The bright and eclectic artist France de Griessen -, musician, painter, actress and author of whose latest album “Electric ballerina”(Teen Machine/ Rue Stendhal) which will be released on 26th September 2011. The artist will perform on 22nd September 2011 in Belgium at the Verviers Spirit of 66 and on 14th October in Paris at the Nouveau Casino -, interviewed with Laura Ka, up-and-coming fashion and costume designer and artistic director of the French brand “Who is Molly”, who told about
her multidisciplinary approach and idea of fashion.

You’ve got both a degree in theatre history and a training in fashion design. In what ways has this pluridisciplinary approach influenced your work?

“If you consider my professional career right from the beginning, I mostly started with the visual arts. I constantly need to do something with my
two hands. It’s a near-vital need! My interest in fashion came a little later. It all actually started with the customization of clothing, as many teenagers do. It’s just that I have never stopped since then! I felt that I wanted to learn how to make a garment. However, I had such an interest in theatre and films that I was torn between these two activities and fashion. The fashion world has always fascinated me but at the same time, I felt repulsed by the stilted side of it all.

The fact that I started by studying theatre and cinema at university has helped me to keep up with the theoretical studies that meant so much to me. I was mostly interested by scenography, which was an option at university and the only subject in which I transcended all the set rules for the presentation of end of semester files. I presented large sketch pads, with samples for garments I would potentially and eventually need for costumes, while my university fellows presented files linked with printing, which were very meticulous and precise. Thankfully, presenting these sketches has greatly contributed to my obtaining my bachelor’s degree. This was also the year where I started to understand that standing out and taking risks were precious assets.

Afterwards, I’ve wanted to start working as a costume designer.

I have a tendency to go off the beaten track and I thus naturally decided to prepare a dressmaking CAP as an independent candidate. Simultaneously, I worked as a babysitter to sustain myself.

These are my first years as a Parisian. Afterwards, luck had it that I stumbled upon a sewing workshop in Montreuil. Despite its being a small and
modest place, I had the chance to be taught there the haute-couture techniques and made-to-measure modelling. This marked a real turning point in my life.

I would say that this unusual career path has allowed me to juggle with two jobs, essentially, that of clothes designer and costume designer. I believe this to be an essential background for the job I have chosen to do. Versatility is a primary quality if we are to cope with different situations and carry out different projects successfully.

I would end by saying that the most useful training I have received till now are my different experiences in life, be they good or bad”!

What aspects do you like the most about the creating process in fashion?

“The creative process, along with the relational activities attached to it, is by far what I love the most about my job. I draw my inspiration for my creation from everything that surrounds me. I observe all that’s around me, I meet wonderful people, I live things which are totally surrealistic at times! And it is all of these, this mixture, which trigger this irrepressible urge in me to take a piece of cloth, a pair of scissors and to try to transmit a little bit of something of all these different atmospheres I bask in. I sometimes stop a few seconds in this fast moving life and realize how much it is precious and important to be able to share a little bit of all this to whomever wishes to  listen to it, to see it, to feel it. I would be unable to describe all the different emotions that sparkles in me while working in my tiny workshop all night long, listening endlessly to the same music. It’s at times like these that I actually abandon myself totally to my passion. No other job could be as stimulating me as this one is!

The creative process means a lot of things, many steps to be taken simultaneously: it could be the idea that gently sprouts in my head, the development of a garment, the choice of models, the photographer and the organization for the shooting. It’s also the development of the image I wish to transmit. This represents 70% of the work to be done. The choice of my team is determining, of course. I am very demanding with the people who work with me, as I am demanding with myself.
Above everything, it’s a question of feeling, and for the meantime I have always had the chance to work with absolutely incredible artists, people so generous and talented that I sometimes even have the feeling that I don’t deserve all of this!

Why choose the fabric as the artistic support, this is the question that I sometimes ask myself. I believe the fluidity of a garment, the fact that the fabric marries the contours of a body to be pretty magical; the way in which our hands, our movements have to adapt themselves to the garment, as when we have to handle silk or jeans, for example; the way we have to bend ourselves to the demands of the fabric… The work of a modelist could sometimes be compared to some sort of dance with the fabric – our attitude, our gestures are all conditioned by the fabric which we have to work on, the type of sewing it requires, the way in which we would like the fabric to fall, all of this is simply extraordinary”!

