensare a una aspettativa o a un immediato beneficio da esso derivante e hanno il coraggio e l’ apertura mentale di credere e investire concretamente su un’ idea, prendendo in considerazione lo sviluppo di business plan a lungo termine, come è stato dimostrato dal docente di management professore e scrittore Adam Grant nel libro da lui realizzato “Più dai Più hai. Un approccio rivoluzionario al successo” Sperling & Kupfer, 18,00 Euro -, porta fuori dalla passerella e ospita il 17 settembre 2013 presso la boutique Biffi in Corso Genova 6, in occasione dell’ edizione di Milano dell’ evento moda Vogue Fashion Night’s Out un gruppo di creativi, Stella Jean, Portenier Roth, Kiki Clothing e Christie Brown che sono stati protagonisti di An Ethical Initiative, evento creato da Altaroma e dall’ agenzia dell’ ONU ITC e incluso nell’ ultima edizione di Altaroma. Un’ altra lodevole iniziativa all’ insegna della moda ethical – considerata nella sua accezione più ampia che include la manifattura come anche un vibrante concept – che ha una brillante finalità: offrire la possibilità a brillanti creativi di essere scoperti e apprezzati dal pubblico, da coloro che potrebbero comprare le loro creazioni. Mi auguro vivamente che questa idea, promossa da Rosy Biffi, la quale ha avuto e ha l’ intelligenza e generosità di sostenere i talenti emergenti si sparga e sia usata in altri ambiti del sistema moda. Ciò sarebbe un valore aggiunto per il made in Italy come anche per il sistema moda considerato nella sua interezza. Un imperdibile evento per apprezzare la moda e le sue suggestioni, il valore individuale e i valori.

Kiki clothing featuring in An Ethical initiative by Altaroma and ITC

Kiki clothing featuring in An Ethical initiative by Altaroma and ITC, photo by Giorgio Miserendino

Christie Brown feaaturing in An ethical initiative by Altaroma and ITC, photo by Giorgio Miserendino

Christie Brown feaaturing in An ethical initiative by Altaroma and ITC, photo by Giorgio Miserendino

biffi 6

www.biffiboutiques.com

derek jarman  5

It will be released on 9th September 2013 “Derek Jarman’s sketchbooks”( Thames & Hudson, £28.00), book edited by Stephen Farthing and Ed Webb-Ingall featuring an intimate portrait of the legendary British filmmaker Derek Jarman, recording his own life, telling about the way he shaped and made concrete his ideas. The book includes poetry, drawings, pressed flowers, photographs, scripts and notes, unseen documents revealing the detailed planning behind each film he made and is enriched by contributes from people who were tied to him as Tilda Swinton who debuted in the smashing film he made “Caravaggio”. A fetish to have for all the ones who are devoted to the suggestions of a legendary artist which is also available in the deluxe edition, 500 numbered copies of “Derek Jarman’s sketchbooks” and three prints (£150.00).

 

UN RITRATTO INTIMO DI UN REGISTA LEGGENDARIO: “THE DEREK JARMAN’S SKETCHBOOKS” 

A poetry written by Derek Jarman

A poetry written by Derek Jarman

Sarà pubblicato il 9 settembre 2013 “Derek Jarman’s sketchbooks”( Thames & Hudson, £ 28.00), il libro edito da Stephen Farthing ed Ed Webb-Ingall di cui è protagonista un ritratto intimo del leggendario regista inglese Derek Jarman, che documenta la sua vita, racconta il modo in cui ha dato forma e concretizzato le sue idee. Il libro include poesie, disegni, fiori essiccati, fotografie, copioni e appunti, documenti inediti che rivelano la dettagliata progettazione di ogni pellicola da lui realizzata ed è arricchito da contributi di persone che erano a lui legate quali Tilda Swinton che ha debuttato nella sua formidabile pellicola “Caravaggio”. Un feticcio da avere per tutti coloro che sono devoti alle suggestioni di un artista leggendario, il quale è anche disponibile nella edizione deluxe, 500 copie numerate di “Derek Jarman’s sketchbooks” e tre stampe (£150.00).

Documents, scripts concerning Caravaggio and pressed flowers by Derek Jarman

Documents, scripts concerning Caravaggio and pressed flowers by Derek Jarman

Documents, scripts concerning Caravaggio and pressed flowers by Derek Jarman

Documents, scripts concerning Caravaggio and pressed flowers by Derek Jarman

Sketches for Sylvano Bussotti's opera by Derek Jarmanm directed by him in Florence in 1988

Sketches for Sylvano Bussotti’s opera by Derek Jarman directed by him in Florence in 1988

superhero

The erotic lives of superheroes”(Salammbo Press $ 17.90) is the smashing book – recently released in USA and already released by Rizzoli Press in Italy – by Marco Mancassola, Italian author who is based in London, an existential hyperrealist tale which answers to the questions as: what does it stay of ourselves, our stupid narcissisms when the other decide to do without us, how can we react to the cold-heartedness in the world? That is the core of a suggestive exploration and critique of contemporary times, its values or rather its absolute lack of values, overlapping with human feelings, love, its desperate search, the loneliness resulting from the emptiness and desperation for not getting love.

 Batman & Robin

Batman & Robin

A very human portrait of the tragic lives of superheroes as BatmanMystiqueMister FantasticSuperman and other celebrated characters featuring in the Marvel comics world who are mysteriously killed in the hyper active New York, the place where the story is set. A mistery revelead by Bruce De Villa, Italian detective investigating on their murderers  and featuring in the tale. The detective, character created by Marco Mancassola becomes the means to enter and explore the erotic life of superheroes, made of sadness, pain, obsessions as the Batman’s one, gay man having an affair with Robin, featuring a narcissistic delirium dressed up with fetishism and extreme sex. The author successfully joins the paradigm supermen/superheroes, heroism/eroticism, telling about of “supermen with super troubles” as to get older, to face with the pain, the fragility of bodies, emphasizing on the end of an age, the age of super heroes and marking on another age made of other values, other intentions and other heroes.

