Art, poetry, free thinking and rock revolution features in the life and work by Alex Zapak aka The Countess, iconic musician having a marvelous voice and bright performer artist who founded The Countess and the Cunt Rock Revolution (C.R.R.) band in 2004, considered a genuine artistic movement, based on the principles of random synchronicity, the tradition of absurd, Dadaism, Fellini’s imagery, defying the woman and man stereotypes. I smile thinking to which extent this experience in terms of suggestions, aesthetics and sounds has borrowed and – badly – transposed in the pop culture or more precisely in the construction of Lady Gaga’ s persona of whose I broadly talked about time ago. The underground as cross-culture – though today it’s the genuine culture which makes think and emancipate the individual and its thinking, the one which makes open the mind as a whole like a parachute, is paradoxically underground, elitist phenomenon as the mass culture or rather all that has presented like that is  often a load of persuasive, catchy, glossy disinformation, the nothingness putting forward or worse an artifice to maximize the ignorance and increase fear, fragility, the homologation of thinking, taste and action, appealing on the need of individual to be accepted, being part of a group, huge drama of human being, strictly connected to its giving up to freedom for getting a bit of safety – has its own aristocracy and Alex Zapak aka The Countess is the most brilliant representative: passion, talent, poetry, art, an ethic built day by day on her own skin, an autonomous thinking and a great romanticism – celebrated by me –  paying homage above all to the freedom, the freedom of walking autonomously on a path, making, developing and sharing – as life is sharing -, a libertine and libertarian way of thinking which subverts the female stereotypes in a playful and joyful way, claiming its assertiveness and celebrating love and passion as agitators of human soul. That and much more results in the moving interview which follows where Alex Zapak, amazing, vibrant individual and eclectic artist told about herself with sincerity, modesty and a great generosity, talking about herself, her life and forthcoming projects under the sign of punk rock and the new Cunt Rock Revolution.

How did you start working in the realm of music and performance art?

“I think I was always doing performance art, I just didn’t realize it. I loved at acting at a very young age and told everyone I was going to be an actress and I wrote poetry all the time from about 5. Then I had very bad skin as a teenager and didn’t look the way I thought an actress should look. I had an incredibly beautiful mother was highly critical of me, she really looked like a movie star and would get stopped all the time as people thought she was Princess Grace (Kelly) and I was like the dark beast next to her. Although from a privileged background I was extremely isolated and very badly bullied at school which resulted in the kind of grand loneliness that only results in permanently living in my imagination. I was madly influenced by classic cinema. So I sort of acted out my poems which were often about the characters in the films I loved.

I saw everything in movie terms, I still do that, I remember I had sing along with Michael Jackson “Rock with me” and I got pretty good at imitating his croon on it. Then I went into my own little fantasy world and sing song my words and I heard music when I did this and the music I heard in my head was always about illustrating the feelings and atmosphere of my words and the scenario they described, it was always the words first.

