Silvia Venturini Fendi and me: “I am persuaded that everytime a man smiles – but much more so when he laughs – it adds something to this fragment of life/ “Ho la ferma persuasione che ogni qualvolta un uomo sorride – o meglio ancora ride-, aggiunge qualcosa alla sua breve esistenza” ( Laurence Sterne, Life and opinions of Tristram Shandy).

Dear FBFers, I still didn’t showcased on my blog many events under the sign of emerging talents featured in the latest edition of Altaroma – as the talent-scouting award WION, Room-service, A.I. fair, Limited/Unlimited, an event considered by the brilliant journalist Suzy Menkes as the “resurgence of Rome with art and craft” -, I tell about in the forthcoming days, but now I prefer – after several critics arisen from names of old  fashion houses and other ones who criticized the visibility given by the event to the work of young creatives – to consider problems that are a leitmotiv of Italy and also have in common with the most part , but not all of human beings: the provincialism( that low-profile provincialism being far away from its healthy Fellinian meaning) and envy. Who writes, made and makes concrete with ideas and modest actions the ethic of sharing and often questioned with herself why people don’t act, join together for developing an incisive result, a result which is a benefit for all the ones, not just only for one or few ones(. Asserting that I focus on the realm of fashion, but this issue concerns also any other field). Provincialism is something reminding me another very important Italian issue, a missed meeting, the lack of an national fashion museum in Italy (which dignifies fashion as source of culture as it deserves) and its obsolete means to decodify reality, as contemporary times are under the sign of a globalized world, therefore the provincial ethic is out of context. Instead the envy it’s a feeling consuming who feels that – something doesn’t belong to me as individual -, usually weak, frustrated individuals who have little minds and consequently controversial skills who prefer destroying instead of making and creating. I always thought in this world there is space for everybody, thus the question spontaneously arises: why questioning instead of creating something which is contemporary, stopping to live or rather survive under the sign of past and its glory – last but not the least – why continuing to make something which is out of context or rather out of time(http://www.youtube.com/watch?v=RT9ycBRj4E8)? Telling that, I remind the coherence of Cristòbal Balenciaga, worldwide acclaimed couturier who ended his work and closed his fashion house when he felt he was out of time, he wasn’t in the contemporary times, ending his career with glory. Naturally that it takes a huge amount of intellectual honesty and bravery that not all the people have and it is connected with another consciousness it’s hard to accept by individual: the end of an age, your age and the devotion to fame, glory and power which almost anybody doesn’t want leaving, being the sunset boulevard, a way nobody wants walk on. I think it’s better to be reminded with honor and glory rather than be reminded as one who is out of time, but that is my modest opinion and thus it’s unquestionable. Beyond that I think it’s time for leaving room to the new, hopefully also dialoguing with what new is in Italy, in Rome and contributing to give a new meaning to the past. It can be done more without being heroes. That has been the core of work made by Silvia Venturini Fendi as President of Altaroma, developing an event under the sign of fashion as art, increasing its culture and promoting the young creativity, thus I’m glad of featuring her vibrant words, appeared today on the Italian newspaper Repubblica where she talks about the contemporary times, fashion, emerging talents and Altaroma:

 

THOSE YOUNG PEOPLE AREN’T A POULTRY HOUSE BY SILVIA VENTURINI FENDI

“Objectively important facts in Rome can seem insignificant or unimportant, being used to the excess and out of all proportion and monumental. It’ s all about a scale. That is why everything happens here it often seems insufficient or inadequate. The way it seemed, in fact, by a legitimate( though deformed ) analysis of these latest days of High Fashion.