“LA VITA EROTICA DEI SUPERUOMINI”, IL ROMANZO ESISTENZIALE IPERREALISTA DI MARCO MANCASSOLA

Vitaeroticadeisupereroi

La vita erotica dei superuomini” ”(Salammbo Press $ 17.90) è il formidabile libro – recentemente pubblicato negli USA e già pubblicato in Italia da Rizzoli – di Marco Mancassola, scrittore italiano che vive a Londra, un romanzo esistenziale, iperrealista che risponde a interrogativi quali: cosa resta di noi, dei nostri stupidi narcisismi quando gli altri decidono di fare a meno di noi, come possiamo reagire alla freddezza del mondo? Questo è il nucleo di una suggestiva esplorazione e critica della contemporaneità, dei suoi valori o meglio dell’ assoluta mancanza di valori che si sovrappone con l’ umano sentire, l’ amore, la sua disperata ricerca e la solitudine derivante dal vuoto e dalla disperazione per il non avere amore.

Mystique

Mystique

Un ritratto molto umano delle tragiche vite di supereroi quali Batman, Mystique, Mister Fantastic, Superman e altri celebri personaggi protagonisti del mondo dei fumetti Marvel che sono stati misteriosamente uccisi nella iper attiva New York, luogo in cui è ambientata la storia. Un mistero svelato da Bruce De Villa, detective italiano che indaga sui loro omicidi ed è protagonista del racconto. Il detective, personaggio creato da Marco Mancassola, diventa il mezzo per entrare ed esplorare la vita erotica dei supereroi, fatta di tristezza, dolore, ossessioni, quali quella di Batman, gay che ha una storia con Robin, protagonista di un delirio narcisistico condito da feticismo e sesso estremo. L’ autore unisce felicemente il paradigma superuomini/supereroi, eroismo/erotismo, parlando di “superuomini con super problemi” quali invecchiare, confrontarsi con il dolore, la fragilità dei corpi, enfatizzando la fine di un’ epoca, l’ epoca dei supereroi e sottolineando un’ altra epoca, fatta di altri valori, altre intenzioni e altri eroi.

www.marcomancassola.com

The residency of Gianni Versace in Miami

The residency of Gianni Versace in Miami

It will be sold on auction (of whose starting price will amount to 25 million Us dollars) the Miami residency of the legendary fashion designer Gianni Versace (who has has murdered in 1997). The house, told by the brilliant author and journalist Cesare Cunaccia in the book “Gianni Versace, Vivere con arte” (Leonardo International), featuring the photographs by Helmut Newton, Richard Avedon and Bruce Weber, embodies and evokes the cult of art and history, signs impressed in his creativity which has celebrated the body, its plasticity, marked an age, yesterday, where a fashion designer dialogued with art, giving rise to that deep and vibrant search, which made him and his work unique and unforgettable.

LA VENDITA ALL’ ASTA DELLA VILLA DI MIAMI DI GIANNI VERSACE

The residency of Gianni Versace in Miami

The residency of Gianni Versace in Miami

Sarà venduta all’ asta ( il cui prezzo iniziale ammonterà a 25 milioni di dollari americani) la celebre residenza di Miami del leggendario fashion designer Gianni Versace (che è stato ucciso nel 1997). La casa, raccontata dal brillante scrittore e giornalista Cesare Cunaccia nel libro “Gianni Versace, Vivere con arte” (Leonardo International), di cui sono protagoniste le fotografie di Helmut Newton, Richard Avedon e Bruce Weber, racchiude in sé ed evoca il culto per l’ arte, la storia, segni impressi nella sua creatività che celebrato il corpo, la sua plasticità, segnato un’ epoca, ieri, in cui un fashion designer dialogava con l’ arte, dando vita a quella profonda e vibrante ricerca che ha reso lui e il suo lavoro unico e indimenticabile.

The residency of Gianni Versace in Miami

The residency of Gianni Versace in Miami

The residency of Gianni Versace in Miami

The residency of Gianni Versace in Miami

The residency of Gianni Versace in Miami

The residency of Gianni Versace in Miami

The residency of Gianni Versace in Miami

The residency of Gianni Versace in Miami

versace c

love

Today I ran into the post wrote by Ralph Nader, author and renowned American lawyer who introduced the class actions in USA legal system, making concrete the ideas sang yesterday by Patti Smith “people have the power”( who as law graduated student made the book “Unsafe at any speed” in 1965, where he told about the lack of conformity and quality of a product, circumstance which gave rise to the binding Ralph Nader vs. General Motors Corp., 25 N.Y. 2d 560, 1970, where he claimed for damages his privacy, person and reputation suffered. The consequence has been a compensation set up by the tribunal for the damage he suffered along with the obligation of General Motor’s President to publicly apologizes for the false accuses, made to Nader. It was the first time in USA it has given voice to consumers against the hyper power of multinationals).

The piece Love, corporate-style, features in his blog on Huffington Post I am glad to share with you dear FBFers as it focuses on issues that are closely connected to fashion, the fashion brands, their real or apparent adherence to the brand history, realm concerning fashion marketing, the impact of social media, social opinion during contemporary times, as well as the role of consumers inside a certain market, individuals who are at first individuals and eventually they can be consumers of a certain product or a wide range of products. And if the consumer yesterday has to be considered as a passive subject market, today the web, the 2.0 age, emancipated him, made him more informed, conscious and free.