At the beginning I had an idea of how the words could be stretched and sung and I wanted the notes to tell story. I always sort of became the character in the poem when I sung, so that is really performance art that changing character thing from song to song.
I saw Chrissie Hynde on Top Of The Pops and saw she had acne, but no one cared, so that kind of encouraged me greatly and certainly the idea of wearing whatever I wanted and looking amazing (I had continual fights with my mother who dressed me in frumpy fake Chanel suits as a teen to look like a mini her at 52 and wouldn’t allow me to wear black) and the idea of becoming a rock star to revenge the “mean girls” seemed very appealing to me. Somewhere in there I heard “Bugger takes pride” by Crass and that changed me. Kate Bush, the Top of the Pops thing was very early on, very quickly it was only music for music’s sake that enthralled me and I thought commercial music was a bit cheesy. Thus I sought out things that seemed raw, dangerous and told me stories of places and experiences I hadn’t had but wanted to. Music was the drug that transported my mood from suicidal to euphoric. I got so swept up in the The Doors and David Bowie, they literally saved my life. I became obsessed with sounds and their meaning that certain chords evoke emotions whether we want them to or not. I heard music in my head all the time by my late teens, suddenly I could pretty much sing everything and anything, I did jazz gigs and anything I could get. Unfortunately I smoked from 13 and totally fucked my voice in terms of what it used to be capable of, but in my teens and twenties before I had operations for nodes and could sing really loudly.
I left my husband in my thirties and went to New York with a reduced capability voice and started THE CUNT ROCK REVOLUTION, based on random’ s coincidence. Living my life by this discipline gave me adventures and got rid of a lot of fear for me. I found great musicians and lived my ultimate dreams. The shows were designed by me, sets, costumes, cast, just exploring the shit in my head and reflecting back the culture I was seeing the “infinite barbie…repeated in the media, the depiction of woman”, the quickening of information and stupidity. I radically changed my appearance from week to week, becoming unrecognizable, I found amazing musicians willing to work with me. Michel Auder who had been Cindy Sherman’s husband became my big fan and saw the parallel in our work, he was one of the first people who said what you do is “high performance art” and you should be in a gallery. Then all the artists I always read about started to come to shows and said the same. It was like finding a tribe. My muse was Brian Ermanski the street artist who was my neighbor and the painter Nicole Wittenberg who did the lights. I had very lovely friends some were legends like Peter Beard and with their encouragement I just expanded my creativity and stopped being so scared of stretching myself and experimenting. I found I could tell stories in lots of other disciplines, photography (I take all the work on my laptop I’m the most punk rock lo-fi person ever) and the photos won a small award. Then I started to make videos on my laptop and no one believed I had done them on the photo-booth application and I found that the movies I had in my head could work just the same and sometimes even look like expensive film grade. I got lucky and found the best editor in Jerome Raim, a 20 year old who smokes a lot of weed and was brought up on surrealist French film, we have some kind of easiness that makes doing work effortless. It works like that for me in music too, I write best with Phil Painson “Not waving but drowning”, we just get on the same wavelength and songs write themselves.
I think my fight is always about overcoming the anxiety of my own issues about failure and just summoning the courage to do the things I hear and see in my head. People think I’m fearless and confident when actually I’m the opposite: I’m always just daring myself and that looks like courage from the outside, when it’s really just fear turned inside out. A lot of the time I think I’m being brave but I think I might just being stupid!”

Alex Zapak aka The Countess

Rock punk suggestions, indipendence and revolution are the main ingredients of your work?

“Themes of my work are rooted in punk rock, in that punk which was the last cunt rock revolution, in punk your ideas were much more important than what you looked like and now everybody wants to look like an advert for something. I liked the diy ideals in punk, the singing your song anyway before you die, whether anyone ever hears or sees it. There’s an honesty to it like all those old amazing R & B records made by Afro-Americans who had day jobs and lived lives of poverty, but put their life into one recording and made some of the most moving records ever made, just for the hell of it, just to do it because what they felt it in their hearts.
I’ m about narrating story that to me is what I am here to do.
I’m influenced by the situationists way of seeing the absurdity of life, just as punk was, but I’m also influenced by novels, movies, stories and all kinds of music. I’m playing Fela Kuti all the time at the moment, he was such a master and had such passion in his beliefs.
I’m so techno shabby I feel cast adrift in this age of digital apartheid like someone who is not cut out for this age, made redundant like the “Misfits” in the John Huston film.
We are the last of the wild life” is the continual theme of this work, I just want to leave a record of what it felt like to be me and alive now to show and share what my eyes saw. …
I really believe we now live in a culture that is set up to scare and control people like farm animals in a factory farm, battery hen and sheeps. We are all so estranged from our own imaginations by being bombarded with specular mania which ignores the power of the mythic story, of characters that make myths, metaphysical communication that we have always held with the earth through our imagination. I’m totally Joseph Campbell inspired with a punk rock approach. I’m not into divisive ideology, culture is only stays, the stories we tell each other about what it feels like to be a human being and make sense of the world.

I love beautiful things and fall for the fairytales of advertising and packaging in fashion and beauty the same as anyone, but I worry about it, I worry that I am becoming sluggish, stupid and a sucker. Fairytail Punk is about a longing to return to the connection with nature that I enjoyed as a child with a horse and how through self hatred that was fractured when I strove to become accepted by the outside world. It’s about ghosts of our communal psyche, it’s about knowing that the first thing you want is the last thing you should have. It’s about self-destruction and connection, it’s about how progress seems to be an endless story of cowboys and Indians, land and culture taken over by the next version of the cowboys looking to exploit and make more money for themselves, natives and aliens, cowboys and Indians”.

Alex Zapak aka The Countess

What are your forthcoming projects?

