“Lady Gaga. Critical Mass Fashion”(St. Martin’s School’s, $ 19,99), a book written by Lizzy Goodman casting light on the contemporary media phenomenon represented by the pop-star Stefani Germanotta aka Lady Gaga and the connection between music and fashion. Far be it from me to return talking about the issue of her iconic status, included in a post I wrote months ago(http://fashionbeyondfashion.wordpress.com/2010/03/30/lady-gaga-when-the-stylist-creates-a-style-icon ), it has to be recognized she made a successful marketing machine, influencing the mainstream with the same strong will of another very iconic pop-star, Madonna. Though I don’t question about the inner skills of this artist of whose talent I recognize, respect her work, without celebrating that, I focus on her as the maximum evidence of post-modernism era – an age of whose leitmotiv is reinterpreting past suggestions, unknown to many ones, the younger ones especially who thus celebrate a pop-star, considering her as innovative or underground when she is just inspired to what has done yesterday, being genuine and vibrant, instead of  a – charming – marketing product. A natural result arising from a status quo of contemporary society, destroying itself, canceling its past and culture, featuring Escapist works in the realm of arts, created to comfort people and to avoid making think them about too much – and the connection of pop with queer culture she made. She created a factory, the Haus of Gaga, including a team of stylists – as Nicola Formichetti, the former creative director of brand Thierry Mugler -, make-up artists, hair-stylists and assistants curating her image, collaborating also with brands as Alexander McQueen, Thierry Mugler, Hussein Chalayan, Jeremy Scott, Viktor & Rolf and many others. That made her an ambassador of fashion. A woman who wants to be a sexual object, but it’s just only up to her conditions. A modest result, being part of our contemporary history, showcased in the book by Lizzy Goodman. A must have for all the ones who are devoted to Lady Gaga as well as all the ones who want exploring the suggestions of contemporary times.

“LADY GAGA, I MILLE VOLTI DELLA NUOVA ICONA DEL POP”, UN LIBRO DI LIZZY GOODMAN

“Lady Gaga, i mille volti della nuova icona del pop” (Rizzoli editore, Euro 14,90), un libro scritto da Lizzy Goodman – tradotto da  Emanuela Damiani – che getta luce sul fenomeno mediatico contemporaneo rappresentato dalla pop-star Stefani Germanotta aka Lady Gaga  e la connessione tra musica e moda. Lungi dal ritornare a parlare sulla questione del suo status di icona di cui ho detto in un post, da me scritto mesi fa (http://fashionbeyondfashion.wordpress.com/2010/03/30/lady-gaga-when-the-stylist-creates-a-style-icon ), deve essere riconosciuto che costei ha realizzato una macchina di marketing di successo, influenzando la cultura di massa con la medesima forte volontà di un’altrettanto iconica pop-star, Madonna. Benchè non discuta sulle intrinseche qualità di quest’artista di cui riconosco il talento, rispetto il suo lavoro, senza però celebrarlo, mi interesso a lei quale massimo esempio dell’era del post-modernismo – un epoca il cui leitmotiv è reinterpretare suggestioni del passato, sconosciute a molti, specialmente ai più giovani che perciò celebrano una pop-star, considerandola innovativa o underground, quando costei si è soltanto ispirata a ciò che è stato fatto ieri ed era autentico e vibrante, non un – seducente – prodotto  di marketing. Una naturale conseguenza che deriva da uno status quo della società contemporanea che sovente distrugge sé stessa, cancella il suo passato, la sua cultura ed ha quale protagonista opere escapiste nell’ambito delle arti, create per confortare la gente e evitare di farla pensare troppo – e della connessione del pop con la cultura queer da lei realizzata. Costei ha creato una  factory, la Haus of Gaga che include un team di stylists – quale Nicola Formichetti, l’attuale direttore creativo del brand Thierry Mugler -, make-up artist, hair-stylist e assistenti che curano la sua imagine, collaborando anche con brand quali Alexander McQueen, Thierry Mugler, Hussein Chalayan, Jeremy Scott, Viktor & Rolf e molti altri. Ciò l’ha resa un’ambasciatrice della moda. Una donna che vuole essere un’oggetto sessuale, ma soltanto alle sue condizioni. Un modesto risultato che é parte della nostra storia contemporanea, esposto nel libro di Lizzy Goodman. Un must have per tutti coloro che sono devoti a Lady Gaga  come anche tutti coloro che vogliono esplorare le suggestioni della contemporaneità.