Therefore many marketing experts started talking about spiritual values connected to the marketing, consumers as well as the companies producing goods. That reminds me of the words by Adriano Olivetti, embodied in the book “Ai lavoratori”, illuminated businessman I remind with respect and nostalgia, who focused in his work on immaterial values, the ones that aren’t just only in the profits index (as he asserted talking behind his workers: “there is beyond the apparent rhythm something more fascinating, a destination, a vocation also in the life of a company”), talking about responsibility, respect of individual and knowledge. Those are spiritual values which should be the core of a company, considered and made concrete by a fashion company, as it was made by brands as Timberland (a brand development model coherent with its brand history), the ethical fashion brand Carmina Campus, as well as embodied in the choices of consumers in order to be more conscious and free as we are born to live and not to consume or being consumed by consuming.

LOVE, CORPORATE-STYLE

“Mitt Romney famously said during his most recent bid for the presidency: “Corporations are people, my friend.” Perhaps nothing else better surmises the state of our country — even the state of our culture — than a prominent politician running for the presidency openly advancing such a flawed opinion. It is no secret that corporations now wield immense power in our elections, in our economy, and even in how we spend time with our friends and families. Corporate entities, in their massive, billion dollar efforts to advertise and “brand” themselves, not only want consumers to think of them as people, but even as “friends.” If a corporation could hit the campaign trail itself, one could imagine it uttering the phrase: “Corporations are friends, my people.”

I recently came across a full-page ad in the New York Times. The ad, which shows a tiny baby’s hand clutching the fingers of an adult hand, is captioned with the words: “Love is the most powerful thing on the planet.” It goes on to read: “For all the things in your life that make life worth living — Johnson and Johnson, for all you love.” Notably, this is Johnson and Johnson’s first “corporate branding” campaign in over a decade.

This poses an interesting question. What exactly is corporate love? Love is a very human emotion – but, coming from a business conglomerate whose over-riding goal is bigger profits — this message rings hollow.

An April 24 New York Times article (interestingly enough, the same paper the “For All You Love” ad appeared in) notes that Johnson and Johnson recalled 280 million packages of over-the-counter medication and two hip replacement models in 2010. Ten thousand lawsuits were filed as a result of these faulty hip replacements, including one lawsuit that forced Johnson and Johnson to pay out $8.3 million in damages.

Suddenly, a clearer picture begins to emerge. In this case, “corporate love” is merely a two-faced attempt to establish trust after — or in anticipation of — the disclosure of a negligent product failure. The phrase “to err is human, to forgive is divine” comes to mind. But, of course, corporations aren’t human.

The idea of “humanizing” a corporation is certainly not unique to Johnson and Johnson. Our corporate “friends” are all around us. They are dominating our publicly owned airwaves with their slogans, filling our skies with their logos on billboards, showing up on the sides of city buses, and collecting our browsing preferences so as to better appeal to us on the internet. One might say that “corporate love” has been a part of American culture as long as corporations have advertised. This idea of trust in a brand name — of allowing a corporation to “earn” your “friendship” — is one that perhaps has allowed the corporate entity to dominate so many aspects of our culture. People become attached to brands. How many people do you know that only use a certain type of shampoo or drink their preferred brand of beer?

To the younger generation, social media has become a massive part of the public forum. Look to Twitter, where companies like Walmart routinely “tweet” benign questions such as: “Cats or dogs… or both? Tell us what pet companion keeps you happy.” McDonald’s recently tweeted: “Good morning! Any big plans for the weekend?” Coca-Cola says: “Proven fact: making friends is easy when you’re bubbly, refreshing and delicious.” They’re not kidding — Coca-Cola has over a million “followers” on that website. (Who’s going to make concepts like “justice” bubbly, refreshing and delicious so as to get a million followers?”)

Don’t be fooled by these friendly panderings. These are multi-billion dollar companies attempting to win your trust to sell their products and often, to divert attention away from more disturbing truths — perhaps their products are unhealthy, or addictive, or damaging to the environment, or simply that their corporate executives regularly place profits over people. Social media accounts such as @Walmart “feign humanity and engage with users” as comedian Rob Delaney recently put it in an interview with Yahoo!

As the official Walmart account tweets: “Whew- Retweet if you agree that it’s too hot for hairdryers!” the executives that run that company choose to underpay their workers which forces taxpayers to subsidize many Walmart employees through social service programs, take advantage of communities, and use excess profits to buy back stock to line the pockets of its biggest shareholders. Given these transgressions, who cares about hairdryers?

So let’s conduct an experiment. The goal is to send a message to some of these giant corporations who are so obsessed with establishing themselves as your “friends” while taking advantage of our health, our workers, our electoral system, our government, our justice system and our economy. Take to the social media ramparts. Send out a tweet directed at the corporations you feel are the worst perpetrators of this snake-oily style of branding and question their worst offenses. Use the hashtag #corporatelove.

Let’s inform abusive companies like McDonald’s and Walmart that entities created for profit are not our buddies, but rather “legal fictions” that must be held accountable to human necessities”.