“I founded Bankofimaginationstheatre.com a pop up arts, theatre, film, music, surrealist event company, the painter Carlo Zeneone is now the managing director. thus I’m very excited because we have the same vision, but he is far more organized and will help me make things get into production.
In fact he’s getting my Bank of imaginations Theatre more funding and when that is there I’ve got more movies and shows to make and perform in the episodic project Fairytail Punk, including artistic and musical collaborations in Fairytail Punk with Penny Arcade, Kris Bones (from Gemnocide 11), and artists as Duggie Fields, Nicole Wittenberg, Daisy Delaney, Harland Miller’s children, Ava and Blake Miller who play my children in the film and a bunch of snarling 13 year olds as my punk rock chorus. I’ m very excited, it’s Summer and I’m liking England for the first time in years.

I’ll also be doing the show “I fancy bastards” very soon, trying to make sense of my disasterous taste in the opposite sex.

Fairytail punk” 4 part musical radio play, “Fairytail Punk” short story is being published, “Spy in the house of love” and “I fancy bastards” photo books will be available on my website. I’m reforming CUNT ROCK REVOLUTION right now in London, who knows what characters will take part in this incarnation, past members have included everyone I met in a kebab shop on the Edware Road, then everyone I met at the Pink Poney on Ludlowe street in New York as Brian Jackson of Gil Scott Heron fame, Stanley F. Banks from George Benson’s band, random waitresses and the now rising burlesque star Miss Amelia(Kalman ). I may cast like I did for cunt rock by coincidence, using a static place like Bar italia in Soho or somewhere in the East end where the vibes are strong. Nevertheless I keep seeing these very cool gang Ethiopian girls on Portobello road, the area where I live, they make vegan food and call themselves the “queens of sheba”, they could be just the right vibe for new Cunt Rock Revolution members. Who knows, I’ll keep you posted, who knows, everyday I think something new could work and I will have to just see what sticks, I know there are always extraordinary people right outside my door walking past everyday and it feels like it ‘s going to be another adventure”.

L’ ARISTOCRAZIA DELL’ UNDERGROUND: POESIA, LIBERO PENSIERO, ARTE & ROCK REVOLUTION DI ALEX ZAPAK AKA THE COUNTESS 

Alex Zapak aka The Countess

Arte, poesia, libero pensiero e rivoluzione rock sono protagonisti della vita e dell’ opera di Alex Zapak aka The Countess, iconica musicista dalla voce meravigliosa e brillante performer artist che nel 2004 ha fondato la band The Countess and the Cunt Rock Revolution (C.R.R.), considerato un autentico movimento artistico, fondato sui principi della sincronia del caso, la tradizione dell’ assurdo, il dadaismo, l’ immaginario felliniano e che si é opposto agli stereotipi di donna e uomo. Sorrido pensando a quanto di questa esperienza in termini di suggestioni, estetica e sonorità sia stato preso a prestito e trasposto – malamente – nella cultura pop o più precisamente nella costruzione del personaggio di Lady GagaLady Gaga di cui ho ampiamente parlato tempo fa. L’ underground quale contro-cultura – anche se paradossalmente oggi è la autentica cultura, quella che fa pensare ed emancipa l’ individuo ed il suo pensiero, quella che fa aprire la mente tutta come un paracadute ad essere underground, fenomeno elitario, in quanto la cultura di massa o meglio ciò che viene presentato come tale è in realtà un cumulo di suadente, accattivante, patinata disinformazione, il nulla che avanza o peggio un artificio per massimizzare l’ ignoranza ed incrementare la paura, la fragilità, l’ omologazione di pensiero, gusto e azione che fa leva sull’ esigenza dell’ individuo di essere accettato, di fare parte di un gruppo, grande dramma dell’ essere umano, strettamente connesso alla sua rinuncia alla libertà per un pò sicurezza – ha la sua aristocrazia e Alex Zapak aka The Countess ne è la più brillante dimostrazione: passione, talento, poesia, arte, un etica costruita giorno dopo giorno sulla propria pelle, un pensiero autonomo e un grande romanticismo, quel romanticismo – da me celebrato – che omaggia la libertà sopra ogni cosa, la libertà di percorrere un sentiero autonomo, fare, elaborare e condividere un pensiero autonomo – poiché la vita è condivisione -, libertino e libertario che sovverte gli stereotipi della femminilità in modo giocoso e giocoso, ne afferma l’ assertività e celebra l’ amore e la passione come agitatori dell’ animo umano. Questo e molto altro si evince nella toccante intervista che segue in cui Alex Zapak, splendida, vibrante individualità ed eclettica artista si è raccontata con sincerità, modestia e grande generosità, parlando di sé, della sua vita e dei progetti che ha in cantiere all’ insegna del punk rock e della nuova Cunt Rock Revolution.

