Still from the France de Griessen's video "Ballerina" directed by Benoît Lelièvre: http://vimeo.com/groups/1555/videos/11605106

                                                                  http://vimeo.com/groups/1555/videos/11605106

Freedom, art, eccentricity and rock’n roll depicts France de Griessen, Belgian vibrant eclectic artist and singer of whose work “comes straight” – as she asserts – “from my heart and soul”. I’d rather die – says the artist than live in a world in which I am deprived of these things. As Patti Smith beautifully puts it in her song “Rock’n’Roll Nigger”: “I was lost in a valley of pleasure/I was lost in the infinite sea/I was lost, and measure for measure/love spewed from the heart of me/I was lost, and the cost/ and the cost didn’t matter to me/ I was lost, and the cost/ was to be outside society.”A genuine artist and amazing individual telling about herself – during a touching conversation -, succesfully making concrete all the values being joining with me along with many individuals who feel, act and live under the sign of freedom an sharing.

When did you start to be involved with music?

“I started out by creating a multimedia  theater and performance art company called “Teen Machine”. The shows would combine elements of theater, music, dance and video/super-8/photography. Then I met composer and musician Michaël Gadrat in 2003, while I was in the process of writing a concept-album about a female version of Billy The Kid. I was looking for someone to work with me on that project and he was exactly the kind of person and musician I was looking for. Teen Machine, then morphed into a duo and we toured and released the album called “Billy” in 2005. Later Michaël wanted to focus on teaching music, so our collaboration ended. I decided to embark on a solo career in the summer of 2006. Thus I asked François Shanka Maigret (from “No one is innocent” and “The Dukes”) if he would collaborate on a few songs with me for a solo EP, he said yes, and we got along musically so well that we kept the collaboration going.When I was 11 or 12, I found a copy of the New-York Dolls’ debut album in the local library and borrowed it, as I thought the cover photo looked so cool that I needed to hear this music immediately. Guys with makeup, glamourous women clothing, and punk rock’n’roll. Wow, I was hooked! I thought it was worth growing up to meet such people someday. Music has been my friend ever since, through bad and great times and I now like many different styles of music. There were times when I wanted to die and it was always music that helped me get my life back on track. Sometimes, it’s a song or even a bit of a song you hear, and your world is changed. For me, it’s like that, it’s been that important in my life. Thus I must say, even before I started to create my own music, I was involved with music: gathering influences, feelings, life experiences. It’s the same for any musician or artist I think. We watch, hear, live, feel and transform this into something to share with others”.

Music and art, two channels comunicating between themselves, that is how could be depicted your experience of expressing yourself?

“I am a pluridisciplinary artist, so yes i would say so. I need to create a whole world of my own. I guess because it was such a “complete” experience when I “met” music it has probaly influenced my vision! See, that New-York Dolls cover had it all : it was theatrical, had a vision about fashion, great design and lipstick written logo (a concept in itself since it obviously was inspired by serial killer William Heirens whose parents raised telling him that “All sex is dirty. If you touch anyone, you get a disease” http://www.francesfarmersrevenge.com/stuff/serialkillers/heirens.htm ). I love every aspect of being an artist, and how each medium can respond to another. Also, collaborations with other musicians, photographers, filmmakers, fashion designers are very important to me. Creating a thing of beauty and poetry according to my standards is what I find the most fulfilling as an artist, and I indeed feel the need to combine different ways of expressing myself to achieve that. The songs on my EP “Six Uses For a Heart” and on my upcoming LP were inspired by Andersen’s fairy tale “The Red Shoes” as I think this story is a great metaphor for the life of an artist: you need to be connected to your instincts, to “dance” because it’s your nature and you must do it, to find some sort of equilibrium between your demons and what keeps you alive and well. Which is why I wore dirty ballerina shoes with glitter on it for the photoshoot for the EP. Everything conveys a message, and I think using different ways to express something makes the message stronger”.

What are your forthcoming projects?