“AMORE, STILE AZIENDALE”

 

Oggi mi sono imbattuta nel post di Ralph Nader, scrittore e rinomato avvocato che ha introdotto l’ azione di categoria nel sistema giuridico Americano, concretizzando l’ idea cantata da Patti Smith che “people have the power”( che da studente neolaureato ha scritto il libro “Insicuro a qualsiasi velocità” nel 1965, in cui parlava di difetto di conformità e qualità di un prodotto, circostanza che ha dato vita al precedente vincolante Ralph Nader vs. General Motors Corp., 25 N.Y. 2d 560, 1970, in cui rivendicava i danni per la violazione di privacy a danni alla sua persona e reputazione. La conseguenza è stata un risarcimento dei danni a lui accordato dal tribunale unitamente all’ obbligo del presidente della General Motors a chiedere scusa pubblicamente a lui per le false accuse da essa presentate. Era la prima volta che negli USA era stata data voce ai consumatori contro lo strapotere delle multinazionali):

Il pezzo “Love, corporate-style” è protagonista oggi del suo blog su Huffington Post che son lieta di condividere con voi cari FBFers, essendo  incentrato su problematiche che sono strettamente connesse alla moda, ai brand di moda, la loro reale o apparente aderenza alla storia di brand, ambito che riguarda il fashion marketing, l’ impatto dei social media, della social opinion nella contemporaneità, come anche il ruolo dei consumatori all’ interno di un certo mercato, individui che sono per prima cosa individui ed eventualmente possono essere consumatori di un certo prodotto o un’ ampia gamma di prodotti. E se ieri il consumatore poteva essere considerato come un soggetto passivo dinanzi al mercato, oggi il web, l’ epoca 2.0, lo ha emancipato, rendendolo più informato, consapevole e libero.

Pertanto plurimi esperti di marketing hanno iniziato a parlare di valori spirituali connessi al marketing, ai consumatori e alle aziende che producono beni di consumo. Ciò mi ricorda le parole di Adriano Olivetti, racchiuse nel libro “Ai lavoratori”, imprenditore illuminato che ricordo con rispetto e nostalgia che ha incentrato il suo lavoro su valori immateriali, quelli che non si trovano soltanto nell’ indice dei profitti (come costui affermava parlando al cospetto dei suoi operai: “c’è qualcosa al di là del ritmo apparente di più affascinante, una destinazione, una vocazione anche nella vita di un’ azienda”), parlando di responsabilità, rispetto della persona e conoscenza. Questi sono valori spirituali che dovrebbero essere alla base di un’ azienda, considerati e concretizzati da un’ azienda di moda, come è stato fatto da brands quali Timberland (un modello di sviluppo di brand coerente con la sua storia di brand), il brand di moda ethical Carmina Campus, come anche racchiuso nelle scelte dei consumatori al fine di essere più consapevoli e liberi poiché siamo nati per vivere e non per consumare o essere consumati dal consumo.

AMORE, STILE -AZIENDALE

“E’ celebre ciò che Mitt Romney ha detto durante la sua candidatura alla presidenza: “Le aziende sono persone, amico mio”: Forse niente altro meglio si riesce a immaginare in merito allo stato del nostro paese – anche dello stato della nostra cultura – di un illustre politico in corsa alla presidenza che apertamente avanza un’ opinione talmente fallace. Non è un mistero che le aziende adesso esercitino un potere immenso nelle nostre elezioni, nella nostra economia, e anche nel modo in cui passiamo il tempo con i nostri amici e le famiglie. Le Entità aziendali, nei loro massicci tentativi da milioni di dollari per pubblicizzare e “brandizzare” sé stessi, non soltanto vogliono che i consumatori pensino a loro come persone, ma anche come “amici”. Se un’ azienda potesse colpire l’ iter stesso dellla campagna, lo si potrebbe immaginare sentendo la frase: “le aziende sono amici, gente mia”.

Mi sono recentemente imbattuto in una pubblicità a pagina intera nel New York Times. La pubblicità, che mostra la tenera mano di un bebè mentre stringe le dita di un adulto, è sottotitolata dalle parole: “L’ amore è la cosa più potente del pianeta”. Si continua a leggere: “Per tutte le cose nella tua vita che rendono la vita degna di essere vissuta — Johnson and Johnson, per tutto ciò che ami.” Da notarsi che questa è la prima campagna di “branding aziendale” della Johnson and Johnson in più di una decade.

Ciò pone un interessante quesito. Cosa è esattamente l’ amore aziendale? L’ amore è un’ emozione molto umana – ma, proveniente da un agglomerato aziendale che ha quale primaria finalità l’ ottenimento di profitti più alti — questo messaggio  risuona vacuo.

Un articolo del New York Times del 24 aprile (alquanto stranamente, la stessa pagina pubblicitaria “Per Tutto Ciò Che Ami” ivi appariva) nota che la Johnson and Johnson ha ritirato 280 milioni di confezioni di medicinali non prescrivibili e due protesi all’ anca difettose nel 2010. Dieci mila azioni legali sono state avviate a causa di queste protesi all’ anca difettose, comprensive di un’ azione legale che ha costretto la Johnson and Johnson a pagare 8.3 milioni di dollari di danni.

Improvvisamente, inizia a emergere una visione più chiara. In questo caso, ”l’ amore aziendale” è meramente un doppiogiochista tentativo per stabilire la fiducia dopo – o in anticipo a — la divulgazione di una responsabilità per difetto del prodotto. Viene in mente la frase “errare è umano, perdonare è divino”. Ma, naturalmente, le aziende non sono umane.

L’ idea di “umanizzare” un’ azienda non è certamente una prerogativa della Johnson and Johnson. I nostri “amici” aziendali sono intorno a noi. Stanno dominando le nostre reti radio di proprietà pubblica con i loro slogan, riempiendo i nostri cieli con i loro loghi su cartelloni, che sono messi in evidenza sui lati degli autobus cittadini, e collezionando le nostre preferenze di browser per piacere di più a noi su internet. Si potrebbe ritenere che “l’ amore aziendale” sia stato una parte della cultura americana dal momento in cui le aziende hanno fatto pubblicità. Questa idea di fiducia nel nome di un brand – di permettere a un’ azienda di “guadagnare” “amicizia” – è qualcosa che forse ha consentito all’ entità aziendale di dominare su così tanti aspetti della nostra cultura. Le persone diventano attaccate ai marchi. Quante persone si conoscono che usano soltanto un certo tipo di shampoo o bevono birra del loro marchio preferito?