Are there any recurring themes in your designs?

“I believe that I can blatantly answer that they are the nude colours, bows and a near pathological obsession for purity and ethereal atmospheres.

I don’t necessarily mean white when I speak of purity. The super-exposition of a photography, the totally uncluttered cut of a dress and ethereal atmospheres are all pretty much stereotyped patterns but I nevertheless particularly cherish those, even though all of this is much more complicated, all is not either black or white, it’s all a question of shades, of subtleties.

I am fascinated by adolescence and again, I have no definite answer to the reason of this interest. I devour literature (Jeffrey Eugenides, Joyce Carol Oates, Lolita Pille), films (Larry Clark or again the cult film, Donnie Darko, a few independent films as “Stranded”, a medium-length film of the Australian Stuart Mc Donald) and many more (the first episodes of “Skins”, the beautiful book of the creator Anne Valérie Hash who follows her model muse Lisa Lou Lesage from childhood to adolescence through the beautiful clichés presenting her collection) dealing with the relation to life which are the preoccupations of many teenagers or adults. I totally refuse cultural elitism, all is good enough to see, to read, to listen to, to smell. Without wanting to sound far-fetched, I would say that adolescence is that step in life where all of our senses are in a lively and ebullient, where life is still full of happy promises one day and seems to be terribly appalling the next. The energy of teenagers is inexhaustible, I hope I’d be able to keep a smidgeon of it till the end of my life!

When I set myself to work, I get totally nerdy and I let myself be rocked by the environment that surrounds me, by my thoughts. It’s a near surrealist approach and I believe Surrealism to be one of the richest of all artistic movements. I cannot explain why this bow is at this place, I cannot explain why this fabric is pink rather than any other colours. This is pure sensitivity. It’s sometimes hard to be totally confident about these choices, I regularly ask myself why I’m totally off the track but at the end of the day, I make the choice to believe in myself. There are often failures, of course! But we tend to forget them pretty quickly…

Dreams and wanderings of the soul are also very important in my work. It is sometimes hard to loaf around, as one may say, but I somehow manage to find a few moments every week, to let my thoughts spin, watch a piece of silk muslin fall off from a bag, observe the fabric without touching it, hang at my supplier’s, all the while imagining all that could be done with this or that fabric. The wish to buy all of them and then to quietly leave with a little length of silk or soft jersey which has already taken the shape of the little dress in my head”!

“WHO IS MOLLY?”, UNA CONVERSAZIONE CON LAURA KA A CURA DI FRANCE DE GRIESSEN

Who is Molly, photo by Kimdary Yin

 

La brillante ed eclettica artista France de Griessen - musicista, pittrice, attrice e scrittrice il cui ultimo album “Electric ballerina”(Teen Machine/ Rue Stendhal) sarà pubblicato il 26 settembre 2011. L’artista si esibirà il 22 settembre 2011 in Belgio presso lo Spirit of 66 di Verviers ed il 14 ottobre 2011 a Parigi presso il Nouveau Casino -, ha intervistato  Laura Ka, designer, costumista emergente e direttore artistico del brand francese “Who is Molly” che ha parlato del suo approccio multidisciplinare e della sua concezione della moda.

Hai una laurea in storia del teatro e una formazione nell’ambito del fashion design. In che modo questo approccio multidisciplinare ha influenzato il tuo lavoro?

“Considerando la mia carriera professionale dai suoi inizi, ho per lo più iniziato con le arti visive, avevo costantemente bisogno di fare qualcosa con le mie mani. È come una esigenza vitale! Il mio interesse per la moda è venuto un pò più tardi. È iniziato di fatto con la customizzazione di abiti, come molti teenager fanno. È che non ho mai smesso di farlo da allora! Sentivo che volevo imparare come realizzare un capo. Comunque, avevo un notevole interesse per il teatro e cinema che mi trovavo tra queste due attività e la moda. Il mondo della moda mi ha sempre affascinato, ma al tempo stesso mi sentivo respinta dalla dimensione pomposa di tutto ciò.