I was born in this city and, having had the Fashion almost like destiny, it filled up me with pride to r was proud of getting the office of Altaroma’s president. And I think past can be saved especially by new – as it was taught us – I did my best for making that happen. It’s not about crisis: the real problem of fashion is the selection and training of new creatives, of who will undertake this magnificent history. That is why it grieves me of hearing that were used words as “poultry house” or “big-headed” for young people who are full of enthusiasm and intellectuaI honesty”. In fact Rome is the best chance to draw attention on themselves and survive professionally: and I am proud of having contributed in being like that. Therefore I wish the long standing fashion house that are always our legacy and glory, rally to welcome them, the young people, instead of complaining for their attendance. It would be generous and useful. It’s not something new in Italy to lean towards a fragmentation of events: Turin, Florence, Rome, Milan… It has been a continuous claim of roles and leaderships. Unfortunately or fortunately we aren’t French! Naturally, Paris since many centuries rules as Style capital and we must use to be complementary, anyway non-alternative, it would be ridiculous.

Events to make Rome as a Style stage? We would be glad, by adequate chances and means. We are open to every chances which grants quality. Concerning the return of defectors, I don’t think it needs just only calling on nationalism. Naturally it’s a such great news Suzy Menkes who has been in the parterre, getting a review she wrote – Resurgence of Rome – on the pages of Herald Tribune(http://www.nytimes.com/2012/07/17/fashion/17iht-faltaroma17.html?_r=1&ref=fashionandapparel); as well as the luxury forum Menkes is going to bring in our city. Then let’s look ahead: masters and new generations, let’s look together for another story for Rome, its  future. And let’s look for a new role for its peerless past”.

ALTAROMA: GIOVANI TALENTI, CONTEMPORANEITÀ & LE PAROLE DI SILVIA VENTURINI FENDI

The article by Silvia Venturini Fendi, featuring in Repubblica

Cari FBFers, non ho ancora esposto sul mio blog i molteplici eventi all’ insegna dei talenti emergenti protagonisti dell’ ultima edizione di Altaroma – quali il concorso di talent-scouting WION, Room-service, A.I. fair, Limited/Unlimited, un evento considerato dalla brillante giornalista Suzy Menkes “la risurrezione di Roma con l’ arte ed artigianato” -, di cui parlo nei prossimi giorni, ma adesso preferisco – dopo svariate critiche di antiche case di moda ed altri che hanno opinato in merito alla visibilità data dall’ evento all’ opera di giovani creativi – considerare problematiche che sono un leitmotiv dell’ Italia e accomunano la maggior parte , ma non tutti gli esseri umani: il provincialismo( quel provincialismo low-profile che è ben lungi dalla sua salubre felliniana accezione) e l’ invidia. Colei che scrive, ha concretizzato e concretizza con idee e modeste azioni l’ etica della condivisione e si è spesso chiesta perché le persone non agiscano, si uniscano per consolidare un risultato incisivo, un risultato che sia un beneficio per tutti, non soltanto per uno o per pochi(. Affermando, ciò mi concentro sull’ ambito della moda, ma questa problematica potrebbe riguardare un qualsiasi altro settore). Il provincialismo é qualcosa che mi ricorda un’altra querelle italiana molto importante, un appuntamento mancato, la mancanza di un museo nazionale della moda in Italia (che dignifichi la moda quale fonte di cultura come essa merita) ed i suoi obsoleti mezzi per decodificare la realtà, in quanto la contemporaneità si volge in un mondo globalizzato, pertanto l’ etica provinciale é fuori dal tempo. L’ invidia  è invece un sentimento che consuma chi lo prova – qualcosa che non appartiene alla mia individualità -, solitamente misere, frustrate individualità, dotate di menti piccine e conseguentemente discutibili talenti che preferiscono distruggere invece di fare e creare. Ho sempre pensato che in questo mondo ci sia spazio per tutti, pertanto la domanda nasce spontanea: perché discutere invece di creare qualcosa che sia contemporaneo, smettendo di vivere o meglio sopravvivere all’ insegna del passato e della sua gloria – ultimo, ma non meno importante -, perché continuare a fare qualcosa che è fuori contesto o meglio fuori dal tempo(http://www.youtube.com/watch?v=RT9ycBRj4E8)? Dicendo ciò ripenso alla coerenza di Cristòbal Balenciaga, couturier acclamato in tutto il mondo che ha concluso il suo lavoro ed ha chiuso la sua casa di moda nel momento in cui ha sentito che era fuori dal tempo, non era nella contemporaneità, concludendo la sua carriera con gloria. Naturalmente ciò richiede una enorme dose di onestà intellettuale e coraggio che non tutti hanno ed é connessa ad un’ altra consapevolezza che é dura da accettare: la fine di un epoca, la tua epoca e la devozione verso fama, gloria e potere che quasi nessuno vuole abbandonare, essendo il viale del tramonto un sentiero che alcuno vuole percorrere. Ritengo che sia meglio essere ricordati con onore e gloria piuttosto che essere ricordati come qualcuno che sia fuori dal tempo, ma codesta è la mia modesta opinione e come tale inopinabile. Al di là di ciò, credo che sia il momento per far spazio al nuovo, sperabilmente dialogando con ciò che di nuovo esiste in Italia, a Roma e contribuendo a dare un nuovo significato al passato. Si può fare di più senza essere eroi. Questo è stato il nucleo fondante dell’ opera realizzata da Silvia Venturini Fendi nelle vesti di Presidente di Altaroma, consolidando un evento all’ insegna della moda quale arte, accrescendo la sua cultura e promuovendo la creatività giovane, pertanto sono felice di includere le sue vibranti parole, apparse oggi sul quotidiano Repubblica in cui costei parla di contemporaneità, moda, talenti emergenti ed  Altaroma:

QUEI GIOVANI NON SONO UN POLLAIO DI SILVIA VENTURINI FENDI

“Abituati come si è alla dismisura e al monumentale, a Roma anche fatti oggettivamente rilevanti possono apparire insignificanti o trascurabili. È una questione di scala. Ecco perché qualunque cosa vi accada sembra spesso insufficiente o inadeguata. Com’ è sembrato, infatti, da un’ analisi legittima (ma appunto deformata) di queste ultime giornate di Alta Moda.

In questa città sono nata e, avendo avuto la Moda quasi come destino, ricevere l’ incarico di presidente di Altaroma mi ha riempito di orgoglio. E poiché, come ci è stato insegnato, credo che il passato si possa salvare soprattutto con il nuovo, ho fatto del mio meglio perché ciò accadesse. Non è infatti questione di crisi: il vero problema della moda è la selezione e la formazione di nuovi creativi; di chi cioè porterà avanti questa magnifica storia. Ecco perché mi addolora che nei riguardi di giovani pieni di entusiasmo e onestà intellettuale siano stati usati termini come “pollaio” o “presuntuosi”. Roma è infatti la migliore occasione, per questi giovani, di farsi notare e sopravvivere professionalmente: e io sono orgogliosa di aver contribuito a confermarla tale. Mi auguro pertanto che case storiche, da sempre nostro patrimonio e vanto, si mobilitino per accoglierli, i giovani, piuttosto che lamentarne la presenza. Sarebbe generoso e utile. Che poi in Italia si tenda a una frammentazione di eventi non è una novità: Torino, Firenze, Roma, Milano… È stato un continuo rivendicare ruoli e leadership. Purtroppo non siamo francesi, si potrebbe osservare o per fortuna! Certo, Parigi da secoli domina come capitale dello Stile e in un’ Europa organica dobbiamo abituarci a esserle complementari, comunque non alternativi; sarebbe ridicolo.

Manifestazioni per fare di Roma un palcoscenico dello Stile? Ne saremmo felici, con occasioni e mezzi adeguati. Siamo aperti a ogni possibilità; purché la qualità sia garantita. Quanto al rientro dei transfughi, non credo basterà un appello al nazionalismo. Di certo aver avuto Suzy Menkes nel parterre, e una sua recensione sulle pagine dell’ Herald Tribune – Resurgence of Rome – questa sì che è una bella notizia(http://www.nytimes.com/2012/07/17/fashion/17iht-faltaroma17.html?_r=1&ref=fashionandapparel); come il forum sul lusso che la Menkes si accinge a portare nella nostra città. Guardiamo dunque avanti: maestri e giovani leve, cerchiamo insieme un’ altra storia per Roma, il suo futuro. E un ruolo nuovo per il suo impareggiabile passato”.

 www.altaroma.it  

About these ads