Per le generazioni più giovani, i social media sono diventati una rilevante parte del public forum. Guardiamo Twitter, in cui aziende quali Walmart abitualmente include nei suoi “tweet” domande benevole quali: “Cani o gatti…o entrambi? Diteci quale compagno cucciolo vi rende felici”. McDonald’s recentemente ha tweettato: “Buongiorno! Avete qualche grande idea per il weekend?” Coca-Cola dice: “Fatto provato: è facile fare amicizia quando sei frizzante, rinfrescante e deliziosa”. Non è uno scherzo – la Coca-Cola ha più di un milione di “followers” su quel sito web. (Chi è colui che sta elaborare idee quali “giustizia” frizzante, rinfrescante e deliziosa in modo da ottenere un milione di followers?”)

Non lasciatevi ingannare da queste amichevoli lusinghe. Queste sono aziende multimiliardarie che tentano di conquistare la vostra fiducia per vendere i loro prodotti e spesso, per distogliere l’ attenzione da più disturbanti verità – forse i loro prodotti sono insalubri, o causano dipendenza o danneggiano l’ ambiente, o semplicemente che i loro capi d’ azienda regolarmente posizionano i profitti sulle persone. Gli accounts sui social media quali @Walmart “simula umanità ed entra in contatto con gli users” come il comico Rob Delaney ha ammesso in un’ intervista con Yahoo!

In quanto l’ account ufficiale di Walmart tweetta: “Ehi- Retweetts se sei d’ accordo che è troppo caldo per gli asciugacapelli!” i capi aziendali che gestiscono quell’ azienda scelgono di sottopagare i loro operai che costringe i contribuenti a fornire sussidi a molti impiegati della Walmart attraverso programmi di servizi sociali, che traggono vantaggi dalle comunità, e usano i profitti per riacquistare stock per allineare i pacchetti dei suoi più grandi azionisti. Date queste trasgressioni a chi importa degli asciugacapelli?

Facciamo quindi un esperimento. L’ obiettivo é mandare un messaggio ad alcune di queste gigantesche aziende che sono talmente ossessionate dal dimostrarsi vostre amiche mentre traggono vantaggio dalla nostra salute, dai nostri lavoratori, dal nostro sistema elettorale, dal nostro governo, dal nostro sistema giuridico e dalla nostra economia. Serviamoci dei baluardi dei social media. Mandiamo un tweet diretto alle aziende che reputi siano i peggiori perpetuatori di questo stile di branding da venditori di fumo e critica le loro peggiori infrazioni. Usa l’ hashtag #corporatelove.

Informiamo le aziende speculatorie quali McDonald’s e Walmart che le aziende create per il profitto non sono nostri amici, ma soltanto “finzioni giuridiche” che devono essere considerate responsabili delle necessità umane”.

 Maria Luisa Frisa holding a decoration (written: how can I help you?) part of the dress-code of a student who welcomed the audience at Iuav University


Maria Luisa Frisa holding a decoration (written: how can I help you?) part of the dress-code of a student who welcomed the audience at Iuav University

Modesign/Fashion’s event at Iuav 2013, happened recently and it consisted of exhibitions at Iuav University such as “Close-up. Sguardi sull’ attività del Corso di Laurea di Design della moda”, curated by Maria Bonifacic, “Fashion ephemera by Antonio Marras” curated by Mario Lupano (with whom I shared a Summer Epicurean interlude in a smashing place, the Giardino Bistrot, along with the blogger Nally Bellati, we had a delicious and fresh chicken salad and drank fresh mint tea) and the display of Bag factor 2013, which presented the results of a bag design workshop in collaboration with Bottega Veneta  and curated by Elda Danese.

2

3

The magazines on display

The magazines on display

5

The book written by the Iuav's professors as Maria Luisa Frisa

The book written by the Iuav’s professors as Maria Luisa Frisa

The final dissertation of a Iuav graduated student

The final dissertation of a Iuav graduated student

A fragment of students' life at Iuav

A fragment of students’ life at Iuav

A film documenting the work made by students at Iuav

A film documenting the work made by students at Iuav

Another smashing exhibition about the textiles has been “Refuso tessile. Archivio, riciclo e procedure progettuali”, curated by Maria Cristina Cerulli and Martina Bernardi which was held at the Treviso Archivio di Stato and showcased the work by Paoletti woolen mill.

The works by Iuav students

The works by Iuav students

11

12

13

14

15

16

The shooting area at Iuav

The shooting area at Iuav

Bag factor 2013

Bag factor 2013

19

20

The day continued with talks moderated by Giusi Ferrè where I met Brunello Cucinelli, appreciating his simplicity, dressed up with catholic-communist suggestions and many quotations, self-service of pre-packed thoughts (coming from Immanuel Kant, Vittorio Alfieri and another one which is commonly used in the fashion scene beyond the reading of “The idiot” by Fiòdor Dostoiewski: “beauty will save the world”, though he has been very elusive about the concept of his brand) and the words of Stefano Beraldo, CEO of Coin Group who told about the projects made in the realm of luxury as the opening of the Milan concept-store Excelsior as well in the fast-fashion realm started by Oviesse, the fast-fashion chain of group, involving fashion schools, graduated students and fashion designers in collaboration with Central Saint Martin’s and Matthew Williamson who announced the last step of project: a collaboration on the same project with the Milan fashion school Istituto Marangoni and the brand Aspesi.