Il fatto che ho iniziato a studiare teatro e cinema all’università mi ha aiutato a star dietro agli studi teorici che significava molto per me. Mi ha maggiormente interessato la scenografia che era uno studio opzionale all’università e la sola materia in cui ho trasceso il corpo di regole per la presentazione delle cartelle per la fine del semestre. Ho presentato ampi blocchi di bozzetti con campioni di vestiti di cui avrei potenzialmente avuto bisogno per i costumi, mentre i miei compagni di università avevano presentato cartelle unite a stampa che erano molto dettagliate e precise. Fortunatamente, la presentazione di questi bozzetti ha ampiamente contribuito al conseguimento della mia laurea. Questo era l’anno in cui ho cominciato a capire che distinguersi e assumersi dei rischi erano beni preziosi.

Successivamente, ho voluto intraprendere il lavoro di costumista.

Ho la tendenza a procedere da sola e perciò ho naturalmente deciso di preparare un cappello sartoriale nelle vesti di candidato indipendente. Lavoravo al tempo stesso come babysitter per mantenermi.

Questi erano i miei primi anni da parigina. Dopo, la fortuna ha fatto che  abbia trovato per caso un workshop di cucito a Montreuil. Malgrado fosse in un luogo piccolo e modesto, ho avuto la possibilità di apprendere ivi le tecniche di alta moda e modellistica fatta su misura. Ciò ha determinato una reale svolta nella mia vita.

Direi che questo insolito iter lavorativo mi ha permesso di riuscire a conciliare due lavori, essenzialmente quello di designer e costumista. Credo che sia un background essenziale per il lavoro che ho scelto di fare. La versatilità è una qualità primaria se stiamo per occuparci di diverse situazioni e concretizzare felicemente diversi progetti.

Concluderei dicendo che l’esperienza più utile di formazione che ho ricevuto finora è tratta dalle mie diverse esperienze di vita, belle o brutte”!

Quali aspetti del processo creativo di moda prediligi?

“Il processo creativo, unitamente alle attività relazionali ad esso collegate, è di gran lunga ciò che amo di più nel mio lavoro. Traggo ispirazione per la mia creazione da tutto ciò che mi circonda, incontro persone meravigliose, talvolta vivo cose che sono totalmente surrealistiche! Ed è essenzialmente tutto ciò, questo mix che scatena questo forte desiderio di prendere un pezzo di stoffa, un paio di forbici e provare a trasmettere un pò di tutte queste differenti atmosfere che mi fanno gioire. Talvolta mi fermo un paio di secondi in  questa vita che si muove a velocità e mi accorgo quanto sia prezioso ed importante essere capaci di condividere un pò di tutto questo per chiunque si auguri di ascoltare, vedere e sentire ciò. Sarei incapace di descrivere tutte le diverse emozioni che brillano in me quando lavoro nel mio laboratorio tutta la notte, ascoltando all’infinito la stessa musica. È in momenti come questi che mi abbandono completamente alla mia passione. Nessun altro lavoro potrebbe essere così stimolante per me come questo!

Il processo creativo significa tante cose, molti passi devono essere intrapresi simultaneamente: potrebbe essere l’idea che delicatamente germoglia nella mia mente, la realizzazione di un abito, la scelta delle modelle, la fotografa e l’ organizzazione del servizio fotografico. È anche la la realizzazione dell’immagine che mi auguro di trasmettere. Ciò rappresenta il 70% del lavoro che deve essere realizzato. La scelta del mio team è naturalmente determinante. Sono molto esigente con le persone che lavorano con me, perché sono esigente con me stessa. È sopra ogni cosa una questione di feeling e nel mentre ho sempre avuto la possibilità di lavorare con artisti assolutamente incredibili, persone talmente generose e talentuose che qualche volta ho anche la sensazione di meritare tutto ciò!