“A new LP, which is almost ready! And also a book with Sue Rynski (www.suerynski.com). She’s an incredible artist who has  photographed the underground Detroit scene at the end of the 70’s – Johnny Thunders, Patti Smith, Iggy Pop, Ron Asheton, Destroy All Monsters – of whose current work is totally amazing too. I met her about two years ago in Paris, and she has photographed many of my gigs, then we also did more “scheduled” photoshoots. Then came the idea to make a book with her photos and the lyrics of my songs.We are currently working on it. I recently had the honor to have my song ” I want to be you” featured on the soundtrack of Bruce LaBruce’s new movie “LA Zombie”  and he even directed the video for this song, which you can hear on the official trailer. I had been a fan for several years, and when I get to work with people whose work I adore, it means that things are going in a good direction. And for me, the good direction definitely involves people who share these values”.

LIBERTÁ ARTE, ECCENTRICITÁ E ROCK’N ROLL: FRANCE DE GRIESSEN    

 

France de Griessen

 

 Libertà, arte, eccentricità e rock’n roll dipingono France de Griessen, vibrante, eclettica artista e cantante belga il cui lavoro “proviene direttamente” – come afferma – “da cuore e anima”.”Morirei” – dice l’artista – piuttosto che vivere in un mondo in cui sono privata di queste cose. Come Patti Smith ha magnificamente inserito nella sua canzone “Rock’n’Roll Nigger”: “I was lost in a valley of pleasure/I was lost in the infinite sea/I was lost, and measure for measure/love spewed from the heart of me/I was lost, and the cost/ and the cost didn’t matter to me/ I was lost, and the cost/ was to be outside society”. Un’autentica artista e splendida individualità che si è raccontata – durante una emozionante conversazione -, concretizzando felicemente tutti i valori che accomunano me unitamente a molteplici individualità che sentono, agiscono e vivono all’insegna della libertà e condivisione”.

Quando hai iniziato ad occuparti di musica?  

“Ho cominciato creando un teatro multimediale ed una compagnia artistica di performer chiamata “Teen Machine”. Gli spettacoli avrebbero unito elementi di teatro, musica, danza e video-fotografia in super 8. Successivamente ho incontrato il compositore e musicista Michaël Gadrat nel 2003, mentre mi stavo occupando della scrittura di un concept-album su una versione femminile di Billy The Kid. Ero alla ricerca di qualcuno con cui lavorare insieme per quel progetto e costui era esattamente il tipo di individuo e musicista che stavo cercando. I Teen Machine si sono, poi trasformati in un duo e noi siamo andati in tounéee ed abbiamo pubblicato l’album chiamato “Billy” nel 2005. Successivamente Michaël voleva concentrarsi sull’insegnamento musicale, perciò la nostra collaborazione si è conclusa. Ho deciso di intraprendere la carriera da solista nell’estate del 2006. Pertanto ho chiesto a François Shanka Maigret (dei “No One Is Innocent” e “The Dukes”) se avrebbe collaborato con me per alcune canzoni per un EP da solista, ha acconsentito e abbiamo avviato una felice  collaborazione che abbiamo tuttora mantenuto. All’età di undici o dodici anni ho trovato una copia dell’album di debutto delle New-York Dolls presso la biblioteca del luogo e l’ho presa in prestito, pensando che la copertina fosse così cool sicchè avevo bisogno di ascoltare subito questa musica. Ragazzi truccati, incantevoli vestiti da donna e rock’n’roll punk. Wow, ero andata completamente in fissa! Pensavo che valesse la pena di crescere per incontrare un giorno questo tipo di persone. La musica è stata la mia amica da sempre in momenti tristi e felici e adesso apprezzo plurimi generi musicali. Ci sono stati momenti in cui volevo morire ed è stata sempre la musica che mi ha aiutato a rimettermi in carreggiata. Qualche volta è una canzone o un frammento di una canzone che si ascolta e il tuo mondo è cambiato. Per me è così, è ciò che ha avuto importanza nella mia vita. Pertanto devo dire che ancor prima che iniziassi a creare la mia musica, mi sono occupata di musica: accumulando influenze, sentimenti, esperienze di vita. Credo che ciò valga per ogni musicista o artista. Guardiamo, ascoltiamo, viviamo, sentiamo e trasformiamo tutto ciò in qualcosa da condividere con gli altri”.