MODESIGN/FASHION AT IUAV 2013(2)

The coffee shop-restaurant Giardino Bistrot

The coffee shop-restaurant Giardino Bistrot

Modesign l’ evento Moda alla Iuav del 2013, ha recentemente avuto luogo ed ha compreso mostre presso l’ Università Iuav quali “Close-up. Sguardi sull’ attività del Corso di Laurea di Design della moda”, curata da Maria Bonifacic, “Fashion ephemera di Antonio Marras” curate da Mario Lupano (con il quale ho condiviso un intermezzo estivo epicureo in un formidabile luogo, il Giardino Bistrot unitamente alla blogger Nally Bellati, abbiamo gustato una deliziosa e fresca insalata di pollo e bevuto tè verde alla menta) e l’ esposizione di Bag factor 2013 che presentava i risultato di un workshop di design della borsa in collaborazione con Bottega Veneta e curato da Elda Danese.

 The work by one of New Comers 2013, Martina Mazzon at Giardino Bistrot


The work by one of New Comers 2013, Martina Mazzon at Giardino Bistrot

Martina Mazzon at the Giardino Bistrot

Martina Mazzon at the Giardino Bistrot

Mario Lupano

Mario Lupano

Nally Bellati taking a picture of the Giardino Bistrot's owners

Nally Bellati taking a picture of the Giardino Bistrot’s owners

Un’ altra formidabile mostra sui tessuti è stata “Refuso tessile. Archivio, riciclo e procedure progettuali”, curata da Maria Cristina Cerulli e Martina Bernardi che si è tenuta presso l’ Archivio di Stato di Treviso ed ha esposto l’ opera del lanificio Paoletti.

26

The exhibition Refuso Tessile at the Treviso Archivio di Stato

The exhibition Refuso Tessile at the Treviso Archivio di Stato

28

29

30

31

33

34

35

36

37

The Treviso Archivio di Stato

The Treviso Archivio di Stato

La giornata è continuata con i talks moderati da Giusi Ferrè presso i quali ho incontrato Brunello Cucinelli, apprezzando la sua semplicità, condita da suggestioni catto-comuniste e plurime citazioni, self-service di pensieri preconfezionati (provenienti da Immanuel Kant, Vittorio Alfieri e un’ altra che è comunemente usata negli ambienti della moda al di là della lettura de “L’ idiota” di Fiòdor Dostoiewski: “la bellezza salverà il mondo”, benché sia stato molto elusivo riguardo al concept del suo brand) e le parole di Stefano Beraldo, CEO del Gruppo Coin che ha parlato dei progetti realizzati nell’ ambito del lusso quali l’ apertura del concept-store di Milano Excelsior come anche nellì ambito della fast-fashion intrapresi da Oviesse, la catena di fast-fashion del gruppo che coinvolgono scuole di moda, studenti neo-diplomati e fashion designers in collaborazione con la Central Saint Martin’s e Matthew Williamson, costui ha annunciato l’ ultimo passo del progetto: una collaborazione con la scuola di moda milanese Istituto Marangoni e il brand Aspesi.

A view on Treviso, a beautiful city

A view on Treviso, a beautiful city

 

A  drama oriented street in Treviso I like: via dei Filodrammatici

A drama oriented street in Treviso I like: via dei Filodrammatici

Maria Luisa Frisa, Giusi Ferrè and Brunello Cucinelli

Maria Luisa Frisa, Giusi Ferrè and Brunello Cucinelli

 Sofia, a young promising student at Iuav and genuine individual who gave me as a gift a smashing afternoon interlude


Sofia, a young promising student at Iuav and genuine individual who gave me as a gift a smashing afternoon interlude

Andrea Tomat and Maria Luisa Frisa

Andrea Tomat and Maria Luisa Frisa

A sunset interlude at Iuav featuring Valeria Regazzoni and me

A sunset interlude at Iuav featuring Valeria Regazzoni and me

 Maria Luisa Frisa introducing the second talk moderated by Giusi Ferrè featuring Stefano Beraldo


Maria Luisa Frisa introducing the second talk moderated by Giusi Ferrè featuring Stefano Beraldo

www.iuav.it

www.ashadedviewonfashion.com

mlf iuav

There is an event July 3rd in Treviso that had been organized by Iuav University of Venice featuring the fashion culture and emerging creatives, the Newcomers 2013, their work will be displayed in the shop windows of many Treviso boutiques. Book launches, exhibitions and talks will also feature in the event as well as the book launch of “11 idee per l’ Italia”, translation ”11 ideas for Italy” (Marsilio editions) that will take place on 3rd July, at 7:00 pm, in the Treviso Loggia dei Cavalieri. Cristiano Seganfreddo will moderate a panel of experts such as Maria Luisa Frisa, Giusi Ferrè, Lapo Cianchi and Federico Sarica. Following the panel discussion there will be another talk about the official launch of Modesign/Fashion at Iuav, taking place at 9 pm and moderated by Giusi Ferrè.

11

Thursday 4th July at the Treviso Iuav University the exhibition “Close-up, sguardi sull’ attività del Corso in Design della Moda”, curated by Maria Bonifacic displaying the students work, “Fashion ephemera by Antonio Marras documenti per gli studi di moda”, display by Mario Lupano showcasing fashion documents, “Strike a pose”, a shooting event. It will follow “Refuso tessile. Archivio, riciclo e procedure progettuali” an exhibition, curated by Maria Cristina Cerulli and Martina Bernardi which will be opened at the Treviso Archivio di Stato at 5:00 pm and will run through 12th July. Later Giusi Ferrè will moderate the first talk “La felicità del made in Italy, conversazioni sulla moda, l’ industria e il territorio”, featuring Brunello Cucinelli which will be held at the Treviso Loggia dei Cavalieri at 6:00 pm and the event will follow with “Ritorno al futuro e second skin”, exhibition of the works by Iuav students that have financed by brands Lotto and Stonefly. The day will be ended by the second talk at 9:00 pm, featuring the Coin Group CEO Stefano Beraldo.