Quando hai iniziato al lavorare nell’ ambito della musica e della performance art?

“Penso che stavo sempre a fare performance, ma non ne ero consapevole. Amavo recitare quando ero molto giovane, dicevo a tutti che stavo per diventare un’ attrice e scrivevo sempre poesie sin dall’ età di cinque anni. Poi avevo una pelle molto brutta da adolescente e non apparivo nel modo in cui pensavo che un’ attrice dovesse essere. Avevo una madre incredibilmente bella che era molto critica nei miei confronti, sembrava davvero una stella del cinema e la gente la fermava sempre perché pensava che fosse la Principessa Grace (Kelly) ed io ero come la pecora nera a lei vicina. Nonostante un background privilegiato sono stata estremamente isolata ed ho subito perfide intimidazioni a scuola che hanno avuto quale conseguenza quella grande sensazione di solitudine che risulta dal continuo vivere unicamente nella mia immaginazione. Sono stata follemente influenzata dai classici del cinema. Così ho selezionato le poesie da recitare che vertono spesso sui personaggi dei film che ho amato. Ho visto tutto in termini di film, lo faccio ancora, ricordo che ho cantato insieme a Michael Jackson “Rock with you” ed ero abbastanza brava ad imitare il suo stile nel cantare il brano. Successivamente sono andata dentro il mio piccolo mondo di fantasia e cantavo canzoni con le mie parole. Ascoltavo musica quando facevo ciò e la musica che sentivo nella mia testa stava sempre illustrando le emozioni e l’ atmosfera delle mie parole e lo scenario che descrivevano, le parole sono sempre venute prima.

All’ inizio avevo un’ idea sul modo in cui le parole potessero essere estese ed esser cantate, volevo che le note raccontassero la storia. Mi sono sempre proposta di diventare il personaggio di una poesia quando cantavo, in questo senso ciò è davvero performance art, cambiare personaggio da canzone a canzone.
Ho visto Chrissie Hynde su Top Of The Pops e mi sono accorta che aveva l’ acne, ma nessuno se ne fregava, ciò mi é stato di grande incoraggiamento e certamente l’ idea di indossare qualsiasi cosa volessi e apparire meravigliosa (ho avuto continue liti con mia madre che mi vestiva in tremendi abiti che imitavano lo stile Chanel da adolescente per somigliare a lei che aveva 52 anni e non mi permetteva di vestirmi di nero) e l’ idea di diventare una rock star per vendicarmi delle “brave ragazze” mi sembrava molto allettante. Da qualche parte più in là ho sentito “Bugger takes pride” dei Crass e questo mi ha cambiata. Kate Bush, l’ epoca di Top of the Pops era molto prima, molto velocemente diventava solo musica per l’ amore della musica ciò che mi affascinava ed ho pensato che la musica commerciale fosse un pò dozzinale. Pertanto ho cercato cose che sembrassero crude, pericolose e mi raccontassero storie di luoghi ed esperienze che non avevo, ma avrei voluto avere. La musica era la droga che trasportava il mio temperamento dal suicidio all’ euforia. Sono stata travolta dai Doors e David Bowie, mi hanno letteralmente salvato la vita. Ho iniziato ad essere ossessionata dai suoni ed i loro significati che certe corde evocano emozioni sia che le vogliamo oppure no. A partire dalla mia tarda adolescenza sentivo sempre la musica nella mia testa tutto, improvvisamente potevo cantare abbastanza bene tutto e qualsiasi cosa, così ho iniziato a fare spettacoli jazz e qualsiasi cosa avessi potuto ottenere. Sfortunatamente fumavo dall’ età di 13 anni, pertanto avevo totalmente fottuto la mia voce in termini di ciò che si è soliti fare per acquisire destrezza, ma durante la mia adolescenza ed i miei venti anni ho subito operazioni per i noduli e potevo cantare a voce molto bassa. A trenta anni ho lasciato mio marito e sono andata a New York City con una ridotta capacità vocale ed ho iniziato la CUNT ROCK REVOLUTION che si basa sulla coincidenza del caso. Vivere la mia vita in base a questa disciplina mi ha regalato avventure e mi ha liberato da tanta di quella paura che era in me. Ho incontrato grandi musicisti e vissuto i miei ultimi sogni. Gli spettacoli erano progettati da me, i set, i costumi, il cast, esploravo soltanto la merda nella mia testa e tornavo alla cultura che stavo osservando, le “infinite barbie, presentate a ripetizione dai media, la raffigurazione della donna”, l’ intensificarsi di informazione e stupidità. Ho drasticamente cambiato il mio aspetto da settimana a settimana, diventando irriconoscibile, ho incontrato fantastici musicisti desiderosi di Iavorare con me. Michel Auder che é stato il marito di Cindy Sherman é diventato mio grande fan e vedeva il parallelo nel nostro lavoro, é stato uno dei primi a dirmi ciò che fai é “performance art di alto livello”, dovresti stare in una galleria. In seguito tutti gli artisti di cui leggevo hanno iniziato a venire ai miei spettacoli e dicevano la stessa cosa. È stato come trovare una tribù. La mia musa era Brian Ermanski, l’ artista di strada che era mio vicino di casa e la pittrice Nicole Wittenberg la mia migliore amica che si occupava delle luci. Ho avuto amici molto cari alcuni erano leggende come Peter Beard e con il loro incoraggiamento ho ampliato la mia creatività e smesso di essere così spaventata dallo sforzarmi al massimo e sperimentare. Ho scoperto che potevo raccontare storie in tante altri ambiti, la fotografia (ho trasferito l’ intero lavoro sul mio laptop, sono l’ individuo più punk rock lo-fi di ogni altro) e le mie fotografie hanno vinto un piccolo premio. Poi ho iniziato a realizzare video sul mio laptop e nessuno credeva che li avessi realizzati sull’ application photo-booth ed ho scoperto che i film che avevo in testa potevano funzionare allo stesso modo e talvolta sembrare anche una qualità di pellicola costosa. Sono stata fortunata, ho trovato il migliore editore in Jerome Raim, un ragazzo di 20 anni che fuma tanta erba ed é influenzato dalle pellicole surrealiste francesi, avevamo una tale disinvoltura che ci faceva lavorare senza fatica. Funziona così anche per la musica, scrivo meglio con Phil Painson “Not waving but drowning”, eravamo sulla stessa lunghezza d’ onda e le canzoni si scrivono da sé.
Penso che la mia battaglia sia sempre superare l’ ansia delle mie questioni inerenti l’ insuccesso e fare appello al coraggio per fare le cose che sento e vedo nella mia testa. La gente pensa che sia impavida e sicura di me quando invece sono esattamente l’ opposto: ho sempre sfidato me stessa e dall’ esterno ciò sembra coraggio quando in realtà é soltanto paura interiore rivolta all’esterno. Penso tante volte che stia diventando coraggiosa, ma ritengo che invece potrei essere semplicemente stupida!”