 

Musica e arte, due canali che comunicano tra di loro, ciò è come potrebbe essere rappresentata la tua esperienza nell’esprimere te stessa?

“Sono un’artista multi-disciplinare, sicchè, si direi proprio che è così. Ho bisogno di creare un intero mondo che sia propriamente mio. Suppongo che sia dovuto al fatto che la musica è stata un’ esperienza così “completa” dal momento in cui ho “conosciuto” la musica, essa ha di certo influenzato il mio modo di vedere le cose! Considera che la copertina delle New-York Dolls cover aveva tutto ciò: era teatrale, aveva un formidabile visione della moda, un grande design ed il logo scritto con il rossetto (un concept in sè stesso dal momento che si ispirava ovviamente al serial killer William Heirens i cui genitori l’hanno cresciuto dicendo a lui che  “Tutto ciò che riguarda il sesso è sporco. Se tocchi qualcuno, ti ammali” http://www.francesfarmersrevenge.com/stuff/serialkillers/heirens.htm ). Amo ogni aspetto che deriva dall’essere un’artista e come ogni mezzo espressivo può rispondere a un altro. Anche le collaborazioni con altri musicisti, fotografi, registi, fashion designer sono molto importanti per me. Creare un qualcosa di bello e poetico che si basa sui miei standards è ciò che da artista trovo appagante e sento davvero l’esigenza di unire diverse modalità di espressione per realizzare tutto questo. Le canzoni del mio EP “Six Uses For a Heart” e il prossimo LP sono ispirate alla favola di  Andersen “Le scarpette rosse” poichè ritengo questa storia una grande metafora della vita di un’artista: hai bisogno di essere in contatto con i tuoi istinti per “danzare” perchè è nella tua natura e lo devi fare, trovare una specie di equilibrio tra i tuoi demoni e ciò che di mantiene vivo e ti fa stare bene. Questa è la ragione per cui ho indossato scarpette da ballo sporche cosparse di glitter per il servizio fotografico per l’ EP. Ogni cosa esprime un messaggio e credo che l’uso di diversi modi per esprimere qualcosa renda il messaggio più forte”.  

Quali sono i tuoi prossimi progetti?

“Un nuovo LP che è quasi pronto! E anche un libro con Sue Rynski (www.suerynski.com), incredibile artista che ha fotografato la scena underground di Detroit alla fine degli Anni Settanta – Johnny Thunders, Patti Smith, Iggy Pop, Ron Asheton, Destroy All Monsters – il cui lavoro attuale è altrettanto meraviglioso. L’ho conosciuta circa due anni fa a Parigi ed ha fotografato molti dei miei concerti, poi abbiamo realizzato ulteriori shooting “programmati”.Successivamente è venuta l’idea di fare un libro con le sue fotografie ed i testi delle mie canzoni. Stiamo attualmente lavorando ad esso. Recentemente ho avuto l’onore di avere la mia canzone ” I want to be you” inclusa nella colonna sonora del nuovo film di Bruce LaBruce’s “LA Zombie”  che ha anche girato il video di questa canzone  ascoltabile nel trailer ufficiale. Sono stata una ammiratrice per diversi anni e quando ho avuto l’opportunità di lavorare con gente il cui lavoro adoro significa che le cose stasnno andando nella giusta direzione. E per me la direzione giusta di certo coinvolge gente che convidono questi valori. Recentemente ho avuto l’onore di avere la mia canzone ” I want to be you” inclusa nella colonna sonora del nuovo film di Bruce LaBruce’s “LA Zombie” che ha anche girato il video di questa canzone che si può ascoltare nel trailer ufficiale. Sono stata una ammiratrice per diversi anni e quando ho avuto l’opportunità di lavorare con gente il cui lavoro adoro significa che le cose stasnno andando nella giusta direzione. E per me la direzione giusta di certo coinvolge gente che convidono questi valori”. 

France de Griessen, still from her video "Ballerina" directed by Benoît Lelièvre "Revolution has your face" by France de Griessen

France de Griessen

 

“Dare” by France de Griessen

 

Revolution has your face by France de Griessen

  www.francedegriessen.com