Giusi Ferrè

Giusi Ferrè

The smashing event will close on 5th July with a talk, “Per una fotografia italiana di moda” which will be held at Treviso TRA cultural association, the opening of exhibition “Linen yearn: il lino nel lavoro di due scuole di moda: London Central Saint Martins and Iuav University of Veniceat the Treviso Musei Civici which will runs through 13th July, the graduation show and a smashing after party. A not to be missed happening evidencing a laudable work by a public institution, focused in creating solid results to increase, support and share the fashion culture and emerging creativity.

MODESIGN/FASHION AT IUAV 2013, TRE GIORNI ALL’ INSEGNA DELLA CULTURA DELLA MODA E DELLA CREATIVITÀ EMERGENTE

Maria Luisa  Frisa

Maria Luisa Frisa

Il 3 luglio c’è un evento a Treviso che è stato organizzato dall’ Università di Venezia Iuav di cui sono protagonisti la cultura della moda e la creatività emergente, i the Newcomers 2013, il loro lavoro sarà esposto nelle vetrine di molte boutiques di Treviso. Presentazioni di libri, mostre e talks saranno anche protagonisti dell’ evento come anche la presentazione del libro “11 idee per l’ Italia”(Marsilio editore) che avrà luogo il 3 luglio, alle ore 19:00 pm, presso la Loggia dei Cavalieri di Treviso. Cristiano Seganfreddo modererà un gruppo di esperti tra cui Maria Luisa Frisa, Giusi Ferrè, Lapo Cianchi e Federico Sarica. A seguire della discussione del gruppo ci sarà un’ altro talk sul lancio ufficiale di Modesign/Fashion at Iuav 2013 che avrà luogo alle ore 21:00 e sarà moderato da Giusi Ferrè.

LINENyarn

Giovedì 4 luglio presso la sede di Treviso dell’ Università Iuav ci sarà la mostra “Close-up, sguardi sull’ attività del Corso in Design della Moda”, curata da Maria Bonifacic che esporra il lavoro degli studenti, “Fashion ephemera by Antonio Marras documenti per gli studi di moda”, display by Mario Lupano che espone documenti di moda, “Strike a pose”, un evento di shooting. Seguirà “Refuso tessile. Archivio, riciclo e procedure progettuali” una mostra, curata da Maria Cristina Cerulli e Martina Bernardi che sarà inaugurata presso l’ Archivio di Stato di Treviso alle ore 17:00 e proseguirà fino al 12luglio. Dopo Giusi Ferrè modererà il primo talk “La felicità del made in Italy, conversazioni sulla moda, l’ industria e il territorio” con Brunello Cucinelli che si terrà alla Loggia dei Cavalieri di Treviso alle ore 18:00 e l’ evento proseguirà con “Ritorno al futuro e second skin”, mostra delle orpere degli studenti della Iuav che sono stati finanziati da brands quali Lotto e Stonefly. La giornata sarà conclusa dal secondo talk alle ore 21:00 , con il CEO del Gruppo Coin Stefano Beraldo.

Il formidabile evento si chiuder il 5 luglio con un talk, “Per una fotografia italiana di moda” che si terrà presso l’ associazione culturale TRA di Treviso, l’inaugurazione della mostra “Linen yearn: il lino nel lavoro di due scuole di moda: London Central Saint Martins e della Università Iuav di Venezia presso i Musei Civici di Venezia che proseguirà fino al 13 luglio, il graduation show e un formidabile after party. Un evento imperdibile che dimostra un lodevole lavoro di una istituzione pubblica, dedita a creare solidi risultati per accrescere, sostenere e condividere la cultura della moda e la creatività emergente.

www.iuav.it

www.ashadeviewonfashion.com

StephenBurrows_cover

Daniela Morera will feature on 5th June 2013 in Milan at 6:00 pm the renowned concept store of Carla Sozzani 10 Corso Como in the book signing of “Stephen Burrows, when fashion danced”(Skira editions, 45.00 $) she wrote, documenting the exhibition she curated which is currently held at the Museum of City of New York, runs through 28th July 2013 and telling about a genius who innovated the American fashion during the Seventies, marked this glamorous and liberated era and dressed iconic personas as Liza Minnelli, Cher and Diana Ross.

LA BOOK SIGNING DI “STEPHEN BURROWS, WHEN FASHION DANCED” CON DANIELA MORERA 10 CORSO COMO DI MILANO

Stephen Burrows

Stephen Burrows

Daniela Morera sarà protagonista il 5 giugno 2013 a Milano alle ore 18:00 presso il rinomato concept store di Carla Sozzani 10 Corso Como della book signing “Stephen Burrows, when fashion danced” (Edizioni Skira, 45.00 $)  da lei scritto, che documenta la mostra da lei curata la quale si tiene attualmente presso il Museum of City of New York, prosegue fino al 28 luglio 2013 e racconta di un genio che ha innovato la moda americana negli anni Settanta, ha segnato questa epoca all’ insegna del glamour e dell’ emancipazione e ha vestito personaggi iconici quali Liza Minnelli, Cher e Diana Ross.

Stephen Burrows

Stephen Burrows

www.10corsocomo.com

Mustafa Sabbagh, courtesy of Mustafa Sabbagh

Mustafa Sabbagh, courtesy of Mustafa Sabbagh

It will be opened on 14th May 2013 – and will run through  11th June 2013in Milan at the Format Contemporary Culture Gallery the solo exhibition featuring the bright photographer Mustafa Sabbagh which embodies a suggestive survey on the aesthetics of nostalgia – feeling being a leitmotiv of contemporary times, visual arts as it successfully evidenced Francesco Vezzoli, fashion, music and other channels of communication – along with an exploration of grotesque, subversive aesthetics impressed in the works he made evoking a catchy postmodernism, merging the present  with past, reinterpreting in a personal and contemporary way the heritage of fetish culture, subcultures as the new romantic movement and the work by fashion designers and performer artists like Leigh Bowery of whose marvelous lesson seems living again in the portrait by Mustafa, works dialoguing with the landscapes, pictures giving rise to an intimistic tale.