Alex Zapak aka The Countess

Suggestioni punk, rock, indipendenza e rivoluzione sono i principali ingredienti del tuo lavoro?

“I temi del mio lavoro sono radicati nel punk rock, in quel punk che era l’ ultima cunt – che equivale a figa – rock revolution, nel punk le tue idee sono molto più importanti di come appari e adesso tutti vogliono avere le sembianze di una pubblicità di qualcosa. Mi piacevano gli ideali fai da te del punk, il cantare comunque la tua canzone prima di morire, anche se nessuno mai la sentirà o la vedrà. C’è onestà in tutto ciò come tutti quei fantastici vecchi dischi R & B realizzati da Afro-Americani che avevano i loro lavori diurni e vivevano vite di povertà, ma hanno messo le loro vite in una unica incisione ed hanno realizzato uno dei più toccanti dischi mai realizzati tanto per fare, hanno fatto ciò soltanto perché era ciò che sentivano nei loro cuori. Mi occupo di narrare una storia che penso sia ciò per cui sia chiamata a fare qui. Sono influenzata dal modo di vedere l’ assurdità della vita dei situazionisti, anche il punk era così, ma sono anche influenzata da racconti, film, storie e tutti i tipi di musica. Al momento sto suonando sempre Fela Kuti, era un così grande maestro e aveva una notevole passione per le sue opinioni. Sono così tremendamente tecno che mi sento gettata alla deriva in questa epoca di apartheid digitale, come colui che non é tagliato per questa era, divenuto superfluo come gli “Spostati” nella pellicola di John Huston. “Siamo la fine della vita selvaggia” è il tema costante di questo lavoro, voglio soltanto lasciare un disco di ciò che si prova ad essere me stessa ed essere viva adesso per mostrare e condividere tutto ciò che i miei occhi hanno visto.
Credo davvero che adesso viviamo in una cultura che è creata per spaventare e controllare la gente come gli animali di una fattoria, una numerosa serie di galline e pecore. Siamo tutti talmente estraniati dalle nostre immaginazioni per effetto del bombardamento di mania speculare che ignora il potere della storia del mito, di personaggi che diventano miti, della comunicazione metafisica che abbiamo sempre mantenuto con la terra attraverso la nostra immaginazione. Mi ispiro totalmente al pensiero di Joseph Campbell con un approccio punk rock. Non mi trovo all’ interno ad una ideologia divisoria, la cultura è soltanto ciò che resta delle storie che ci raccontiamo l’ un l’altro su ciò che si prova ad essere un essere umano e comprendere il mondo.