Perché scelgo il tessuto come supporto artistico, questa è la domanda che spesso pongo a me stessa. Credo che la fluidità di un abito, il fatto che il tessuto si sposa con i contorni di un corpo sia molto magico; il modo in cui le nostre mani, in nostri movimenti debbano adattarsi all’abito, come quando ad esempio dobbiamo maneggiare la seta o il jeans; il modo in cui dobbiamo piegarci dinanzi alle richieste del tessuto… Il lavoro di una modellista potrebbe essere paragonato a una sorta di danza con il tessuto – la nostra attitudine, i nostri gesti sono tutti condizionati dal tessuto su cui dobbiamo lavorare, il tipo di cucitura che richiede, il modo in cui ci piacerebbe che il tessuto cadesse, tutto ciò é semplicemente straordinario”!

Ci sono dei temi ricorrenti nelle tue creazioni?

“Credo che posso rispondere spudoratamente dicendo che siano i colori nudi, fiocchi ed una ossessione vicina alla patologia per la purezza e le atmosfere eteree.

La sovraesposizione di una fotografia, il taglio completamente pultito di un abito e le atmosfere eteree sono tutti motivi molto stereotipati, ma ciònondimeno li adoro particolarmente, benchè tutto ciò sia molto più complicato, non è tutto bianco o nero, è una questione di sfumature, sottigliezze.

Sono affascinata dall’adolescenza e nuovamente, non ho alcuna risposta definita alla ragione di questo interesse. Divoro letteratura(Jeffrey Eugenides, Joyce Carol Oates, Lolita Pille), film (Larry Clark o il cult-movie “Donnie Darko”, alcune pellicole indipendenti quali “Stranded”, un film di medio metraggio dell’australiano Stuart Mc Donald) e molti altre cose (i primi episodi di “Skins”, il bel libro della creatrice Anne Valérie Hash che segue la sua modella, musa Lisa Lou Lesage dall’ infanzia all’adolescenza attraverso bei cliché che presentano la sua collezione) che affrontano il relazionarsi alla vita che sono preoccupazioni di molti teenager o adulti. Rifiuto completamente l’elitarismo culturale, ogni cosa è abbastanza bella da vedere, leggere, ascoltare, sentire. Senza voler sembrare esagerata, direi che l’adolescenza è quel momento della vita in cui tutti i nostri sensi sono vivi e il successivo sembra essere terribilmente spaventoso. L’energia dei teenager è inesauribile, spero che sia capace di mantenere una piccola parte di ciò fino al termine della mia vita!

Quando mi appresto a lavorare, comincio a fare la sgobbona e mi lascio cullare dall’ambiente che mi circonda, dai miei pensieri. É vicino all’approccio surrealista e credo che il surrealismo sia uno dei più fecondi movimenti artistici. Non posso spiegare la ragione per cui questo fiocco si trovi in questo posto, non posso spiegare perché questo tessuto sia rosa piuttosto che in qualsiasi altro colore. Questa è pura sensibilità. Talvolta é difficile fidarsi completamente di queste scelte, mi chiedo spesso perchè sto del tutto fuori strada, ma alla fine della giornata, scelgo di credere in me stessa. Naturalmente ci sono spesso fallimenti! Ma tendiamo a dimenticarci di loro abbastanza velocemente…

Sogni e vagabondaggi dell’anima sono anche molto importanti nel mio lavoro. Talvolta è difficile oziare in giro, perchè uno potrebbe dire, ma per qualche motivo riuscire a trovare dei momenti ogni settimana per lasciare i miei pensieri far girare i miei pensieri, guardare un pezzo di mussola di seta scivolare da una borsa, osservare il tessuto senza toccarlo, indugiare su quelli del mio fornitore, immaginando nel contempo tutto ciò che potrebbe essere realizzato con questo o quel tessuto. La speranza di comprarli tutti e poi tranquillamente restante con un piccolo metraggio di seta o morbido jersey che ha già preso la forma del piccolo abito che è nella mia testa”!

Who is Molly?, photo by Kimdary Yin

Who is Molly?, photo by Kimdary Yin

Who is Molly?, photo by Kimdary Yin

Who is Molly?, photo by Kimdary Yin

Who is Molly?, photo by Kimdary Yin

Who is Molly?, photo by Kimdary Yin

Who is Molly?, photo by Kimdary Yin

Laura Ka, photo by Kimdary Yin

France de Griessen wearing a dress by Who is Molly?

www.whoismolly.com

www.francedegriessen.com