;Mustafa Sabbagh, photo courtesy of Mustafa Sabbagh

;Mustafa Sabbagh, photo courtesy of Mustafa Sabbagh

A not to be missed happening to enjoy a contemporary artist (of whose is embodied also in the photography book “The Naked & the nude”, a book by Peter Weiermair in limited edition ( just 500 copies are available), including his work along with the one made by photographers as Joel-Peter Witkin, Vanessa Beecroft,  Inez van Lamsweerde & Vinoohd Matadin, Nadav Kander, Alex Majoli and Duane Michals).

L’ ESTETICA DELLA NOSTALGIA E DEL GROTTESCO DI MUSTAFA SABBAGH ALLA FORMAT CONTEMPORARY CULTURE GALLERY DI MILANO 

Mustafa Sabbagh, photo courtesy of Mustafa Sabbagh

Mustafa Sabbagh, photo courtesy of Mustafa Sabbagh

Sarà inaugurata il 14 maggio 2013 – e proseguirà fino all’ 11 giugno 2013a Milano presso la Format Contemporary Culture Gallery la personale del brillante fotografo Mustafa Sabbagh che racchiude una suggestiva indagine sull’ estetica della nostalgia – sentimento che è un leitmotiv della contemporaneità, delle arti visive, come ha felicemente dimostrato Francesco Vezzoli, della moda, musica e altri canali di comunicazione –  unitamente a un’ esplorazione del grottesco, estetica sovversiva impressa nelle sue opere che evocano un accattivante postmodernismo, fondono il presente con il passato, reinterpretando in una foggia personale e contemporanea il patrimonio della cultura fetish, di subculture quali il movimento new romantic e l’ opera di fashion designers e performers quali Leigh Bowery la cui meravigliosa lezione sembra rivivere nei ritratti di Mustafa, opere che dialogano con i paesaggi, immagini che danno vita a un racconto intimista.

Mustafa Sabbagh, photo courtesy of Mustafa Sabbagh

Mustafa Sabbagh, photo courtesy of Mustafa Sabbagh

Un evento imperdibile per apprezzare un artista contemporaneo (il cui lavoro è racchiuso anche nel libro di fotografia “The Naked & the nude” di Peter Weiermair in edizione limitata che include anche le opere di fotografi quali Joel-Peter Witkin, Vanessa Beecroft, Inez van Lamsweerde & Vinoohd Matadin, Nadav Kander, Alex Majoli e Duane Michals).

Mustafa Sabbagh, photo courtesy of Mustafa Sabbagh

Mustafa Sabbagh, photo courtesy of Mustafa Sabbagh

Mustafa Sabbagh, photo courtesy of Mustafa Sabbagh

Mustafa Sabbagh, photo courtesy of Mustafa Sabbagh

Mustafa Sabbagh, photo courtesy of Mustafa Sabbagh

Mustafa Sabbagh, photo courtesy of Mustafa Sabbagh

the-naked-the-nude-2

 

 

http://theformatcontemporaryculturegallery.4ormat.com

garry 1

An age, a subculture, the punk and new romantic movement, the club scene in London from 1976 to 1984, features in the book “We can be heroes, punks, poseurs, peacocks and people of a particular persuasion” (Unbound editions, £30,00)  by Graham Smith which evokes “Heroes” track by David Bowie, the punk’s do-it-yourself(DIY) attitude, includes photographs, interviews, texts by Chris Sullivan along with forewords by Boy George, Steve Strange and Spandau Ballet’s Gary Kemp documenting the rise of club fashion, style magazines, futuristic synth pop and funk. A vibrant age where appeared a new generation of creatives and artists as Steve Strange, Chris Sullivan, Boy George, Sade and Spandau Ballet as well as London clubs as the Blitz, Le Beate Route, the Mud club, the Wag and the Dirty box. A book to have for enjoying and knowing of a unique time under the sign of creativity.

IL FASCINO DI UNA SUBCULTURA: “WE CAN BE HEROES, PUNKS, POSEURS, PEACOCKS AND PEOPLE OF A PARTICULAR PERSUASION” DI GRAHAM SMITH

garry 5

Un’ epoca, una subcultura, il movimento punk e new romantic, lo scenario dei locali notturni a Londra dal 1976 al 1984 è protagonista di un libro, “We can be heroes, punks, poseurs, peacocks and people of a particular persuasion” (Unbound editions, £30,00) di Graham Smith che evoca “Heroes”, il brano di David Bowie, l’ atteggiamento do-it-yourself(DIY) del punk, include fotografie, interviste, testi di Chris Sullivan unitamente a prefazioni di Boy George, Steve Strange e Gary Kemp degli Spandau Ballet che documentano la nascita della moda dei locali notturni, magazine sullo stile, l’ avveniristico synth pop e il funk. Una vibrante epoca in cui è apparsa una nuova generazione di creativi e artisti quali Steve Strange, Chris Sullivan, Boy George, Sade e gli Spandau Ballet come anche locali londinesi quali il Blitz, Le Beate Route, ol Mud club, il Wag e il Dirty box. Un libro da avere per apprezzare e conoscere un’ epoca unica all’insegna della creatività.

garry 4 boy george

garry 3

garry 6

garry 7

garry 8

garry 9

garry 10

garry 11

garry 12

Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 2,844 other followers