Amo le cose belle e mi innamoro delle favole della pubblicità e del packaging di prodotti di moda e bellezza come qualsiasi altro, però mi preoccupo, mi preoccupo di diventare pigra, stupida e idiota. Fairytail Punk tratta del desiderio di ritornare in comunicazione con la natura che ho apprezzato da bambina con un cavallo e del modo in cui ho fatto venire meno l’ odio che avevo verso me stessa nel momento in cui mi sono sforzata di essere accettata dal mondo esterno. È una questione di fantasmi del nostro inconscio collettivo, si tratta di sapere che la prima cosa che vuoi é l’ ultima cosa che dovrai avere. È una questione di autodistruzione e connessione, si tratta della misura in cui il progresso sembri essere una storia infinita di cowboys e indiani, una terra e cultura sostituita dalla prossima versione dei cowboys che cercano di sfruttare e fare più denaro per loro stessi, nativi e stranieri, cowboys e indiani”.

Alex Zapak aka The Countess

Quali sono i progetti che hai in cantiere?

“Ho fondato Bankofimaginationstheatre.com una compagnia pop up surrealista di eventi nell’ ambito di arte, teatro, cinema, musica, il pittore Carlo Zeneone ne é il direttore generale, sicché sono molto entusiasta perché abbiamo la stessa visione, anche se costui é di gran lunga molto più organizzato e mi aiuterà ad avviare il circuito di produzione. Infatti  si sta occupando di ottenere fondi per il mio Bank of imaginations Theatre e quando avrà ottenuto ciò avrò più film e spettacoli da realizzare e mi esibirò nel progetto a episodi Fairytail Punk che include collaborazioni artistiche e musicali con Penny Arcade, Kris Bones (dei Gemnocide 11) ed artisti quali Duggie Fields, Nicole Wittenberg, Daisy Delaney, i figli di Harland Miller, Ava e Blake Miller che interpreteranno i miei figli nel film e un gruppo di tredicenni rabbiosi nelle vesti del mio coro punk rock. Sono molto entusiasta, è estate e per la prima volta dopo anni sto apprezzando l’ Inghilterra.

Molto presto lavorerò anche allo spettacolo “I fancy bastards”, provando a dare un senso dal mio disastroso gusto per il sesso opposto.

Inoltre la quarta parte del musical radiofonico “Fairytail punk”, la short story Fairytail Punk stanno per essere pubblicate ed i libri di fotografia “Spy in the house of love” e “I fancy bastards” saranno disponibili sul mio sito web. Al momento sto riformando a Londra la CUNT ROCK REVOLUTION, chissà quali personaggi faranno parte di questa incarnazione, i membri precedenti che ho incluso erano tutti quelli che avevo conosciuto in un negozio di kebab sulla Edware Road, poi chiunque avessi conosciuto al Pink Poney su Ludlowe street a New York quali Brian Jackson dei Gil Scott Heron fame, Stanley F Banks della band di George Benson, cameriere per caso e la attuale stella nascente del burlesque Miss Amelia(Kalman). Potrei effettuare il casting come ho fatto per la precendente versione, per caso, usando un luogo statico come il Bar Italia a Soho oppure da qualche parte nell’ East End in cui le vibrazioni sono forti. Ciònondimeno resto a osservare questi gruppi di ragazze etiopi molto cool su Portobello road, la zona in cui vivo, costoro preparano cibo vegano e chiamano sé stesse “regine di sheba”, potrebbero davvero essere la vibrazione giusta per i nuovi membri della Cunt Rock Revolution. Chissà, ti terrò informata, chissà, ogni giorno penso che qualcosa di nuovo potrebbe funzionare,  dovrò soltanto vedere ciò che si incastra, so che ci sono sempre persone straordinarie fuori che ogni giorno passano davanti alla porta di casa mia e mi sento come se stia per nascere un’ altra avventura”.

Allex Zapak aka The Countess

Alex Zapak aka The Countess

http://bankofimaginationstheatre.com